Il metaverso è davvero il futuro del lavoro?

Secondo Mark Zuckerberg, il “metaverso” – che il fondatore di Meta descrive come “un Internet incarnato, dove invece di visualizzare solo contenuti – ci sei dentro” – cambierà radicalmente le nostre vite.

Finora, il principale prodotto metaverso di Meta è un parco giochi di realtà virtuale chiamato Horizon Worlds. Quando Zuckerberg ha annunciato la spinta al metaverso della sua azienda nell’ottobre 2021, il sentimento prevalente era che fosse qualcosa che nessuno aveva chiesto, né voluto particolarmente.



Per saperne di più: Cos’è il metaverso? Un piano high-tech per Facebookificare il mondo


Molti di noi si chiedevano cosa avrebbero effettivamente fatto le persone in questo nuovo regno online. La scorsa settimana, tra gli annunci di nuovi hardware, software e accordi commerciali, Zuckerberg ha presentato una risposta: la cosa che le persone faranno nel metaverso è opera.

Ma per chi è questo? Quali sono le implicazioni dell’utilizzo di queste nuove tecnologie sul posto di lavoro? E sarà tutto roseo come Meta promette?

Il futuro del lavoro?

Il fulcro dell’evento Meta Connect della scorsa settimana è stato l’annuncio del visore Quest Pro per la realtà virtuale e aumentata. Con un costo di $ 1.499 (~ A $ 2.400), il dispositivo ha nuove funzionalità tra cui la possibilità di tracciare gli occhi e il viso dell’utente.

Quest Pro utilizzerà anche fotocamere rivolte verso l’esterno per consentire agli utenti di vedere il mondo reale che li circonda (con componenti aggiuntivi digitali).

La presentazione di Meta ha mostrato questa funzione in uso per il lavoro. Raffigurava un utente seduto tra diversi grandi schermi virtuali, quello che in precedenza aveva soprannominato “Infinite Office”. Come ha affermato il capo tecnico di Meta Andrew Bosworth, “Alla fine, pensiamo che Quest potrebbe essere l’unico monitor di cui avrai bisogno”.

Meta ha anche annunciato che sta collaborando con Microsoft per rendere disponibili versioni virtuali di software aziendali come Office e Teams. Questi saranno incorporati nella piattaforma dell’ufficio virtuale Horizon Workrooms, che è stata ampiamente ridicolizzata per la sua grafica di bassa qualità e avatar fluttuanti e senza gambe.

L’approccio Microsoft

La partnership potrebbe fornire vantaggi significativi per entrambe le società.

Il visore per realtà mista di Microsoft, HoloLens, ha visto un’adozione limitata. Meta domina i mercati della realtà aumentata e della realtà, quindi ha senso che Microsoft provi a farsi un giro sugli sforzi di Meta.

Per Meta, il suo progetto potrebbe acquisire credibilità grazie all’associazione con la lunga storia di Microsoft nella produzione di software aziendale affidabile. Le partnership con altre aziende nel settore tecnologico e oltre sono uno dei modi principali con cui Meta cerca di concretizzare le sue ambizioni metaverse.

Un ufficio di realtà virtuale che mostra avatar seduti attorno a un tavolo da riunione.
Meta Microsoft Teams in VR.
obiettivo

Microsoft rappresenta anche un approccio alternativo al successo di un prodotto. Mentre diversi decenni di sforzi per vendere la tecnologia VR ai consumatori hanno avuto un successo limitato, Microsoft è diventata un nome familiare vendendo ad aziende e altre imprese.

Concentrandosi su un mercato aziendale, le aziende possono normalizzare le tecnologie emergenti nella società. Potrebbero non essere cose che i consumatori volere da usare, ma piuttosto cose che sono i lavoratori costretto usare

Le recenti implementazioni del software Teams di Microsoft nell’industria e nel governo in tutta l’Australia offrono modelli su come il metaverso potrebbe arrivare negli uffici.

Bossware potenziato

Mentre i sostenitori del lavoro nel metaverso prevedono un futuro in cui tecnologie come AR e VR sono incorporate senza attriti nella nostra vita lavorativa, portando prosperità ed efficienza, ci sono una serie di aree di preoccupazione.

Per uno, tecnologie come VR e AR minacciano di istituire nuove forme di sorveglianza e controllo dei lavoratori. L’aumento del lavoro a distanza durante la pandemia di COVID-19 ha portato a un boom del “bossware”, un software per i datori di lavoro per monitorare ogni spostamento dei loro lavoratori a distanza.



Ulteriori informazioni: 3 modi in cui la tecnologia di sorveglianza “bossware” sta riportando indietro il tempo di gestione


Tecnologie come VR e AR, che si basano sull’acquisizione e l’elaborazione di grandi quantità di dati sugli utenti e sui loro ambienti per funzionare, potrebbero intensificare tale dinamica.

Meta afferma che tali dati rimarranno “sul dispositivo”. Tuttavia, ricerche recenti mostrano che le app Quest di terze parti sono state in grado di accedere e utilizzare più dati di quelli strettamente necessari.

Privacy e sicurezza

Gli sviluppatori stanno imparando e sono preoccupati per le implicazioni sulla privacy e sulla sicurezza dei dispositivi e delle piattaforme di realtà virtuale e aumentata.

In contesti sperimentali, i dati VR sono già utilizzati per tracciare e misurare le informazioni biometriche sugli utenti con un alto grado di accuratezza. I dati VR sono stati utilizzati anche per misurare cose come l’attenzione.



Per saperne di più: le aziende monitorano sempre più i movimenti oculari, ma è etico?


In un futuro in cui il lavoro si svolge nel metaverso, non è difficile immaginare come potrebbero essere utilizzati elementi come i dati di tracciamento dello sguardo per determinare l’esito della tua prossima promozione. O immaginare spazi di lavoro in cui determinate attività sono “programmate”, come qualsiasi cosa ritenuta “improduttiva”, o anche cose come l’organizzazione sindacale.

La piattaforma 365 di Microsoft monitora già metriche simili sui processi di lavoro digitali: puoi visualizzare le tue qui, se la tua organizzazione si iscrive. L’ingresso di Microsoft 365 negli spazi VR offrirà molti nuovi dati da analizzare per descrivere le tue abitudini di lavoro.

Anche la moderazione dei contenuti e del comportamento negli spazi virtuali può essere un problema, che potrebbe portare a discriminazione e iniquità. Meta finora ha offerto poco in termini di protezioni concrete per i suoi utenti tra le crescenti denunce di molestie.



Per saperne di più: sono una donna nera e il metaverso mi spaventa: ecco come rendere la prossima iterazione di Internet inclusiva


All’inizio di quest’anno, un rapporto del gruppo di difesa dei consumatori SumOfUs ha rilevato che molti utenti di Horizon Worlds sono stati incoraggiati a disattivare le funzionalità di sicurezza, come le “bolle di sicurezza personale”, da altri utenti.

Allo stesso modo, l’uso di dispositivi di sicurezza nei luoghi di lavoro può essere visto come antisociale o come non parte del “team”. Ciò potrebbe avere ripercussioni negative per i lavoratori già emarginati.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *