Playoff MLB: reazioni Yankees ALCS Game 3

Margine di errore. È una cosa infernale. La moneta esce testa, per così dire, e basta. Questa è l’intera differenza. Bene, la buona notizia è che nel gioco 3 di ALCS, il margine di errore non è stato quello che (esclusivamente) ha schiacciato gli Yankees. Invece, l’incompetenza offensiva era il cattivo della giornata (come è stato durante l’intera serie), sebbene il margine di errore abbia cospirato con un tempismo difensivo incredibilmente povero per aiutare a mettere il pugnale negli Yankees in Gara 3 e probabilmente nell’ALCS.

Quando Aaron Judge è andato a terra nella parte inferiore dell’ottavo per uccidere l’unico rally di Gara 3 degli Yankees, tutto ciò che potevo pensare era “è così che finisce la rivalità, non con un botto ma un piagnucolio”. Non si può sbagliare con TS Eliot. Se non era evidente prima di oggi, lo è adesso. Houston surclassa assolutamente New York.

Gli Houston Astros sono un’eccellente squadra di baseball. Era già evidente prima di questo gioco che il tuo margine di errore contro di loro è infinitesimale. Diamine. Anche se non è un vero errore, te lo fanno pagare. Se Luis Severino lancia quel tiro da due colpi ad Alex Bregman due pollici più dentro in Gara 2, per esempio … ma non lo ha fatto, e Bregman in qualche modo lo ha trasformato in un fuoricampo da tre punti, gli unici punti segnati da Houston in un 3 -2 vittorie.

Quindi, ovviamente, il bugaboo del margine di errore è emerso all’inizio di Gara 3. Non dovrei sottolineare la storia delle squadre della MLB che sono tornate da 3-0 nei playoff per vincere la serie. Questo gioco era con la M maiuscola Must. Vittoria con W maiuscola. E cosa rende più difficile vincere? Errori stupidi. E, per questa difesa in campo nei playoff, questo stupido errore è stato un errore non forzato su una volata che è un out 99 volte su 100.

Harrison Bader e Judge sono entrambi ottimi difensori. Ma questo non significa molto quando convergono su una palla al volo innocua e in qualche modo finisce sull’erba del campo esterno. Gerrit Cole avrebbe dovuto lanciare un secondo inning di sette tiri, impostato per affrontare il nove battitore e un gelido Jose Altuve nel terzo inning, con il punteggio al peggio legato a zero. Invece, un errore brutale, non forzato, imperdonabile e devastante si è trasformato in un vantaggio di 2-0 Astros dopo che Cole ha rinunciato a un breve portico speciale al battitore successivo.

Questo, contro un lanciatore di Astros che non li ha colpiti per sette inning l’ultima volta che lo hanno affrontato. Non puoi commettere errori come quelli che Judge e Bader hanno fatto contro la migliore squadra rimasta ai playoff e aspettarti di farla franca. Soprattutto considerando quanto sia inutile l’offesa degli Yankee. Quel vantaggio di 2-0 sembrava 20-0.

Ma non lasciamoci impantanare nell’enorme scoreggia cerebrale che ha portato Cole a rinunciare a quel dinger. Parliamo invece delle battute degli Yankees dei primi due inning, un microcosmo di questo gioco e della serie più in generale. Anthony Rizzo e il giudice? Pop-up interni. Giancarlo Stanton? Soffio. Gleyber Torres a piedi. Matt Carpentiere? Soffia su tre tiri. Più cattivo? Fai un salto al ricevitore. Josh Donaldson? Cancella. E non è che nessuno di questi ragazzi avesse qualcosa da colpire. Sicuramente sembra che molti toni medio-medi chiedessero solo di essere colpiti a lungo. Invece, non è possibile trovare una media di battuta prevista superiore a .020.

Cristian Javier lancia contro NYY; inning uno e due

Cole non era irreprensibile in questa voragine di occasioni mancate ed errori non forzati. Dopo la catastrofe Bader/Judge, non è riuscito a ritirare Chas McCormick, il battitore a otto buche della formazione di Houston, cedendo invece il dinger. E con il punteggio di 2-0, sapendo che New York avrebbe bisogno di ogni proiettile che ha in braccio per sopravvivere a questa partita con una vittoria, ha rosicchiato nel terzo e ha eliminato Trey Mancini con due out. Nessun ulteriore danno, ma il conteggio completo della camminata e poi i lanci verso l’uomo successivo significavano che Cole doveva lanciare lanci nel terzo piuttosto che più tardi nella gara.

Non è che gli Yankees non abbiano MAI avuto possibilità di segnare in questo. In testa al quinto, Bader ha lavorato su una passeggiata di vantaggio. Donaldson, però, è spuntato innocuo su un campo di 3-1 da un apparentemente alle corde Cristian Javier. Poi, dopo che Javier è passato al primo posto per due volte di seguito, Bader ha inspiegabilmente cercato di rubare il secondo. Il campo è stato un lancio glorificato e Bader è stato eliminato facilmente. Oswaldo Cabrera ha prontamente sbuffato e Javier è uscito dall’inning.

Nel sesto, con il conteggio dei tiri di Cole in salita, i tiri sprecati in anticipo potrebbero essere tornati a morderlo. Ha seguito un doppio leadoff camminando Kyle Tucker, poi ha ottenuto BABIP’d su un bloop colpito al campo destro. E questo è tutto. Si sente come se meritasse un destino migliore di quello che gli Yankees gli hanno concesso oggi. Ha dato alla sua squadra la possibilità di vincere al sesto inning. Ma un attacco inesistente e una difesa che ha deciso di diventare terribile nel periodo peggiore dell’anno hanno fatto sì che lasciasse questa partita in sospeso per la sconfitta.

Con Cole fuori gioco, gli Astros hanno organizzato una lezione di perfezionamento nel sesto posto su come far pagare una squadra quando si ottengono corridori in base. Una netta contrapposizione all’evidente incompetenza degli Yankees. Una mosca a sacco e una singola hanno sgombrato il campo e messo a letto questo gioco. Le differenze tra queste due squadre sono evidenti ed evidenti. Gli Astros sono implacabili e apparentemente non mancano mai di pestare la gola all’opposizione.

Colpi veloci

Non si può sopravvalutare quanto sia patetico l’attacco degli Yankees in questo momento. Un colpo e tre corridori che hanno raggiunto la posizione di punteggio, in una partita da non perdere in casa. Inaccettabile Spuntando ripetutamente campi colpibili sul campo interno. Inaccettabile Sì, gli infortuni sono sempre una denuncia. “Ma dj Ma Benintendi». All’universo non importa. I ragazzi sani hanno bisogno di sopravvivere. E non è che non ci siano stelle nella formazione degli Yankee.

Probabilmente è una bestemmia al limite inseguire Aaron Judge considerando la sua stagione 2022, ma ragazzo, questo gioco non era per il re degli home run dell’AL. L’errore in campo sembrava sicuramente che la parte del leone della colpa ricadesse sulle sue spalle larghe. E le sue battute: schifose. Alzati, colpisci oscillando, colpisci oscillando. Con due accesi e due eliminati nella parte inferiore dell’ottavo in meno di cinque: terreno debole al terzo posto. Non sembra se stesso al piatto da settimane. Ma uomo. Lo slugger gigante è diventato piccolo quando la sua squadra aveva più bisogno di lui.

Gli dei del baseball hanno uno squisito senso dell’umorismo. Yordan Alvarez è entrato in questa serie in pieno. Ha distrutto da solo i Seattle Mariners ei loro sogni. È 1 su 9 con una singolare base totale contro gli Yankees. altezzoso? 1 per 11. Se avessi detto ai fan degli Yankees prima della serie che attraverso tre partite, quei due avrebbero quelle linee statistiche? Sospetto che la maggior parte avrebbe pianificato un viaggio al Fall Classic.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *