Tomb Raider merita un remake in stile “Resident Evil”.

Tomb Raider Remake Xbox

Tomb Raider: Anniversary, la rivisitazione di Crystal Dynamics dell’originale del 1996, lanciato 15 anni fa su Xbox 360, che ci crediate o no. Sì, è passato un decennio e mezzo da quando l’unico remake della serie ha colpito Xbox e il suo compleanno mi ha fatto pensare al futuro della serie. Anche se ho apprezzato molto la recente trilogia di Crystal, in particolare il riavvio del 2013, ci deve essere più spazio per i remake di “Tomb Raider”, in particolare guardando indietro all’era PS1 del franchise.

Alcuni dei miei ricordi più belli dei giochi tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 riguardano Tomb Raider, in particolare il gioco originale attraverso L’ultima rivelazione su PlayStation 1. All’epoca ero un ragazzino, quindi il mio tempo di gioco era nel migliore dei casi sporadico, ma varie scene di quei giochi originali sono ancora incise al laser nel mio cervello fino ad oggi. E sì, questo include i famigerati imbrogli del maggiordomo nel frigorifero di Tomb Raider 2.

Tomb Raider

Ripensandoci, quei giochi avevano un’atmosfera così unica che la serie non è mai riuscita a replicare una volta passata dalla PlayStation originale. Certo, l’atmosfera un po’ inquietante sembrava almeno in parte nata dai limiti hardware della PS1, ma credo che abbia contribuito enormemente a ciò che Tomb Raider era tutto. Avere il pieno controllo di Lara in un ambiente 3D era una novità per l’epoca e ha contribuito a portare la serie alla celebrità, ma l’atmosfera premonitrice è ciò che mi è rimasto maggiormente impresso in tutti questi anni dopo.

Per una serie incentrata sul saccheggio di tombe e l’avventura in terre straniere, quei giochi più vecchi hanno semplicemente inchiodato la sensazione di essere là fuori, in mezzo al nulla, a cercare tesori dissotterrati e a combattere qualunque cosa ti capitasse di incontrare. Quei vecchi giochi erano al limite allarmante a volte (per qualche motivo il tizio del tutorial mi ha spaventato in The Last Revelation, insieme a tutti gli scontri con le tigri che la serie ha vomitato), ed è una sensazione che Tomb Raider non ha più esplorato da allora. Il gioco del 2013 è stato una sorta di “riavvio grintoso”, ma era ancora troppo roboante per essere mai realmente realizzato nel reparto dell’atmosfera.

Tomb Raider Xbox 360

Un aspetto dei giochi originali di Tomb Raider che non ha retto, nemmeno minimamente, è il sistema di controllo. Muoversi come Lara su un asse fisso non è divertente e, ad essere onesti, non lo è mai stato. All’epoca sembrava rivoluzionario muoversi in uno spazio 3D come quello, specialmente usando un controller, ma era sempre come se stessi combattendo contro i controlli anche allora. Qualsiasi tentativo di riprodurre l’originale negli ultimi anni è stato rapidamente accolto con un sospiro di delusione per i controlli che nessun livello di nostalgia può compensare. Dolore.

Ed è qui che, per un po’, è entrato in scena Anniversary. Il remake di Crystal Dynamics del 2007 è uno sforzo dannatamente buono, riuscendo a catturare la maggior parte di ciò che ha reso l’originale così accattivante a metà della fine degli anni ’90. Non è una versione perfetta Tomb Raider 1ma presenta un bel mix di modernizzazione unita ai tratti distintivi dell’originale che riuscì a farlo funzionare all’epoca.

Anniversario di Tomb Raider

Ma sono passati 15 anni da allora e ora anche Anniversary si sente un po’ stanco. Il combattimento è rigido, la grafica ovviamente ha fatto passi da gigante da allora e, in generale, quei giochi più vecchi sono probabilmente pronti per un altro aggiornamento. Embracer ora ha le chiavi del franchise e penso che sia giusto dare il via alle cose rendendo giustizia a ciò che ha reso la serie così memorabile in primo luogo.

La domanda è: che forma dovrebbe assumere? Il team potrebbe avere un tentativo in un altro riavvio, a quasi un decennio dall’ultimo, in base a ciò che ha reso quegli originali PS1 così iconici. Oppure, potrebbero seguire la strada di Capcom Resident Evil, prendendosi delle libertà con alcuni remake ispirati che combinano con successo la modernità con l’identità originale della serie. Prenderei quest’ultimo in questa fase, soprattutto vedendo quanto bene può essere fatto con artisti del calibro di Resident Evil 2 Remake.

Resi 2 Xbox
Immagine: Resident Evil 2, Capcom (2019)

Ascolta, tutto quello che sto dicendo è che credo sia ora che Tomb Raider torni indietro e modernizzi alcuni di quei primi giochi del franchise, in una forma o nell’altra. È una serie che merita di essere goduta su piattaforme moderne con controlli moderni (almeno lascia che Lara si muova liberamente!), e spero solo che se succede, il team porti quell’atmosfera classica con sé per il viaggio!

Cosa vorresti vedere dopo il franchise di Tomb Raider? Lascia cadere le tue idee nei commenti qui sotto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *