Windows Dev Kit 2023 di Microsoft consente agli sviluppatori di sfruttare i processori AI sui laptop • TechCrunch

Alla conferenza Build di maggio, Microsoft ha presentato Project Volterra, un dispositivo basato sulla piattaforma Snapdragon di Qualcomm progettato per consentire agli sviluppatori di esplorare “scenari di intelligenza artificiale” tramite il toolkit Neural Processing SDK per Windows di Qualcomm. Oggi, Volterra, ora chiamato Windows Dev Kit 2023, è ufficialmente in vendita, al prezzo di $ 599 e disponibile su Microsoft Store in Australia, Canada, Cina, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti

Ecco come lo descrive Microsoft:

Con Windows Dev Kit 2023, gli sviluppatori potranno portare l’intero processo di sviluppo delle app su un dispositivo compatto, fornendo loro tutto ciò di cui hanno bisogno per creare app Windows per Arm, su Arm.

Come annunciato in precedenza, Windows Dev Kit 2023 contiene un processore AI dedicato, chiamato processore Hexagon, accompagnato da un chip basato su Arm, lo Snapdragon 8cx Gen 3, entrambi forniti da Qualcomm. Consente agli sviluppatori di creare app native di Arm e basate sull’intelligenza artificiale insieme e con strumenti come Visual Studio (la versione 17.4 viene eseguita in modo nativo su Arm), .NET 7 (che presenta miglioramenti delle prestazioni specifici di Arm), VSCode, Microsoft Office e Teams e framework di apprendimento automatico tra cui PyTorch e TensorFlow.

Kit di sviluppo Windows 2023

Windows Dev Kit 2023 di Microsoft, che racchiude un processore Arm più un chip acceleratore AI. Crediti immagine: Microsoft

Ecco l’elenco completo delle specifiche:

  • 32 GB di RAM LPDDR4x
  • Memoria NVMe veloce da 512 GB
  • Piattaforma di elaborazione Snapdragon 8cx Gen 3
  • RJ45 per ethernet
  • 3 porte USB-A
  • 2 porte USB-C
  • Mini DisplayPort (che supporta fino a tre monitor esterni, di cui due a 4K 60Hz)
  • Bluetooth 5.1 e Wi-Fi 6

Il Windows Dev Kit 2023 arriva insieme al supporto in Windows per le unità di elaborazione neurale (NPU) o chip dedicati su misura per carichi di lavoro specifici di intelligenza artificiale e machine learning. I chip AI dedicati, che accelerano l’elaborazione dell’IA riducendo l’impatto sulla batteria, sono diventati comuni nei dispositivi mobili come gli smartphone. Ma poiché app come upscaler di immagini e generatori di immagini basati sull’intelligenza artificiale stanno diventando più utilizzati, i produttori hanno aggiunto tali chip ai loro laptop (vedi Surface Pro X e 5G Surface Pro 9 di Microsoft).

Il Windows Dev Kit 2023 attinge al Qualcomm Neural Processing SDK per Windows recentemente rilasciato, che fornisce strumenti per la conversione e l’esecuzione di modelli di intelligenza artificiale su dispositivi Windows basati su Snapdragon oltre alle API per il targeting di colori del processore distinti con diversi profili di potenza e prestazioni. Usandolo e Neural Processing SDK, gli sviluppatori possono eseguire, eseguire il debug e analizzare le prestazioni di reti neurali profonde su dispositivi Windows con hardware Snapdragon, nonché integrare le reti in app e altro codice.

Gli strumenti vanno a vantaggio dei laptop basati sul sistema su chip Snapdragon 8cx Gen 3, come l’Acer Spin 7 e il Lenovo ThinkPad X13s. Progettato per competere con il silicio basato su Arm di Apple, l’acceleratore AI di Snapdragon 8cx Gen 3 può essere utilizzato per applicare l’elaborazione AI a foto e video. Microsoft e Qualcomm scommettono che i casi d’uso si espandono con il lancio di Windows Dev Kit 2023; Microsoft, da parte sua, ha iniziato a sfruttare gli acceleratori di intelligenza artificiale in Windows 11 per potenziare funzionalità come la rimozione del rumore di fondo.

Kit di sviluppo Windows 2023

Crediti immagine: Microsoft

In un post sul blog condiviso con TechCrunch prima dell’annuncio di oggi, Microsoft osserva che gli sviluppatori “dovranno installare la toolchain secondo necessità per i loro carichi di lavoro su Windows Dev Kit 2023” e che alcuni strumenti e servizi “potrebbero richiedere licenze aggiuntive, tariffe o entrambi. “

“Più app, strumenti, framework e pacchetti vengono trasferiti per indirizzare in modo nativo Windows on Arm e arriveranno nei prossimi mesi”, continua il post. “Nel frattempo, grazie alla potente tecnologia di emulazione di Windows 11, gli sviluppatori saranno in grado di eseguire molte app e strumenti x64 e x86 non modificati sul loro Dev Kit di Windows”.

Resta da vedere se Windows Dev Kit inverte la fortuna dei dispositivi Windows on Arm, che in gran parte non sono riusciti a decollare. Storicamente, sono stati meno potenti dei dispositivi basati su Intel pur soffrendo di problemi di compatibilità e prezzi altissimi ( Surface Pro X costava più di $ 1.500 al lancio). Le prestazioni delle app emulate sui primi dispositivi Windows basati su Arm tendevano a essere scarse e alcuni giochi non si avviavano a meno che non utilizzassero una particolare libreria grafica, mentre i driver per l’hardware funzionavano solo se erano stati progettati specificamente per Windows su Arm.

La situazione di Windows on Arm è migliorata negli ultimi tempi, grazie a hardware più potente (come Snapdragon 8cx Gen3) e al programma App Assurance di Microsoft per garantire che le app aziendali e aziendali funzionino su Arm. Ma l’ecosistema ha ancora molta strada da fare, con Unity, uno dei motori di gioco più popolari oggi, che solo questa mattina ha annunciato l’impegno a consentire agli sviluppatori di puntare sui dispositivi Windows on Arm per ottenere prestazioni native.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *