Lo spettacolo VR “The Infinite” di Bay Area è un tributo alla luce, allo spazio

Un paio di regole di base per vivere sulla Stazione Spaziale Internazionale: non indossi mai scarpe (i calzini vanno bene) e non c’è vergogna a vivere in mezzo al disordine.

Dal mio punto di vista, visti attraverso occhiali e cuffie di realtà virtuale immersiva mentre si trovano all’interno di un magazzino nella East Bay, gli astronauti che galleggiano sopra la Terra all’interno della stazione spaziale sono scalzi e disordinati.

Ho visto corridoi stipati di scatole come cubetti di ghiaccio sul fondo di un bicchiere, e c’erano fili galleggianti che spuntavano dalle pareti. L’atmosfera informale mi ha aiutato ad acculturarmi a un’esperienza altrimenti fuori dal mondo.

L'editor di viaggi di SFGATE Silas Valentino indossa un visore VR come parte di

Silas Valentino, editor di viaggi di SFGATE, indossa un visore VR come parte di “The Infinite”, un’esperienza spaziale immersiva attualmente ospitata all’interno del Craneway Pavilion sul lungomare di Richmond.

Carlo Russo/SFGATE

Come un fantasma della stazione spaziale, ho visto gli astronauti fluttuare tra i loro compiti regolari – coltivare verdure nello spazio, pompare ferro per mantenere i muscoli attivi e guardare i continenti del vicino pianeta blu – basandosi su un programma calcolato per mantenerli, beh , a terra.

La stazione spaziale compie 16 orbite della Terra in un periodo di 24 ore. Ciò significa che gli astronauti viaggiano attraverso 16 albe e tramonti al giorno. Per mantenere la loro sanità mentale e il carico di lavoro occupato, rispettano un programma costante. A volte hanno bisogno di un promemoria per tornare nella loro camera da letto, che è attaccata al soffitto e li lega.

A 254 miglia sopra di noi, gli astronauti non sono più terrestri, ma ciò non significa che abbiano sacrificato la loro umanità. E disegnare questa connessione è esattamente l’obiettivo della mostra. Soprannominata “Space Explorers: The Infinite”, l’esperienza VR occupa parte del Craneway Pavilion a Richmond, che un tempo era uno stabilimento di assemblaggio Ford situato lungo la costa di Richmond.

L'astronauta Joseph R. Tanner, specialista della missione STS-115, saluta la fotocamera digitale del suo collega della passeggiata spaziale, l'astronauta Heidemarie M. Stefanyshyn-Piper mentre i due condividono compiti di attività extraveicolare (EVA) durante la prima delle tre passeggiate spaziali programmate.  Gli astronauti STS-115 e i membri dell'equipaggio della Expedition 13 stanno unendo gli sforzi questa settimana per riprendere la costruzione della Stazione Spaziale Internazionale.

L’astronauta Joseph R. Tanner, specialista della missione STS-115, saluta la fotocamera digitale del suo collega della passeggiata spaziale, l’astronauta Heidemarie M. Stefanyshyn-Piper mentre i due condividono compiti di attività extraveicolare (EVA) durante la prima delle tre passeggiate spaziali programmate. Gli astronauti STS-115 e i membri dell’equipaggio della Expedition 13 stanno unendo gli sforzi questa settimana per riprendere la costruzione della Stazione Spaziale Internazionale.


Immagine per gentile concessione di The Infinite

I clienti di The Infinite provano le cuffie al Craneway Pavilion di Richmond giovedì 10 ottobre  13, 2022.

I clienti di The Infinite provano le cuffie al Craneway Pavilion di Richmond giovedì 10 ottobre. 13, 2022.


Carlo Russo/SFGATE

L'editore culturale di SFGATE Dan Gentile indossa un visore VR come parte di The Infinite, un'esperienza spaziale immersiva attualmente ospitata all'interno del Craneway Pavilion sul lungomare di Richmond, giovedì 18 ottobre  13, 2022.

L’editore culturale di SFGATE Dan Gentile indossa un visore VR come parte di The Infinite, un’esperienza spaziale immersiva attualmente ospitata all’interno del Craneway Pavilion sul lungomare di Richmond, giovedì 18 ottobre 13, 2022.


Carlo Russo/SFGATE

Una scena delle scene VR di The Infinite, un'esperienza spaziale immersiva attualmente in mostra al Craneway Pavilion.

Una scena delle scene VR di The Infinite, un’esperienza spaziale immersiva attualmente in mostra al Craneway Pavilion.


Immagine per gentile concessione di The Infinite


I filmati della Stazione Spaziale Internazionale, in alto a sinistra e in basso a destra, sono mostrati in “The Infinite”, che i partecipanti vedono attraverso un visore VR. (Immagini per gentile concessione di The Infinite e di Charles Russo/SFGATE)

La mostra è stata inaugurata la scorsa settimana e durerà fino alla fine dell’anno, con possibilità di ampliamento. Una joint venture di PHI Studio e Felix & Paul Studios, “Space Explorers: The Infinite” è un circo itinerante che utilizza tecnologie all’avanguardia (in particolare, il visore Oculus Quest 2) per posizionare i partecipanti all’interno della stazione spaziale .

Ad ogni persona viene data una cuffia e, dopo un po’ di divertente iniziazione, inclusa una voce fuori campo che spiega come siamo tutti un tributo alla luce e allo spazio, si entra in una grande stanza con pavimento leggermente imbottito. Dopo esserti ambientato nella tua grafica digitale, ti viene insegnato a evitare le linee rosse che indicano la barriera e ad evitare di avvicinarti troppo ad altri umani.

Jenna Starkey di San Francisco prova il visore VR a

Jenna Starkey di San Francisco prova il visore VR a “The Infinite”, un’esperienza spaziale immersiva attualmente ospitata all’interno del Craneway Pavilion sul lungomare di Richmond.

Carlo Russo/SFGATE

L’esperienza è suddivisa in quattro sezioni che ti guidano dolcemente lungo l’esperienza della vita quotidiana sulla Stazione Spaziale Internazionale. Il finale ti vede seduto su una sedia simile a un teatro per sederti e guardare una passeggiata nello spazio fuori dalla stazione e sopra la Terra.

L’esperienza finisce per diventare una parte di Neil Armstrong e una parte di PT Barnum. È un’uscita abbagliante e ha persino fatto piangere un membro del mio gruppo quando siamo “tornati sulla Terra”.



I biglietti per gli adulti vanno da $ 44 nei giorni feriali a $ 54 nei fine settimana e per i bambini di età compresa tra 8 e 12 anni costa $ 24 nei giorni feriali e $ 29 nei fine settimana. L’esperienza è accessibile in sedia a rotelle e dura circa un’ora.

Un annuncio pubblicitario all'esterno del Craneway Pavilion a Richmond pubblicizza

Una pubblicità all’esterno del Craneway Pavilion a Richmond pubblicizza “The Infinite”, un’esperienza spaziale immersiva attualmente ospitata all’interno.

Carlo Russo/SFGATE

Rispetto a Blue Origin di Jeff Bezos (dove un posto su un volo spaziale del 2021 è stato venduto all’asta per $ 28 milioni) o SpaceShipTwo di Virgin Galactic (per i quali i biglietti sono $ 450.000), il prezzo del biglietto di $ 54 per “The Infinite” sembra gestibile per il resto del noi

L’esperienza si basa sulla serie “Space Explorers: The ISS Experience”, che viene definita “la più grande produzione mai girata nello spazio” e i suoi produttori non sono iperbolici. Felix & Paul Studios ha lavorato con Time Studios per collaborare con il National Space Station National Laboratory degli Stati Uniti, la NASA e altre cinque agenzie spaziali internazionali.

Il filmato che vedi è stato girato in tre anni per raccogliere più di 250 ore di filmati in realtà virtuale. Le intuizioni visive sulla vita nello spazio vengono analizzate in 60 mini clip che i partecipanti attivano schiaffeggiando una sfera luminosa. Per guardare tutte e 60 le sfere occorrerebbero almeno due ore e in realtà hai solo 35 minuti da dedicare all’esperienza: una saggia mossa di marketing dei produttori per attirare i visitatori.

I partecipanti esplorano lo spazio virtuale all'interno del Craneway Pavilion a Richmond come parte di

I partecipanti esplorano lo spazio virtuale all’interno del Craneway Pavilion a Richmond nell’ambito di “The Infinite” il 18 ottobre 13.

Carlo Russo/SFGATE

Lo spettacolo è stato progettato e realizzato a Montreal. Per le riprese, i produttori hanno comunicato con la NASA a Houston per inviare direttive agli astronauti sulla stazione spaziale. Questa è stata forse la ripresa cinematografica più elaborata di tutti i tempi e, per finire, il Canadarm ha contribuito ad alcune riprese esterne dall’esterno della stazione spaziale.

Una volta completata la mostra, è stata presentata per la prima volta a Montreal nel luglio 2021, rimanendo fino a novembre 2021. Il piano è di fermarsi in tre città all’anno fino al 2026. Prima della Bay Area, il tour si è fermato a Houston e Tacoma, Washington.

Il co-CEO Eric Albert mi ha detto che ci vogliono tre settimane per allestire ogni installazione e assumono circa 50 persone da ogni città per aiutare a mettere in scena lo spettacolo. Ha aggiunto che lo spettacolo è in continua evoluzione e aggiunge o sottrae video clip per le sfere.

La Bay Area è la prima a vedere una nuova clip di settembre 2019 degli astronauti che si radunano attorno al tavolo della stazione spaziale per celebrare uno dei membri dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale. L’astronauta Hazza Al Mansouri degli Emirati Arabi Uniti ha ricevuto in dono un’armonica da uno dei suoi compagni di equipaggio.

Video per gentile concessione di The Infinite

“Hazza, so che non è il tuo compleanno”, inizia a dire prima che un altro astronauta lo interrompa.

“Ogni giorno è il tuo compleanno nello spazio!” dice, mentre l’equipaggio continua a fluttuare nel modo più strano.

Una scena da

Una scena di “The Infinite”, un’esperienza spaziale immersiva attualmente in mostra al Craneway Pavilion di Richmond.

Immagine per gentile concessione di The Infinite

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *