Nelle prime 3 partite di Utah Jazz, Lauri Markkanen sembrava una star

NEW ORLEANS — Mike Conley non è abituato ad avere un vantaggio di 7 piedi in contropiede. Quindi, quando Lauri Markkanen degli Utah Jazz ha rubato la palla ai New Orleans Pelicans domenica sera ed è andato dritto in campo, guidando il contropiede, Conley ha dovuto dare un po’ di gas.

“L’ho visto prenotare e ho dovuto accelerare”, ha detto Conley. “Doveva rallentare solo per potermi passare”.

Markkanen ha servito con calma la palla a Conley per il secchio, dando al Jazz un vantaggio di 12 punti nel terzo quarto. I Jazz alla fine avrebbero avuto bisogno dell’eroismo di Markkanen nel quarto, quando Jordan Clarkson ha quasi girato la palla su un passaggio sbagliato. Markkanen è corso in campo, ha salvato la palla e l’ha restituita a Clarkson che ha poi segnato un tiro di pareggio a 33 secondi dalla fine. Quel tiro mandò la partita ai tempi supplementari dove i Jazz avrebbero vinto, 122-121, per migliorare a 3-0 nella stagione.

Mentre i due assist sono stati momenti salienti, Markkanen è stato brillante in ogni aspetto domenica. Ha concluso con un record di 31 punti, incluso un perfetto 11 su 11 dalla linea di tiro libero, per andare con 12 rimbalzi.

Mentre Markkanen è arrivato 7° assoluto nel draft 2017 e ha avuto prestazioni davvero impressionanti nelle sue prime due stagioni in campionato con i Chicago Bulls, guadagnandosi un posto nelle squadre Rising Stars durante il weekend All-Star e portando a qualche potenziale ronzio All-Star , ha avuto alcuni infortuni e il suo utilizzo è diminuito negli ultimi anni.

Quest’estate, Markkanen ha festeggiato assolutamente durante il torneo EuroBasket, portando la nazionale finlandese ai quarti di finale, e ha aperto molti occhi sul tipo di giocatore che avrebbe potuto essere se gli fosse stata concessa l’opportunità di espandere il suo gioco. Si è mostrato come un portatore di palla, come un creatore e come un marcatore a tutti e tre i livelli.

“Ho mostrato a me stesso che posso fare più cose sul pavimento su entrambe le estremità e questo ha rafforzato la mia fiducia”, ha detto Markkanen. “Quindi, mi sento pronto per l’anno”.

Dopo che i Jazz hanno acquisito Markkanen nello scambio che ha inviato Donovan Mitchell ai Cleveland Cavaliers, il nuovo allenatore Will Hardy ha detto a Markkanen che voleva dargli lo spazio per mostrare all’NBA di cosa era capace.

“Sto solo costruendo sull’estate. È stata una grande rappresentazione del gioco di Lauri nel suo insieme e ha più da offrire di quanto forse ha mostrato in passato”, ha detto Hardy. “Abbiamo bisogno della sua versatilità e gli chiederemo ogni sera di fare una varietà di cose diverse su entrambe le estremità del campo. Voglio dire, ha fatto di tutto, dalle ali di guardia alla guardia [Nikola] scherzo. Si è occupato del pick-and-roll, ha impostato alcuni schermi e ha distanziato il pavimento. Come allenatore, è un lusso avere un giocatore che ha quel livello di versatilità”.

Anche con il suo successo iniziale a Chicago e mantenendo essere un giocatore apprezzato, e anche con le sue prestazioni sfrenate a livello internazionale, c’erano molti giocatori che non si aspettavano il tipo di giocatore che è Markkanen. Compresi i suoi compagni di squadra.

“Lauri Mak. Quel tipo è così freddo. Non ne avevo idea”, ha detto Malik Beasley. “Ogni singola partita fa qualcos’altro e io gli dico, ‘sei freddo come (imprecazione).’ Tira, arriva sul bordo, schiaccia la palla, si muove, fa di tutto per la squadra”.

I Jazz hanno visto il potenziale per una stella in Markkanen ed è per questo che lo volevano nel commercio di Cleveland. Sebbene i Jazz abbiano scambiato il loro potere da star più letale durante la bassa stagione, c’era sicuramente qualche speranza che, nonostante fosse in una stagione di ricostruzione, che la squadra sarebbe stata in grado di avere una sorta di rappresentanza all’All-Star Game che si terrà nello Utah il prossimo febbraio.

È incredibilmente presto per fare qualsiasi tipo di pronostico o sapere che tipo di competizione ci sarà quando le schede verranno compilate, ma Markkanen ha iniziato la stagione 2022-23 facendo il miglior caso della sua carriera finora. Ha una media di 24 punti, 9,7 rimbalzi e 3,7 assist, tutti record in carriera.

“E ‘una buona misura qui”, ha detto Markkanen. “Ho cercato di rimanere attivo e aggressivo su entrambe le estremità ogni volta che esco. È un buon inizio, ma dobbiamo ancora continuare ad imparare e continuare a migliorare”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *