Kanye West e Ed Sheeran, hacker di computer, 22 anni, hanno rubato canzoni inedite alle star e hanno guadagnato più di £ 130.000

Un HACKER che ha rubato musica inedita da Ed Sheeran e Kanye West è stato incarcerato.

Adrian Kwiatkowski, 22 anni, ha avuto accesso illegalmente agli account basati su cloud dei migliori artisti musicali e dei loro produttori per creare copie elettroniche di brani incompiuti.

Adrian Kwiatkowski è stato incarcerato per 18 mesi a Ipswich Crown Court

3

Adrian Kwiatkowski è stato incarcerato per 18 mesi a Ipswich Crown CourtCredito: PA
Kwiatkowski ha preso di mira account basati su cloud con musica di artisti tra cui Kanye West

3

Kwiatkowski ha preso di mira account basati su cloud con musica di artisti tra cui Kanye WestCredito: PA
La musica di Ed Sheeran è stata trovata sul laptop di Kwiatkowski

3

La musica di Ed Sheeran è stata trovata sul laptop di KwiatkowskiCredito: Reuters

Quando è stato perquisito il laptop Apple Mac dell’imputato, sono stati trovati 565 file audio di una serie di artisti famosi tra cui Sheeran, West e il rapper Lil Uzi Vert.

La polizia ha detto che Kwiatkowski, di Ipswich, Suffolk, ha guadagnato £ 131.000 dopo aver confermato di averli venduti con lo pseudonimo di Spirdark.

Joanne Jakymec del CPS ha detto che Kwiatkowski aveva “totale disprezzo per la creatività dei musicisti” e “ha rubato egoisticamente la loro musica per guadagnare soldi vendendola sul web oscuro”.

Un’indagine è stata avviata nel 2019 dall’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan a seguito di denunce di numerose società di gestione di diversi musicisti.

Hanno riferito che un individuo, noto online come Spirdark, aveva ottenuto l’accesso a una serie di account e stava vendendo il contenuto che era stato salvato in essi.

Le autorità sono state in grado di collegare l’indirizzo e-mail utilizzato per configurare l’account di criptovaluta di Spirdark a Kwiatkowski.

L’indirizzo IP utilizzato per configurare l’account è stato collegato a uno dei suoi dispositivi che ha rivelato il suo indirizzo di casa.

Gli investigatori hanno consegnato il caso alla Police Intellectual Property Crime Unit (PIPCU) della polizia della città di Londra ed è stato successivamente arrestato il 12 settembre 2019.

L’unità ha sequestrato sette dispositivi tra cui un disco rigido che conteneva 1.263 brani inediti di 89 artisti, ha detto la polizia.

Un documento salvato sul disco rigido riassumeva il metodo che aveva utilizzato per ottenerli.

Kwiatkowski ha detto alla polizia durante un’intervista di aver hackerato i musicisti e venduto le loro canzoni online. Ha confermato di aver venduto i brani con lo pseudonimo di Spirdark.

Bitcoin, allora del valore di £ 64.000, è stato sequestrato. Ulteriori revisioni del conto bancario di Kwiatkowski hanno mostrato che aveva depositato un totale di £ 67.275 da febbraio 2018 a settembre 2019, di cui £ 61.855 dai suoi conti in criptovaluta.

Kwiatkowski si è dichiarato colpevole alla Corte dei magistrati di Ipswich il 27 agosto per quattordici reati sul copyright, tre conteggi per uso improprio del computer e tre reati ai sensi del Proceeds of Crime Act.

Ha ammesso tre accuse di accesso non autorizzato a materiale informatico, 14 accuse di vendita di un articolo che viola il copyright, un’accusa di conversione di proprietà criminali e due accuse di proprietà criminali.

Kwiatkowski ha anche ammesso di aver accettato la criptovaluta in cambio delle canzoni.

‘SCHEMA COMPLESSO’

Fu condannato a 18 mesi di reclusione.

L’agente investigativo Daryl Fryatt dell’Unità per i crimini contro la proprietà intellettuale (PIPCU) della polizia della città di Londra ha dichiarato: “Kwiatkowski era un individuo altamente qualificato che sfortunatamente vedeva il potenziale nell’uso illegale delle sue capacità.

“Non solo ha causato danni finanziari significativi a diversi artisti e alle loro società di produzione, ma li ha privati ​​della possibilità di pubblicare il proprio lavoro.

“Questa indagine è un eccellente esempio del modo in cui la PIPCU e le sue agenzie partner lavorano oltre i confini internazionali per identificare le persone coinvolte in attività criminali.

“Kwiatkowski ora dovrà affrontare le conseguenze delle sue azioni e spero che questo risultato farà sì che i suoi clienti si astengano dall’acquistare nuovamente contenuti illegali”.

Il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin L Bragg Jr ha dichiarato: “Il crimine informatico non conosce confini e questo individuo ha eseguito un piano complesso per rubare musica inedita per riempirsi le tasche.

“New York e Londra sono capitali culturali del mondo e, attraverso la nostra partnership duratura con la Police Intellectual Property Crime Unit e le organizzazioni delle forze dell’ordine in tutto il mondo, abbiamo inviato un chiaro messaggio che abbiamo la capacità e gli strumenti per fermare questo tipo di attività criminali e proteggere le vittime”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *