Netball, Australia v Nuova Zelanda, game four, Diamonds, Silver Ferns, analisi, Catherine Cox, netball great, arbitri, fischio, sanzioni

Sono state 24 ore tumultuose per gli Australian Diamonds diretti nella serie che ha deciso la quarta partita della Constellation Cup domenica.

Mentre il dramma fuori campo sta facendo notizia in tutto il paese, i Diamonds hanno trovato la loro forma migliore nella terza partita per mantenere viva la serie.

Catherine Cox di Fox Netball anticipa cosa possiamo aspettarci per il gioco quattro sulla Gold Coast.

Guarda la più antica rivalità in Netball quando gli Origin Australian Diamonds affrontano la Nuova Zelanda nella Constellation Cup domenica alle 20:00 AEDT Live & Free su Kayo Freebies. Iscriviti ora e inizia subito lo streaming >

ALTRO FISCHIO IN ARRIVO IN DECIDER

I Diamonds hanno portato il fuoco e l’aggressività nella terza partita che era mancata in questa serie, con l ‘”argy-bargy” un fattore importante nella vittoria sulla Nuova Zelanda.

Ma mi aspetto che vedremo più fischi nella finale della Constellation Cup domenica.

La fisicità di entrambe le squadre era enorme in gara tre e ho pensato che fosse troppo. Ma i giocatori fanno quello che possono fare e gli arbitri hanno lasciato che entrambe le parti si contendessero.

C’erano sicuramente chiamate che sentivo avrebbero potuto essere saltate e che erano state perse. Ma finché è giusto ed equilibrato tra le due parti, questo è tutto ciò che possiamo chiedere.

Credo che gli arbitri avrebbero osservato molto bene la partita e ci saranno più fischi nella quarta partita decisiva.

Grace Nweke e Courtney Bruce si sono scontrate ripetutamente nel gioco tre.  Immagine: Darrian Traynor
Grace Nweke e Courtney Bruce si sono scontrate ripetutamente nel gioco tre. Immagine: Darrian TraynorFonte: Getty Images

Sarà senza dubbio un punto di discussione nel campo dei Diamanti questa settimana, poiché c’è una linea sottile tra quell’aggressività e il non essere penalizzato fuori dal gioco.

Mi aspetto che Stacey Marinkovich sia molto più accontentato per la quarta partita, data la prestazione che abbiamo visto da quella formazione sul suolo australiano.

Se rimane con i sette che hanno funzionato per lei, allora la pressione viene rimessa alla squadra poiché hanno dimostrato a tutti di poter giocare bene.

Hanno vinto con 15 gol: è un margine enorme e hanno già fatto la differenza nella serie per rivendicare la Coppa Constellation con una vittoria domenica.

Erano passati più di 1000 giorni tra le partite internazionali in casa per i Diamonds e l’hanno davvero acceso davanti ai loro fan.

Dopo le prime due partite, qualcuno mi ha detto ‘Sei preoccupato?’ e io ho detto: ‘Assolutamente no, vinceranno in casa’. Non giocano in casa da tanto tempo. E ora finalmente ci sono, hanno gli stadi esauriti. Alzano sempre un altro livello quando giocano in Australia.

Hancock tira un affare di netball da $ 15 milioni | 00:55

Non ero preoccupato che vincessero in casa.

Ma penso che la tappa neozelandese della serie abbia mostrato esattamente quanto sia grande la perdita di Gretel Bueta.

Con lo sparatutto stellare che annuncia di essere incinta del suo secondo figlio, Bueta non tornerà in tempo per la Coppa del Mondo del prossimo anno.

Senza Bueta in attacco, l’Australia sembrava una squadra abbastanza disconnessa in quelle prime due partite.

Ma quando sono tornati a casa in Australia, hanno trovato molto di più in termini di essere un po’ più stabili e sicuri di sé.

E Sophie Garbin ha giocato un ruolo importante in quell’attacco definitivo.

Ero così deluso dopo le prime due partite che nessun tiratore si è fatto avanti in assenza di Bueta e ha detto: “Sono io, prendo questo posto, perché ora è tutto aperto” per la Coppa del Mondo.

Qualcuno ha bisogno di alzarsi. Qualcuno deve alzare la mano e non è successo nelle prime due partite.

Jo Weston con la sfida fisica sull’avversario Te Paea Selby-Rickit. Immagine: Darrian TraynorFonte: Getty Images

Forse erano i tiratori a essere consapevoli della posta in gioco e i nervi di tutto ciò.

Ma per Garbin, la terza partita è stata un grande, grande momento per lei e ha fatto esattamente quello che i Diamanti avevano bisogno che lei facesse: essere solida, tirare bene ed essere il bersaglio di cui avevano bisogno con Gretel fuori.

Mi dispiace per Sophie, dato che il trasferimento a Collingwood ci ha fatto grattare la testa: sapevamo che non avrebbe giocato a sparatutto.

Non è un attacco in porta secondo me – domina in tiratore. E ha mostrato quella capacità contro la Nuova Zelanda mercoledì sera.

Penso che Stacey Marinkovich probabilmente abbia detto: ‘Non ha davvero avuto una corsa in porta, daremo una combinazione che sappiamo funzionare’ come Cara Koenen e Steph Wood la prima opportunità. Ma non ha funzionato per l’Australia.

È così bello vedere Sophie fare bene laggiù dato che Stacey Marinkovich aveva detto di aver spento le luci e meritato l’inizio.

Sicuramente Garbin ha fatto abbastanza per iniziare nel gioco quattro. Penso che si meriti quel posto.

È dura per gli allenatori che stanno cercando di sfruttare questo tempo per ottenere le combinazioni giuste per un anno di Coppa del Mondo.

Argento Felci giù Diamanti di nuovo | 01:26

Stacey Marinkovich sarebbe stata sotto ogni sorta di pressione per la terza partita. Ora ha l’opportunità di cementare quella partenza sette.

È stata in una posizione davvero diversa in questa serie, dopo aver vinto la medaglia d’oro ai Giochi del Commonwealth, cercando di ottenere entrambe le combinazioni e trovare l’equilibrio vincente.

Marinkovich probabilmente ha optato per troppi cambiamenti nelle prime due partite piuttosto che lasciarli stabilizzare e combattere davvero.

E affronteranno una rissa domenica sera.

Non c’è dubbio che l’allenatore dei Ferns Noeline Taurua sarà nervoso, ma penso che sarà pompata per avere un’altra possibilità di affrontare i Diamonds sul suolo australiano.

Noeline guarda sempre al quadro generale, con la Coppa del Mondo di luglio al centro dell’attenzione.

Questa quarta partita sarà un ottimo test per loro: se i Silver Ferns vogliono vincere una Coppa del Mondo, ora sanno come sarà il livello, come saranno il gioco e la fisicità.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *