Il potere del networking nella New Economy

Non è ciò che conosci, è chi conosci, o almeno così dice il proverbio. Pochi confuterebbero questo o il fatto che il networking può dare impulso alle nostre carriere. In effetti, il networking può portarci in luoghi che difficilmente possiamo immaginare.

Tuttavia, nell’era della gig economy frenetica e non standard che fa molto affidamento su posizioni temporanee, abbiamo bisogno di un nuovo quadro per comprendere il networking. Anche prima che la pandemia di Covid-19 interrompesse il lavoro come lo conosciamo e accelerasse l’ascesa della gig economy, il lavoro si stava trasformando verso un periodo più breve, disposizioni non standard come contrattisti indipendenti e freelance.

Nelle industrie creative, dove il valore del lavoro del professionista non è facilmente definibile e la domanda dei consumatori è tipicamente incerta, i posti di lavoro sono spesso su a base contrattuale e precaria per progetto. Modelle, registi, musicisti, montatori, grafici e simili hanno intrapreso concerti anche prima che il termine diventasse popolare. Oggi, la contrattazione indipendente è comune in entrambi industrie dei colletti bianchi e rosae anche in settori di alto livello come l’intrattenimento e la tecnologia dell’informazione.

Cambiare maree, cambiare legami

Nella sociologia del lavoro e dei mercati, il capitale sociale è un concetto influente. Gli studi hanno confermato il ruolo dei legami sociali nel modellare, vincolare e abilitare le opportunità del mercato del lavoro. Tradizionalmente, il valore di un pareggio è determinato principalmente dal suo forza – definita dalla durata della relazione, dalla sua intensità emotiva, intimità e potenziale di reciprocità. Tuttavia, le concezioni prevalenti di capitale sociale non hanno tenuto il passo con le trasformazioni sul posto di lavoro. La maggior parte degli studi si basa sull’occupazione standard all’interno di organizzazioni formali e su un lungo mandato.

L’analisi dei social network delle industrie creative può produrre spunti interessanti sulle reti di oggi. La rete di un professionista creativo può rafforzare la reputazione e il riconoscimento del nomeproprio come gli attori di teatro traggono vantaggio dalla condivisione del palcoscenico con una celebrità. Oltre alla segnalazione dello stato, le reti sono una fonte di cameratismo e supporto comunitario per i professionisti con impieghi più precari. Infatti, antropologi trovato condivisione essere una risposta sociale comune a condizioni precarie.

I modelli di moda esemplificano i contraenti indipendenti in un mercato frenetico caratterizzato da una forte concorrenza, mobilità globale e alto turnover. Nel corso del loro lavoro, le modelle viaggiano nei mercati della moda di tutto il mondo per un impiego a breve termine. Prima della pandemia, ad esempio, circa 3.000-5.000 modelli convergevano all’annuale settimana della moda di New York ogni anno. Questi modelli si incontrano alle sfilate di moda, formano cravatte e partono in rapida successione.

I legami più forti sono migliori?

Attraverso il mondo della moda modellistica, la ns studio, di prossima entrata Social networks, ha esplorato le implicazioni pratiche dei legami sociali rapidi e fugaci stabiliti attraverso progetti ricorrenti. Abbiamo valutato se tali legami possono aumentare le carriere. Abbiamo introdotto il concetto di “legami transitori” per catturare i legami sociali ricorrenti, brevi e preziosi che esistono tra la distanza e i legami forti – affine alle relazioni forgiate negli spazi pubblici o tra tassisti e passeggeri. I legami transitori, sebbene non siano un fenomeno nuovo, giocano un ruolo saliente nei lavoratori informali di oggi.

Abbiamo studiato le reti tra i modelli di moda attraverso resoconti etnografici di sfilate e casting a New York e Londra e abbiamo testato gli effetti dei legami transitori utilizzando un set di dati longitudinale unico dei profili di carriera dei modelli di moda nell’arco di un decennio. Abbiamo esaminato i fattori contestuali che portano alla formazione di legami transitori e considerato effetti di rete più ampi che possono influenzare le carriere dei modelli. Con questi, abbiamo mappato le conseguenze sulla carriera dei legami transitori nella modellazione.

In questo studio, abbiamo messo in dubbio il significato del tempo nella definizione dei legami e, in particolare, se durata, intensità emotiva, intimità e reciprocità si allineano linearmente. Guardando oltre la forza di un legame, abbiamo considerato come connessioni brevi e fugaci possono produrre risultati significativi, un cambiamento che rispecchia la trasformazione nel mercato del lavoro dal lavoro basato sull’organizzazione al lavoro basato su progetti.

Legami che contano

I risultati hanno mostrato che i legami transitori hanno un’enorme rilevanza pratica per i modelli di moda, dalla condivisione delle informazioni all’apprendimento tramite modelli di ruolo, attirando l’attenzione dei guardiani e persino segnalando lo stato. Indipendentemente dallo status della modella, dalla copertura mediatica o dall’affiliazione con le case di moda, le reti transitorie esercitano una notevole influenza sul successo della carriera di una modella (misurata come il numero di sfilate che una modella ha fatto).

Inoltre, abbiamo delineato come l’ecologia di rete dei legami transitori abbia plasmato i risultati di carriera. Ad esempio, le possibilità di successo di un’aspirante modella sono aumentate in modo lineare mentre si spostava dalla periferia verso il gruppo centrale (addetto ai lavori), ma gli effetti sono diminuiti quando era molto vicina al nucleo della rete.

Affinché i lavoratori della gig economy continuino a prosperare, dovremmo promuovere maggiori opportunità di networking e condivisione di informazioni tra loro. Comprendere il valore dei legami transitori e la natura di queste reti potrebbe incoraggiare coloro che operano nel mercato del lavoro ad aiutarsi a vicenda a densificare le proprie reti e ottenere risultati reciprocamente vantaggiosi.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *