Sync Computing guadagna 15,5 milioni di dollari per ottimizzare automaticamente le risorse cloud

Dopo un boom di adozione del cloud indotto dalla pandemia nell’azienda, i costi stanno finalmente arrivando al microscopio. Msecondo un recente, più di un terzo delle aziende dichiara di aver superato il budget del cloud fino al 40%. cazzo dal fornitore di software di osservabilità Pepperdata. Un sondaggio separato di Flexera ha rilevato che l’ottimizzazione dell’uso esistente dei servizi cloud è un’iniziativa importante per il 59% delle aziende, essendo il costo la motivazione principale.

Un’intera industria artigianale di startup è nata attorno all’ottimizzazione del cloud computing. Ma uno in corsa, Sync Computing, afferma di legare in modo univoco obiettivi aziendali come la riduzione dei costi e del tempo di esecuzione direttamente alle configurazioni dell’infrastruttura di basso livello. Fondata come spin-out del Lincoln Laboratory del MIT, Sync ha ottenuto oggi $ 12 milioni in un round di finanziamento di venture capital (più $ 3,5 milioni di debiti) guidato da Costanoa Ventures, con la partecipazione di The Engine, Moore Strategic Ventures e National Grid Partners.

I co-fondatori di Sync Jeff Chou e Suraj Bramhavar hanno entrambi lavorato come membri dello staff tecnico del MIT Lincoln Laboratory prima di lanciare la startup. Bramhavar è arrivato al MIT come ricercatore di fotonica presso Intel, mentre Chou ha co-fondato un’altra startup, Anoka Microsystems, progettando un interruttore ottico a basso costo.

Sync è nato da innovazioni sviluppate presso il Lincoln Lab, tra cui a metodo per accelerare un problema di ottimizzazione matematica che si trova comunemente nelle applicazioni logistiche. Mentre molte soluzioni di costo del cloud forniscono consigli per l’ottimizzazione di alto livello o supportano flussi di lavoro che ottimizzano i carichi di lavoro, Sync va più in profondità, dicono Chou e Bramhavarcon dettagli e suggerimenti specifici dell’app basati su algoritmi progettati per “ordinare” le risorse appropriate.

“[We realized that our methods] può migliorare notevolmente l’utilizzo delle risorse di tutti i sistemi informatici su larga scala”, ha detto Chou a TechCrunch in un’intervista via e-mail. “Man mano che la legge di Moore rallenterà, questo diventerà un punto di svolta tecnologico chiave”.

Chou afferma che Sync non richiede molto in termini di dati storici per iniziare a ottimizzare le pipeline di dati e fornire risorse cloud di basso livello. Ad esempio, afferma, con i soli dati di una singola esecuzione precedente, alcuni clienti hanno accelerato i propri lavori Apache Spark fino all’80%: Apache Spark è il popolare motore di origine di analisi per l’elaborazione dei dati.

Sync ha recentemente rilasciato un’API e un “sintonizzatore automatico” per Spark su AWS EMR, la piattaforma di big data cloud di Amazon, e Databricks su AWS. Il supporto self-service per Databricks in Azure è in lavorazione.

“Il lancio della nostra API pubblica consentirà agli utenti di applicare in modo programmatico l’autotuner Sync a un gran numero di lavori e consentire il monitoraggio continuo di [cloud environments] con integrazione personalizzata”, ha affermato Chou. “La C-suite si occupa della gestione dei costi del cloud computing e il nostro sintonizzatore automatico Sync lo fa, accelerando anche l’output dei team di data science e analisi dei dati… Il prodotto consente inoltre ai data engineer di modificare rapidamente le impostazioni dell’infrastruttura per raggiungere gli obiettivi aziendali. Ad esempio, un giorno, i team potrebbero dover ridurre al minimo i costi e de-priorizzare il runtime, ma il giorno successivo potrebbero avere una scadenza difficile, quindi devono accelerare il runtime. Con Sync, questo può essere fatto con un solo clic”.

Sync ha applicato per la prima volta la sua tecnologia all’interno del Supercomputing Center del MIT prima di collaborare con centri di calcolo governativi ad alte prestazioni più grandi, incluso il Dipartimento della Difesa, con il quale ha un contratto da 1 milione di dollari. Ora, Sync afferma di avere circa 300 utenti registrati sulla sua app self-service e “diverse dozzine” di partner di progettazione che testano e forniscono feedback, tra cui Duolingo e gli ingegneri del gruppo Streaming Services della Disney.

“La pandemia e il recente clima economico sono stati un vantaggio per Sync, poiché il controllo dei costi del cloud attraverso una maggiore efficienza è ora una priorità per molte società native di software cloud-as-a-service. Molte aziende stanno bloccando le assunzioni e hanno bisogno di un “pulsante facile” per ridurre i costi del cloud senza aggiungere oneri o spese generali ai team già in sovraccapacità”, ha affermato Chou. “Con la recente recessione economica, la richiesta dell’approccio unico di Sync ha subito un’accelerazione drammatica, essendo già stata adottata dai principali clienti aziendali. La nostra sfida principale è che gli sviluppatori e i CTO vedano come ciò che abbiamo costruito è diverso e si rendano anche conto che entrambi possono trarre enormi vantaggi dal suo utilizzo”.

Chou afferma che il finanziamento dell’ultimo round, che porta il capitale totale raccolto da Sync con sede a Boston a $ 21,6 milioni, sarà destinato all’acquisizione di clienti, al marketing e alle vendite, allo sviluppo del prodotto e alla ricerca e sviluppo, inclusa l’aggiunta di integrazioni con i flussi di lavoro di ingegneria esistenti. Sync ha attualmente 14 dipendenti, un numero che Chou prevede salirà a 25 entro la fine dell’anno.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *