Truss licenzia il ministro dell’Interno mentre il governo britannico rischia l’implosione

(Bloomberg) —

I più letti da Bloomberg

Liz Truss ha licenziato il ministro dell’Interno Suella Braverman per quella che è stata descritta come una violazione della sicurezza nazionale, una mossa drammatica che accumula ancora più pressione sul premier britannico mentre si aggrappa al potere.

Braverman ha condiviso documenti segreti su un telefono cellulare personale, hanno affermato quattro funzionari che hanno familiarità con la questione. In una lettera a Truss pubblicata su Twitter, ha affermato di aver inviato un documento ufficiale dalla sua e-mail personale, il cui contenuto, secondo lei, era già stato informato ai parlamentari.

Questo è considerato grave, anche se normalmente non è un reato di fuoco. Ma il contesto politico è fondamentale, poiché Truss combatte per impedire che la sua premiership imploda.

Secondo una persona che ha familiarità con la questione, Braverman era in un elenco di ministri di gabinetto, i consiglieri di Truss preoccupati si stavano preparando a dimettersi per cercare di costringere il premier a ritirarsi dopo sei settimane disastrose in carica. Gli altri sono il segretario all’istruzione Kit Malthouse e il segretario al commercio Kemi Badenoch, ha detto la persona. Entrambi hanno detto a Bloomberg News che non si arrenderanno.

Eppure i timori della squadra di Truss illustrano fino a che punto l’autorità del primo ministro si sia disintegrata nel suo partito conservatore ribelle. Ad aggravare il senso di disperazione, Truss si è mosso rapidamente per sostituire Braverman con Grant Shapps, che ha apertamente complottato con i parlamentari conservatori per rimuovere il primo ministro. Che porta tutte le caratteristiche di un premier che non ha il controllo.

Scatto chiave

“In realtà voglio scusarmi, sono davvero stufo di questa soap opera tanto quanto i tuoi ascoltatori”, ha detto a LBC Radio il parlamentare Tory Bob Seely. “Sono francamente perplesso come tutti gli altri e sono davvero scontento della situazione”.

Braverman è il secondo titolare di uno dei cosiddetti Great Offices of State del Regno Unito ad essere licenziato da Truss. Kwasi Kwarteng, amico e alleato di lunga data di Truss, è stato rimosso dalla carica di Cancelliere dello Scacchiere dopo che il piano economico su cui lavoravano insieme è esploso di fronte alla pressione dei mercati finanziari, costringendo una serie di umilianti inversioni a U.

Anche arrivare alla fine di mercoledì potrebbe essere una sfida. L’esecutore del governo in Parlamento, il capo Whip Wendy Morton, si è dimesso a seguito di una brutale lotta per contenere una ribellione dei conservatori in un voto sul fracking del gas di scisto, secondo due persone a conoscenza della sua decisione. Anche il vice di Morton, Craig Whittaker, si è dimesso, ha detto la gente.

Il partito di Truss ha vinto il voto con 326 voti contro 230 alla Camera dei Comuni, il che avrebbe dovuto concedere al primo ministro un raro momento di tregua. Ma è probabile che le dimissioni provochino più problemi e il parlamentare laburista Chris Bryant ha chiesto un’indagine dopo le accuse di bullismo mentre le fruste del governo hanno cercato di convincere la gente a votare.

Truss avverte i conservatori britannici di non sfidarla sul fracking

Truss aveva avvertito i parlamentari conservatori di non votare contro il governo ed era stato emanato un ordine secondo cui anche l’astensione avrebbe comportato l’espulsione dal partito parlamentare. Ma il fracking è una questione spinosa e molti conservatori lo rifiutano a causa della feroce opposizione nei loro distretti.

Tory arrabbiati

Alcuni parlamentari conservatori si sono rivolti a Twitter per esprimere la loro sfida: l’ex ministro Chris Skidmore ha detto che non avrebbe votato a favore del fracking “per il bene del nostro ambiente e del clima” e ne avrebbe affrontato le conseguenze.

Non è affatto l’unico punto di pressione di fronte a Truss. C’è un’altra lite incombente sui pagamenti dei sussidi, che molti parlamentari conservatori vogliono che il governo aumenti in linea con l’aumento dell’inflazione. Ma il nuovo Cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt ha rifiutato di impegnarsi a farlo mentre cerca di riparare il danno fatto da Truss e Kwarteng con il loro piano economico.

Il timore tra i conservatori è che una riduzione dei benefici in termini reali danneggerà i più vulnerabili durante una crisi del costo della vita. Il sostegno dei conservatori è precipitato a un livello record nei sondaggi di opinione e il tasso di approvazione personale di Truss è sostanzialmente inferiore a quello del suo predecessore, Boris Johnson.

Hunt ha annullato la maggior parte delle politiche per ripristinare la stabilità finanziaria dopo che le finanze pubbliche del Regno Unito si sono improvvisamente disgregate. Ma così facendo, ha messo i Tory sulla strada per un altro round di punizione dell’austerità.

Tuttavia, secondo le persone che hanno familiarità con la questione, mercoledì Hunt ha detto ai Tories di base che si è impegnato ad aumentare la spesa per la difesa al 3% del PIL entro il 2030 – un impegno di Truss di lunga data – e si atterrà all’alta velocità progetto ferroviario HS2.

Rischi per Truss

La domanda più grande che devono affrontare i parlamentari conservatori è se e quando rimuovere Truss, con le prossime elezioni generali previste entro gennaio 2025. C’è un crescente consenso sul fatto che non dovrebbe essere autorizzata a guidare il partito a quel voto, ma profonde divisioni su chi vogliono i parlamentari farsi carico.

Nella sua lettera a Truss pubblicata su Twitter, Braverman ha attaccato in modo velato la performance del primo ministro. “Fingere di non aver commesso errori, andare avanti come se tutti non potessero vedere che li abbiamo fatti e sperare che le cose magicamente andranno bene non è una politica seria”, ha detto.

La sua partenza dall’incarico ha lasciato Westminster nervoso. Sebbene sia stata espulsa da Truss, pochi parlamentari perderanno il significato più ampio della perdita di un altro alleato chiave della destra ideologica del partito.

In assenza di un candidato all’unità – l’ex Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak e il leader della Camera dei Comuni Penny Mordaunt sono in corsa – sono le partenze del Gabinetto che rappresentano la minaccia più immediata per Truss. Il mandato di Johnson è stato interrotto dalle improvvise dimissioni dell’allora segretario alla salute Sajid Javid e Sunak, che hanno innescato un esodo di massa dal suo governo.

“Sono una combattente, non una che molla”, ha detto Truss alla Camera dei Comuni affrontando i legislatori per la prima volta da quando è stata costretta a buttare via la maggior parte del suo programma economico poche settimane dopo averlo annunciato.

–Con l’assistenza di Emily Ashton, Ellen Milligan e Joe Mayes.

(Aggiornamenti con le dimissioni del capo frusta nell’ottavo comma)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2022 Bloomberg LP

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *