Il DLC Shadows Of Rose di Resident Evil Village è il gioco perfetto per Halloween

House Castle è stato un po’ in preda all’orrore questo mese, essendo la stagione spettrale e tutto il resto. Non perché siamo appassionati di horror irriducibili – semmai, siamo entrambi dei deboli per tutta la vita quando si tratta di queste cose. Ma spinti da una crescente determinazione ad affrontare la nostra codardia collettiva a testa alta, ottobre ci ha visto guardare, suonare e leggere molti dei grandi classici dell’orrore che siamo stati troppo polli per tentare in passato. Nel corso di tutto questo, però, c’è stata una presa di coscienza rosicchiata, leggermente terribile, che lentamente gorgoglia via sotto la superficie. Lungi dall’essere spaventato da queste cose orribili, spesso non provo nessuna emozione. Sono rimasto impassibile, né spaventato, innervosito, né spaventato. Semplice, semplice indifferenza. L’anello giapponese? Niente. Ho visto il diavolo? No, uccidilo. Lago Mungo? Più simile al Lago Yawngo.

Stavo cominciando a pensare di aver perso la capacità di sentire qualsiasi cosa. Diamine, il vero spettacolo dell’orrore di questo mese è stato il crollo dell’intero stato-nazione del Regno Unito, eppure non riesco ancora a convincermi a raccogliere qualcosa al di là di un sospiro stanco. Poi sono arrivato al secondo atto del DLC Shadows Of Rose di Resident Evil Village e, oh sì, ciao paura. È passato un po’, vero?

Non capita spesso di trovarmi a dire cose come “No, oh no, non farlo, non osare nemmeno. No. Uh uh. Non è nemmeno divertente” sullo schermo del mio PC. In effetti, l’ultima volta che è successo è stato probabilmente quando stavo giocando a Resident Evil Village per la prima volta l’anno scorso e sono arrivato alla sequenza di carburante da incubo totale che è la casa delle bambole di Beneviento. Ma Shadows Of Rose, la nuova espansione per RE Village che verrà lanciata alla fine di questa settimana il 28 ottobre sia come componente aggiuntivo autonomo che come parte della nuova Gold Edition del gioco, mi ha fatto ripetere esattamente le stesse parole sul mio monitor durante quel secondo atto , perché l’uomo vivo, continuava a diventare sempre più orribile con il passare dei minuti.

Non manca molto, Shadows Of Rose. Il mio playthrough nella sua modalità di difficoltà standard è arrivato a poco più di tre ore, con ciascuno dei suoi tre atti che richiedeva circa un’ora ciascuno. Potrebbe non sembrare molto per un componente aggiuntivo da £ 16 / $ 20, ma non dimentichiamo che “Espansione invernale” nel suo insieme include anche la modalità in terza persona per la versione base di Village, oltre all’aggiunta di tre nuovi personaggi per la sua modalità Mercenari gratuita, inclusa la regina vampira preferita da tutti (leggermente meno alta), Lady Dimitrescu.

Tre zombi color cenere emergono dal sangue rosso, mentre il barone mascherato siede sorridente dietro di loro nel DLC Shadows Of Rose di Resident Evil Village

Nel complesso, è un pacchetto moderatamente più convincente di una semplice avventura DLC di tre ore, soprattutto se stai cercando una scusa per tornare al Village per la seconda volta. Come ho detto nella mia anteprima di Shadows Of Rose il mese scorso, spostare la telecamera dalla prima persona all’indietro nello stile dei più recenti remake di Resi di Capcom porta un ulteriore brivido di tensione nei luoghi terribili del Village, e io Mi sono divertito a rivisitarli da questa nuova prospettiva. Se non altro, posso almeno fingere di giocare per qualche secondo al remake di Resident Evil 4 in arrivo, grazie al mocio biondo floscio di Ethan che taglia un profilo sorprendentemente simile al vecchio Leon Kennedy.

Ma anche se l’espansione Winters non aveva la modalità prospettica in terza persona, ritengo che il secondo atto centrale di Shadows Of Rose sia più che abbastanza forte da consigliarlo per i suoi meriti. Purtroppo non posso entrare nello specifico, ma diciamo questo. Se hai desiderato ardentemente più orrore Resi nello stile di quello che hai incontrato nella villa del Beneviento, allora vai e gioca a Shadows Of Rose. Non credo rimarrai deluso.

Per gli amanti delle recinzioni là fuori, però, Shadows Of Rose è una versione in miniatura del Village vero e proprio, le sue paure anticipate e i ritmi dell’azione climatica ridotti in una serata di gioco – il che forse è appropriato, considerando di chi ti occuperai essere scrutato per tutta la durata. Ambientata 16 anni dopo la fine di Village, questa espansione ha come protagonista Rose Winters, l’ormai adolescente figlia del protagonista di Village Ethan e di sua moglie Mia (l’ultima delle quali è stata anche catturata e sperimentata in Resident Evil 7 come potenziale ospite di alcuni personaggi soprannaturali. muffa). Rose ora sta cercando di sbarazzarsi dei suoi poteri di muffa ereditati perché, ammettiamolo, essere un’adolescente è già abbastanza difficile senza avere strane vene bianche su mani e collo. Sfortunatamente, scopre che l’unico modo per farlo è immergersi nella coscienza dello stampo stesso, l’ultimo residuo del quale è tenuto al sicuro in un laboratorio BSAA.

Rose si concentra su un fiore rosso e viola nel DLC Shadows Of Rose di Resident Evil Village

Nel DLC Shadows Of Rose di Resident Evil Village, Rose spara a un uomo della muffa in una biblioteca

Una ragazza dai capelli biondi inciampa nel fango e nel sangue in uno stretto corridoio con uno zombi di fronte a lei nel DLC Shadows Of Rose di Resident Evil Village

Lo stampo conserva i ricordi di coloro che sono morti vicino ad esso, vedete, creando la scena per un miscuglio remixato dei momenti salienti del Village mentre Rose scava più a fondo per trovare ciò che sta cercando. Pertanto, non ci sono nuove posizioni in Shadows Of Rose, il che potrebbe essere una delusione. Dopotutto, il miglior DLC non si limita a ricostruire ciò che è venuto prima, ma offre anche qualcosa di nuovo per i giocatori su cui riflettere. Shadows Of Rose ha parzialmente successo qui, poiché mentre l’allestimento del set è lo stesso, il percorso che seguirai non lo è. Il castello di Dimitrescu, ad esempio, è stato ora imbrattato di ondulate macchie di “vuoto liquido”, un ipnotico sangue simile a marmellata da cui usciranno i suoi nuovi nemici dalla muffa color cenere per inseguire Rose lungo i suoi corridoi appena incrostati. A parte un paio di porte ancora chiuse, il castello è ora uno spazio molto più aperto di quanto non fosse nel gioco base, offrendoti una corsa quasi libera delle sue varie ali, soffitte e scantinati.

Naturalmente, ci sono ancora molti ostacoli che si frappongono a Rose, e lei dovrà prima abbracciare i poteri che le scorrono nelle vene prima di decidere di liberarsene definitivamente. Il primo trucco che impara è come concentrare i suoi poteri per dissipare e svelare i colori simili a fiori che bloccano il suo percorso, mentre il secondo è un’esplosione mirata al rallentatore che le consente di contrattaccare o portare i movimenti nemici a gattonare. Sebbene quest’ultimo sia utile in caso di necessità, in particolare quando si tratta di controllare grandi sciami di modellatori, la maggior parte degli enigmi dell’espansione ruota attorno alla suddetta rimozione del nucleo: principalmente per sgomberare i percorsi, ma a volte anche per rivelare oggetti nascosti e munizioni cache in vasi sospettosamente svuotati. Di tanto in tanto rende più piccante la formula costringendoti a farlo sotto costrizione mentre fuggi da alcune delle sue più orribili cattiverie, ma è tanto avanzato quanto i suoi poteri ottengono per la maggior parte dell’espansione.

Una ragazza dai capelli biondi fa esplodere alcuni zombi con una luce bianca su una scala buia nel DLC Shadows Of Rose di Resident Evil Village

In un certo senso, è un peccato che i poteri di Rose non siano ulteriormente sviluppati qui. Limitandoli ai soli normali vecchi strumenti di traversata, non solo rende l’esplorazione un po’ meccanica in quell’ora di apertura, ma elimina anche il pungiglione di quella minaccia leggermente velata a cui si è accennato durante i momenti finali della conclusione di Village. In effetti, per abbattere i mostri di muffa che le stanno sulla strada, Rose deve comunque ricorrere a qualche buon gioco di armi vecchio stile che, insieme al punto di vista in terza persona, fa sembrare questa espansione praticamente come un altro moderno gioco Resi piuttosto che il suo propria cosa.

Questo è il modo duro di vederla, almeno. In altri modi, però, in realtà sono abbastanza contento che Capcom abbia scelto di non diventare una ragazza d’azione piena e appassionata con le abilità di Rose. In effetti, limitando la sua potenza di fuoco a una semplice pistola per la maggior parte del gioco (sebbene questo sia poi ravvivato dall’aggiunta di un fucile), Rose si sente notevolmente sottodimensionata rispetto al suo padre temprato dalla battaglia, e grazie a un altro astuto secondo atto tappeto, il suo accresciuto senso di vulnerabilità lascia davvero che l’orrore dell’espansione si alzi al di sopra dell’azione. Il finale è ancora piuttosto esagerato, come tutti i giochi Resi tendono ad essere in questi giorni, ma direi che resiste a quella discesa in una fantasia di potere alimentata dall’azione molto meglio di quanto abbia mai fatto Village, e questo nonostante un richiamo molto potente alla fine del Villaggio durante la sua ultima sezione.

In realtà, però, per me è tutto incentrato sul secondo atto, l’ora di cui non posso parlare – né lo vorrei, dato che è sicuramente l’esperienza migliore alle sue condizioni. Invece, ti lascio con questo. Grazie al suo concetto principale di immergersi nei ricordi dello stampo, Shadows Of Rose mette un bel cappello sulla saga della famiglia Winters, legando alcuni fili di storie sciolti, ma anche non chiudendo la porta così saldamente da chiudersi per sempre. Il suo breve tempo di esecuzione lo rende anche un ottimo spuntino di Halloween di un gioco, poiché non solo è meglio sperimentato in una singola seduta, ma contiene anche alcune paure adeguatamente buone e parti inquietanti. È il gioco che mi ha ricordato che ho ancora il polso, dopotutto, il che è davvero il miglior regalo di tutti.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *