Musk ha un piano “super app” per Twitter. È super vago

Elon Musk ha un debole per la lettera “X”. Chiama suo figlio con il cantante Grimes, il cui vero nome è una raccolta di lettere e simboli, “X”. Ha chiamato la società che ha creato per acquistare Twitter “X Holdings”. La sua compagnia missilistica è, ovviamente, SpaceX.

Ora apparentemente intende anche trasformare Twitter in una “app per tutto” che chiama X.

Per mesi, il Tesla TSLA,
-7,55%
e il CEO di SpaceX ha espresso interesse a creare la sua versione di WeChat cinese, una “super app” che fa chat video, messaggistica, streaming e pagamenti, per il resto del mondo… Almeno, una volta che avrà finito di acquistare Twitter TWTR,
+0,22%
dopo mesi di lotte legali per l’accordo di acquisto da 44 miliardi di dollari che ha firmato ad aprile.

Ci sono solo alcuni ostacoli. Il primo è che un Twitter di proprietà di Musk non sarebbe l’unica azienda globale a perseguire questo obiettivo, e in effetti probabilmente starebbe recuperando terreno con i suoi rivali.

La prossima è la domanda se qualcuno vuole davvero un’app per tutto basata su Twitter, o qualsiasi altra super app, per cominciare.

Inizia con la concorrenza e la domanda dei consumatori. Il genitore di Facebook Meta META,
-2,71%
ha trascorso anni cercando di rendere la sua piattaforma di punta una destinazione per tutto online, aggiungendo pagamenti, giochi, shopping e persino funzionalità di incontri al suo social network. Finora ha avuto scarso successo; quasi tutte le sue entrate provengono ancora dalla pubblicità.

Google GOOGLE,
-2,52%

GOOG,
-2,54%,
Snap SNAP,
-5,58%,
TikTok, Uber UBER,
-1,16%
e altri hanno anche provato a saltare sul carro delle super app, ampliando le loro offerte nel tentativo di diventare indispensabili per le persone durante la loro giornata. Nessuno finora ha dato fuoco al mondo, anche perché le persone hanno già a disposizione una serie di app per gestire gli acquisti, la comunicazione e i pagamenti.

“Le vecchie abitudini sono difficili da rompere e le persone negli Stati Uniti sono abituate a utilizzare app diverse per attività diverse”, ha affermato Jasmine Eenberg, analista principale di Insider Intelligence.

Eenberg osserva inoltre che le super app probabilmente assorbirebbero più dati personali in un momento in cui la fiducia nelle piattaforme social è peggiorata in modo significativo.

Musk ha dato il via all’ultimo giro di speculazioni il 18 ottobre 4, il giorno in cui ha annullato i suoi tentativi di uscire dall’accordo e ha annunciato che dopotutto voleva acquisire Twitter. “L’acquisto di Twitter è un acceleratore per creare X, l’app per tutto”, ha twittato senza ulteriori spiegazioni.

Ma in passato ha fornito almeno un po’ più di dettagli. Durante la riunione annuale degli azionisti di Tesla ad agosto, Musk ha detto alla folla in una fabbrica vicino ad Austin, in Texas, che pensa di “avere un buon senso di dove indirizzare il team di ingegneri con Twitter per renderlo radicalmente migliore”.

E ha lasciato alcuni forti suggerimenti sul fatto che la gestione dei pagamenti per beni e servizi sarebbe una parte fondamentale dell’app. Musk ha detto di avere una “visione più grande” per quello che avrebbe potuto essere X.com, una banca online che ha avviato all’inizio della sua carriera e che alla fine è diventata parte di PayPal.

“Ovviamente potrebbe essere iniziato da zero, ma penso che Twitter aiuterebbe ad accelerare da tre a cinque anni”, ha detto Musk ad agosto. “Quindi è una specie di qualcosa che pensavo sarebbe stato abbastanza utile per molto tempo. So cosa fare.”

Ma non è chiaro se il successo di WeChat in Cina significhi che la stessa idea si tradurrebbe per un pubblico statunitense o globale. L’utilizzo di WeChat è quasi universale in Cina, dove la maggior parte delle persone non ha mai avuto un computer a casa ed è passata direttamente a collegarsi online con il telefono cellulare.

Gestito dal gigante tecnologico Tencent Holding Ltd TME,
-2,79%

700,
+1,22%.
, la piattaforma è diventata uno sportello unico per i pagamenti e altri servizi e sta iniziando a competere nell’intrattenimento. È anche una piattaforma per le app di codici sanitari che il pubblico è tenuto a utilizzare per prevenire la diffusione del coronavirus.

La Cina ha 1 miliardo di utenti Internet e quasi tutti si collegano online tramite telefono cellulare, secondo il China Internet Network Information Center approvato dal governo. Solo il 33% utilizza computer desktop, e per lo più in aggiunta ai telefoni cellulari.

Tencent afferma che WeChat aveva 1,3 miliardi di utenti in tutto il mondo alla fine di giugno.

Tencent e il suo principale concorrente cinese, il gigante dell’e-commerce Alibaba Group BABA,
-2,65%,
mira a creare app che offrono così tanti servizi che gli utenti non possono passare facilmente a un’altra app. Non sono gli unici.

WeChat ha aggiunto videochiamate e altre funzionalità di messaggistica, nonché shopping, intrattenimento e altre funzionalità. Le agenzie governative lo usano per inviare annunci su salute, traffico e altri. La funzione di pagamento di WeChat, nel frattempo, è così ampiamente utilizzata che i bar, i musei e alcune altre attività commerciali rifiutano i contanti e accetteranno il pagamento solo tramite WeChat o l’app rivale Ant.

Non esiste un’app paragonabile negli Stati Uniti, nonostante gli sforzi delle aziende tecnologiche.

Vale la pena ricordare che le grandi visioni di Musk non sempre funzionano nel modo in cui sembra aspettarsi. Gli umani non sono affatto vicini alla colonizzazione di Marte e la sua flotta di robotassi promessa rimane lontana dalla realtà quanto il metaverso.

La base di utenti di Twitter è anche piccola rispetto a quella dei suoi concorrenti di piattaforme social. Mentre Facebook, Instagram e TikTok hanno superato il miliardo di persone molto tempo fa, Twitter ha circa 240 milioni di utenti giornalieri.

“Musk non dovrebbe solo superare l’ostacolo di convincere i consumatori a cambiare il modo in cui si comportano online, ma anche che Twitter è il posto giusto per farlo”, ha affermato Eenberg.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *