IoT, incontra Blockchain: Knox Matrix è la nuova piattaforma di sicurezza IoT peer-to-peer di Samsung

Samsung ha recentemente annunciato alla sua conferenza degli sviluppatori (SDC) la sua nuova soluzione di sicurezza, Knox Matrix, che utilizza la tecnologia blockchain per proteggere un ecosistema di dispositivi. Samsung Knox è la piattaforma di sicurezza di Samsung che ha fatto progressi significativi all’interno dei dispositivi mobili.

I nostri smartphone non sono l’unico dispositivo soggetto a vulnerabilità nel mondo digitale di oggi. La maggior parte delle persone è coinvolta in uno o più ecosistemi digitali che potrebbero abbracciare una moltitudine di dispositivi. Poiché il numero di dispositivi smart home e IoT continua ad aumentare, è diventato altrettanto difficile garantire che ogni dispositivo connesso alla rete sia sicuro.

Samsung Matrix cerca di migliorare la sicurezza dei dispositivi connessi utilizzando la tecnologia blockchain. Diamo un’occhiata a Samsung Matrix e cosa significa per l’ecosistema digitale connesso.

IoT, incontra blockchain

L’Internet delle cose (IoT) è un termine ampio per qualsiasi dispositivo o cosa connesso a una rete di altri dispositivi o cose. L’esempio più rilevante è un uomo ritenuto intelligente con campanello, altoparlante, televisione, fornelli, frigorifero, ecc. collegati.

Poiché i dispositivi IoT sono diventati sempre più popolari e il numero di dispositivi IoT continua ad aumentare, le vulnerabilità all’interno dell’ecosistema aumentano di pari passo. Inoltre, non ci vuole molto per compromettere la sicurezza di un ecosistema. Tutto ciò che serve è che un dispositivo sia a rischio per un ecosistema di dispositivi connessi e tu sei valido solo quanto il tuo anello più debole. Queste vulnerabilità di sicurezza potrebbero essere diversi problemi, come firmware obsoleto, all’interno di un dispositivo IoT che lo rende vulnerabile ai malintenzionati.

Credo che la sicurezza potrebbe essere una delle più grandi battute d’arresto per l’IoT in futuro se non diventasse una priorità all’inizio. La soluzione di Samsung per proteggere i dispositivi dell’ecosistema connesso consiste nell’utilizzare la tecnologia blockchain.

La tecnologia blockchain ha fatto esplodere l’ultimo mezzo decennio all’interno della fintech per la sua capacità di proteggere e convalidare un pagamento su una blockchain. Uno dei motivi per cui è ottimo per il fintech è che i dati accumulati all’interno di una blockchain, nota anche come registro distribuito, sono immutabili all’interno della sua sequenza senza modificare il blocco prima o dopo di esso. È una catena di dati convalidata dal blocco di dati prima e dopo di esso.

Matrice Knox

Knox Matrix di Samsung implementa una blockchain privata all’interno dell’ecosistema di dispositivi di una persona. Samsung afferma che i dispositivi connessi di un utente hanno migliorato la sicurezza attraverso il monitoraggio reciproco multilivello. Knox Matrix crea una catena di dispositivi affidabili indipendentemente dal sistema operativo e più dispositivi all’interno dell’ecosistema, più sicuro; ci sono più catene di fiducia. Samsung afferma che il lancio iniziale di Knox Matrix sarà esclusivo per i dispositivi Samsung, con l’eventuale supporto per i prodotti di altri produttori con un SDK per sviluppatori.

Mentre le tecnologie blockchain all’interno del fintech sono esplose di recente, ci sono più truffe riguardanti blockchain che casi d’uso e soluzioni innovative nel mondo reale. Questa affermazione va da sé, molte incredibili tecnologie all’interno della fintech e della criptovaluta devono ancora cambiare il mondo. Credo che Samsung abbia un caso d’uso nel mondo reale qui con blockchain che risponde alla necessità di maggiore sicurezza all’interno dell’IoT.

La sua proposta di valore più alta è inerente alla tecnologia blockchain; più dispositivi sono collegati a Knox Matrix, più sicuro diventa l’ecosistema. Si prevede che lo spazio IoT aumenterà ancora di più nel prossimo decennio e Knox Matrix si adatterà naturalmente con esso.

Knox Matrix migliora anche la sicurezza attraverso il monitoraggio reciproco delle minacce dei dispositivi affidabili. Ogni dispositivo all’interno della Knox Matrix è ritenuto responsabile dagli altri dispositivi nell’ecosistema. Protegge inoltre le informazioni sensibili condividendo le credenziali da dispositivo a dispositivo e rende più convenienti l’accesso e i processi di pagamento grazie alla natura sicura e decentralizzata del modo in cui i dati (dati sensibili) vengono archiviati sulla blockchain.

Avvolgendo

È interessante immaginare che qualcuno acceda alle tue credenziali bancarie perché è stato in grado di accedere al tuo computer attraverso il tuo frigorifero. Credo che i dispositivi IoT continueranno ad essere popolari e dovrebbero continuare ad aumentare all’interno della casa.

Samsung sta affrontando la mancanza di sicurezza all’interno dell’IoT con Knox Matrix, proteggendo un ecosistema di dispositivi attraverso una blockchain privata. La parte migliore di Knox Matrix è che diventa migliore e più sicuro man mano che vengono aggiunti più dispositivi all’ecosistema connesso.

Nota: la cooperativa Moor Insights & Strategy Jacob Freyman ha contribuito a questo articolo.

Moor Insights & Strategy, come tutte le società di analisi del settore della ricerca e della tecnologia, fornisce o ha fornito servizi a pagamento alle società tecnologiche. Questi servizi includono ricerca, analisi, consulenza, analisi comparativa, acquisizione di matchmaking e sponsorizzazioni parlanti. La società ha avuto o ha attualmente rapporti commerciali a pagamento con 8×8, Accenture, A10 Networks, Advanced Micro Devices, Amazon, Amazon Web Services, Ambient Scientific, Anuta Networks, Applied Brain Research, Applied Micro, Apstra, Arm, Aruba Networks ( ora HPE), Atom Computing, AT&T, Aura, Automation Anywhere, AWS, A-10 Strategies, Bitfusion, Blaize, Box, Broadcom, , C3.AI, Calix, Campfire, Cisco Systems, Clear Software, Cloudera, Clumio, Cognitive Systems , CompuCom, Cradlepoint, CyberArk, Dell, Dell EMC, Dell Technologies, Diablo Technologies, Dialogue Group, Digital Optics, Dreamium Labs, D-Wave, Echelon, Ericsson, Extreme Networks, Five9, Flex, Foundries.io, Foxconn, Frame ( ora VMware), Fujitsu, Gen Z Consortium, Glue Networks, GlobalFoundries, Revolve (ora Google), Google Cloud, Graphcore, Groq, Hiregenics, Hotwire Global, HP Inc., Hewlett Packard Enterprise, Honeywell, Huawei Technologies, IBM, Infinidat, Infosys, Inseego, IonQ, IonVR, Inseego, Infosys, Infiot, Intel, Interdig ital, Jabil Circuit, Keysight, Konica Minolta, Lattice Semiconductor, Lenovo, Linux Foundation, Lightbits Labs, LogicMonitor, Luminar, MapBox, Marvell Technology, Mavenir, Marseille Inc, Mayfair Equity, Meraki (Cisco), Merck KGaA, Mesophere, Micron Technology , Microsoft, MiTEL, Mojo Networks, MongoDB, National Instruments, Neat, NetApp, Nightwatch, NOKIA (Alcatel-Lucent), Nortek, Novumind, NVIDIA, Nutanix, Nuvia (ora Qualcomm), onsemi, ONUG, OpenStack Foundation, Oracle, Palo Alto Networks, Panasas, Peraso, Pexip, Pixelworks, Plume Design, PlusAI, Poly (ex Plantronics), Portworx, Pure Storage, Qualcomm, Quantinuum, Rackspace, Rambus, Rayvolt E-Bikes, Red Hat, Renesas, Residio, Samsung Electronics, Samsung Semi, SAP, SAS, Scale Computing, Schneider Electric, SiFive, Silver Peak (ora Aruba-HPE), SkyWorks, SONY Optical Storage, Splunk, Springpath (ora Cisco), Spirent, Splunk, Sprint (ora T-Mobile), Stratus Technologies, Symantec, Synaptics, Syniverse, Synopsys, Tanium, Telesign, TE C onnectivity, TensTorrent, Tobii Technology, Teradata, T-Mobile, Treasure Data, Twitter, Unity Technologies, UiPath, Verizon Communications, VAST Data, Ventana Micro Systems, Vidyo, VMware, Wave Computing, Wellsmith, Xilinx, Zayo, Zebra, Zededa, Zendesk, Zoho, Zoom e Zscaler. Il fondatore, CEO e capo analista di Moor Insights & Strategy Patrick Moorhead è un investitore in dMY Technology Group Inc. VI, Dreamium Labs, Groq, Luminar Technologies, MemryX e Movandi.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *