L’ascesa e la caduta di Curtis “Cocky” Warren – soprannominato Pablo Escobar del Regno Unito – mentre è pronto per il rilascio

A un certo punto, Curtis Warren era così ricco che è apparso nella lista dei ricchi del Sunday Times.

All’epoca, nel 1997, si diceva che le ricchezze di Warren – stimate all’epoca in 40 milioni di sterline – fossero il risultato del suo “portafoglio di proprietà” e lo collocassero al 481° posto tra i più ricchi della Gran Bretagna.

Ma questo non era un legittimo uomo d’affari. Era invece l’uomo che aveva contrabbandato così tante droghe nel Regno Unito da essere conosciuto come il britannico Pablo Escobar.

Avendo stretto legami con un signore della droga colombiano che poteva garantire la migliore fornitura di cocaina in Gran Bretagna, “Cocky” Warren ha costruito un impero che gli ha procurato vaste ricchezze e notorietà.

Ma una diretta conseguenza dell’attività illegale di Warren furono i ripetuti incantesimi dietro le sbarre. Ora, il 59enne Warren, che ha guadagnato una fortuna stimata di 200 milioni di sterline, sarà rilasciato di nuovo dalla prigione il mese prossimo.

Era stato incarcerato nel 2009 per piani vili di contrabbandare 1 milione di sterline di cannabis nel Jersey. A quel tempo, è stato notato come si credeva che avesse contatti con la produzione di droga in paesi tra cui Iran, Marocco, America meridionale e centrale, Ghana, Tailandia e Australia.

Quando finalmente si libererà, l’uomo soprannominato “un grosso scouse con un vestito di conchiglia”, che una volta lavorava come buttafuori di un club nella sua città natale di Liverpool, avrà trascorso quasi metà della sua vita dalla parte sbagliata delle mura della prigione, con l’ultimo periodo di quasi 20 anni.

Nel tentativo di fermare ulteriori crimini quando esce di prigione, il famigerato criminale verrà bandito da Whatsapp e Facebook Messenger.

Tuttavia, Warren, che una volta si vantava di poter spendere £ 50.000 al giorno e di non “andare in bancarotta”, presumibilmente sarà libero di richiedere un passaporto britannico e non sarà soggetto a coprifuoco.

A un certo punto, Curtis Warren (nella foto sopra in una foto segnaletica della polizia nel 2009) era così ricco che è apparso nella lista dei ricchi del Sunday Times.  All'epoca, nel 1997, si diceva che le ricchezze di Warren - stimate all'epoca in 40 milioni di sterline - fossero il risultato del suo

Warren era l'uomo che aveva contrabbandato così tante droghe nel Regno Unito da essere conosciuto come il britannico Pablo Escobar

A un certo punto, Curtis Warren (nella foto a sinistra in una foto segnaletica della polizia nel 2009) era così ricco che è apparso nella lista dei ricchi del Sunday Times. All’epoca, nel 1997, si diceva che le ricchezze di Warren – stimate all’epoca in 40 milioni di sterline – fossero il risultato del suo “portafoglio di proprietà”. Ma questo non era un legittimo uomo d’affari. Era invece l’uomo che aveva contrabbandato così tante droghe nel Regno Unito da essere conosciuto come il britannico Pablo Escobar (a destra)

Warren era stato incarcerato nel 2009 per piani vili di contrabbandare 1 milione di sterline di cannabis nel Jersey.  Sopra: alcuni dei farmaci dopo che sono stati sequestrati dalla polizia

Warren era stato incarcerato nel 2009 per piani vili di contrabbandare 1 milione di sterline di cannabis nel Jersey. Sopra: alcuni dei farmaci dopo che sono stati sequestrati dalla polizia

Chi era Pablo Escobar?

Pablo Emilio Escobar Gaviria era un narcotrafficante colombiano

Pablo Emilio Escobar Gaviria era un narcotrafficante colombiano

Pablo Emilio Escobar Gaviria era un narcotrafficante colombiano.

Durante il suo periodo alla guida del cartello di Medellin, controllava oltre l’80% della cocaina spedita negli Stati Uniti.

Questo gli è valso il rango di una delle dieci persone più ricche del mondo di Forbes Magazine.

Escobar è entrato nel commercio di cocaina all’inizio degli anni ’70, collaborando con altri criminali per formare il cartello di Medellin.

Nonostante il suo ruolo di signore della droga, Escobar ha guadagnato popolarità sponsorizzando progetti di beneficenza e club di calcio.

Tuttavia, le campagne terroristiche condotte da Escobar hanno portato all’omicidio di migliaia di persone che hanno rivoltato il pubblico contro di lui.

Entro la metà degli anni ’80, Escobar aveva un patrimonio netto stimato di $ 30 miliardi, con contanti così diffusi che il contrabbandiere di droga acquistò un Learjet al solo scopo di far volare i suoi soldi.

Secondo quanto riferito, più di 15 tonnellate di cocaina venivano contrabbandate ogni giorno, guadagnando al cartello fino a 420 milioni di dollari a settimana.

Le forze dell’ordine colombiane hanno finalmente raggiunto Pablo Escobar il 2 dicembre 1993 in un quartiere della classe media a Medellin.

Ne è seguito uno scontro a fuoco e, mentre Escobar ha cercato di scappare attraverso una serie di tetti, lui e la sua guardia del corpo sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco.

Warren è nato a Liverpool nel 1963. Era il secondo figlio di Curtis Aloysius Warren, un marinaio nero della marina mercantile norvegese.

Sua madre Sylvia Chantre era la figlia di un addetto alle caldaie di un cantiere navale.

Il gangster aveva appena 12 anni quando abbandonò la scuola e iniziò la sua carriera criminale.

Il suo primo incontro con la polizia è arrivato quando è stato sorpreso alla guida di un’auto rubata, anche se all’epoca era ancora appena abbastanza grande per vedere oltre il volante.

Nel 1978, l’allora quindicenne fu condannato a tre mesi in un centro di detenzione ea 18 anni fu mandato a Borstal per aver aggredito agenti di polizia.

Poi, nel 1981, quando aveva 20 anni, Warren fu mandato in prigione per due anni per aver aggredito una prostituta e il suo cliente.

Il giudice gli ha detto che solo la sua giovinezza lo ha salvato da una condanna più lunga.

Quando è stato rilasciato, Warren ha lavorato come buttafuori per i club del Liverpool e poi ha avviato un’attività che organizzava portieri.

Ora, con il vantaggio di controllare l’accesso a molti luoghi, all’età di 22 anni si diceva che Warren vendesse cannabis ed ecstasy.

La successiva condanna al carcere arrivò nel 1983: una condanna a cinque anni per rapina a mano armata.

Ma il percorso di Warren per diventare sinonimo di Escobar – un uomo che divenne noto come il “re della cocaina” nel suo ruolo di capo del cartello di Medellin – iniziò davvero alla fine degli anni ’80, quando si unì a Brian Charrington e si diresse in Venezuela.

Gli uomini hanno organizzato l’importazione di cocaina sigillata all’interno di lingotti di piombo, rendendo difficile per le autorità rilevare dai raggi X.

Nel 1993, un processo sulla droga in cui fu coinvolto Warren fallì.

Secondo quanto riferito, Warren ha detto ai doganieri “Vado a spendere i miei 87 milioni di sterline dalla prima spedizione e non puoi toccarmi, cazzo”.

Nel 1995, Warren si è trasferito in Olanda, dove ha continuato la sua attività di contrabbando di cocaina.

Ma ora stava inviando la droga in Bulgaria, dove aveva comprato una quota di un’azienda vinicola.

Una volta che era qui, il grande piano di Warren prevedeva di sospendere la cocaina nel vino rosso e poi spedirla a Liverpool e liberarla dal liquido.

Nel 1993, un processo sulla droga in cui fu coinvolto Warren fallì.  Secondo quanto riferito, Warren ha detto ai doganieri

Nel 1993, un processo sulla droga in cui fu coinvolto Warren fallì. Secondo quanto riferito, Warren ha detto ai doganieri “Vado a spendere i miei 87 milioni di sterline dalla prima spedizione e non puoi toccarmi, cazzo”. Sopra: Warren nel 1992

Curtis Warren, di Liverpool, arrivato al Royal Court di St Hellier, nel Jersey, nel 2009, quando è stato condannato per aver tentato di contrabbandare cannabis sull'isola

Curtis Warren, di Liverpool, arrivato al Royal Court di St Hellier, nel Jersey, nel 2009, quando è stato condannato per aver tentato di contrabbandare cannabis sull’isola

Ma nel 1996, la polizia olandese ha intercettato 400 chili di cocaina che erano stati racchiusi nel piombo ed è stata sequestrata per la Bulgaria. Stavano ascoltando le sue telefonate.

‘Wh-ab-ite’: i codici usati da Warren per gestire il suo impero

Wh-ab-ite: Una forma alterata della parola “bianco”, un termine gergale per la cocaina

Limone: Da ‘lemon orzo’, che fa rima con ‘charlie’, un altro nome di strada per la cocaina

Banane: Le Bahamas

Il Duomo: Repubblica Dominicana

Auto e parcheggi: Navi e porti

In altri indirizzi controllati dal Liverpudlian hanno trovato 1.500 chili di resina di cannabis, 60 chili di eroina e 50 chili di ecstasy.

C’erano anche bombolette di gas “spray al peperoncino” da 960 CS, tre pistole, munizioni e £ 400.000 in fiorini olandesi.

Si diceva che l’intero carico di merci illecite valesse 125 milioni di sterline.

Warren è stato condannato a 12 anni di prigione, e poi sono stati concessi altri quattro anni dopo essere stato condannato per aver ucciso un altro prigioniero a seguito di una rissa nel cortile degli esercizi nel 1999.

Dopo aver scontato due terzi della sua pena – dieci anni e otto mesi in totale – Warren è stato rilasciato nell’estate del 2007.

Il suo primo atto è stato quello di tornare in Gran Bretagna per visitare la sua anziana madre.

Due anni dopo, Warren è stato condannato per il crimine che lo avrebbe tenuto dietro le sbarre fino a questo mese.

È stato incarcerato per 13 anni per un complotto per contrabbandare 1 milione di sterline di cannabis nel Jersey.

Lui e altri cinque avevano pianificato di inondare le strade dell’Isola del Canale con enormi quantità di droga.

La banda di Warren mirava ad acquistare 180 kg (400 libbre) di cannabis ad Amsterdam e poi portarla in macchina fino alla costa della Normandia, dove sarebbe stata imbarcata per Jersey.

Nel Jersey, il valore della droga in strada è lì volte superiore a quello del Regno Unito.

Sconosciuto a Warren, era seguito dalla polizia del Jersey e dalla Serious Organised Crime Agency.

Warren (a destra) è visto con il presunto co-cospiratore Jonathan Welsh all'aeroporto di Jersey.  Warren è stato incarcerato per 13 anni per un complotto per contrabbandare 1 milione di sterline di cannabis nel Jersey

Warren (a destra) è visto con il presunto co-cospiratore Jonathan Welsh all’aeroporto di Jersey. Warren è stato incarcerato per 13 anni per un complotto per contrabbandare 1 milione di sterline di cannabis nel Jersey

Una delle numerose case di proprietà di Warren nel Merseyside è vista sopra.  Warren è nato a Liverpool nel 1963

Una delle numerose case di proprietà di Warren nel Merseyside è vista sopra. Warren è nato a Liverpool nel 1963

Warren possedeva anche questa proprietà in Olanda, dove fu incarcerato nel 1996 per il suo ruolo in un altro complotto di contrabbando di droga

Warren possedeva anche questa proprietà in Olanda, dove fu incarcerato nel 1996 per il suo ruolo in un altro complotto di contrabbando di droga

All’epoca non riuscì nemmeno a pagare un ordine di confisca di 198 milioni di sterline.

La National Crime Agency ha affermato che Warren ha anche investito in un’impresa di estrazione dell’oro da 4 milioni di sterline in Guyana, insieme a più soldi in distributori di benzina e case in numerosi paesi.

Parlando con The Guardian dalla sua cella di prigione nel 2013, Warren ha cercato di affermare di essere antidroga.

Ha detto: ‘Semplicemente non va bene, vero? Maledizione, non ho mai bevuto una sigaretta in vita mia, né bevuto. Non ho mai assaggiato alcol o altro.

Il gangster non era dispiaciuto per le persone che aveva lasciato agganciate a personaggi del calibro dell’eroina. Invece, era più preoccupato per i sentimenti di sua madre.

Riferendosi alla sua condanna del 1979 per aver spaccato il cranio di una donna con un fucile durante una rapina a mano armata, ha detto: ‘Che mia madre lo legga! Non è roba bella da leggere.

“È come se l’ultima volta che sono stato arrestato in Olanda mi hanno detto che ero a letto con una prostituta. Non è vero, come dissi allora alla mia ragazza’.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *