I giocatori di videogiochi evitano i personaggi gay

Mi piacciono i videogiochi perché mi danno scelte che non ho nella vita reale. Quando voglio sentirmi una principessa, scelgo Peach in Mario Kart. Se voglio combattere come Bruce Lee, posso scegliere Marshall Law in Tekken.

Quando scelgono quale personaggio interpretare in un gioco, i giocatori tengono conto dei punti di forza e di debolezza di un avatar e persino del loro aspetto. Ma i giocatori fanno le loro scelte anche in base ad attributi che non sono evidenti durante il gioco e non hanno alcuna influenza sul gioco, come la sessualità di un personaggio. E la mia ricerca ha scoperto che altri giocatori a loro volta potrebbero trattare quei personaggi in modo diverso all’interno del gioco. Questo è importante per l’industria dei giochi. Alcune aziende supportano attivamente i movimenti sociali attraverso campagne pubblicitarie e di marketing ed etichettatura dei prodotti. Tuttavia, il contraccolpo potrebbe impedire a queste società di sostenere gruppi emarginati e scoraggiare i giocatori gay dalla partecipazione.

In che modo i giocatori tengono conto di questo tipo di tratti caratteriali e quali sono le implicazioni per le molestie e la discriminazione online? Il gioco sparatutto in prima persona Overwatch, che è molto popolare e finora ha generato oltre 1 miliardo di dollari di entrate per il suo proprietario, Blizzard, si è rivelato un laboratorio ideale per me e i miei colleghi per indagare su queste domande. In questo senso, ciò che accade all’interno di Overwatch ha implicazioni economiche e sociali.

In Overwatch, i giocatori possono scegliere tra 32 avatar con aspetti e set di abilità diversi. Come ulteriore highlight di marketing, Blizzard aggiorna regolarmente le storie di sfondo di questi personaggi. Le loro storie non hanno alcun effetto sul gioco; non cambiano le abilità o l’aspetto dei personaggi. Tuttavia, queste storie sono così importanti per la base di fan che influenzano Overwatch in un altro modo. A maggio 2019, uno scrittore di Overwatch ha aggiornato la storia di fondo per un personaggio maschile, Soldato: 76. Ha scritto che Soldato: 76 aveva avuto una relazione romantica con un altro uomo e identificato come gay. Era un po’ di informazione tutt’altro che insolita nel mondo reale, ma nei giochi online era in qualche modo rivoluzionaria.

L’annuncio ha avuto come risultato centinaia di risposte su Twitter e altri canali di social media. Molti giocatori ha sostenuto l’annuncio e mi è piaciuto il tweet. Ma alcuni giocatori lo erano a disagio con la decisioneaccusando Blizzard di fare soldi attraverso la correttezza politica, lamentandosi di ciò l’annuncio non era necessarioe persino minacciando di farlo smetti di giocare a Overwatch.

Il nostro team di ricerca voleva sapere se questo annuncio ha influenzato il gioco stesso. I giocatori cambierebbero il loro atteggiamento nei confronti di Soldier: 76? Abbiamo esaminato il tasso di scelta, la frequenza con cui i giocatori scelgono un personaggio specifico, prima, durante e dopo l’annuncio. Sorprendentemente, abbiamo riscontrato un calo estremo nel tasso di scelta di Soldier: 76 dopo la notizia. I giocatori evitavano di giocare con il personaggio appena uscito.

È interessante notare che, invece di scegliere Soldier: 76, diversi giocatori hanno scelto l’unico altro personaggio LGBTQ nel gioco: una lesbica chiamata Tracer. Sebbene Soldier: 76 fosse stato precedentemente ritenuto dai più etero, Tracer era stato apertamente gay da quando il gioco era stato pubblicato.

Per capire cosa stava succedendo, abbiamo utilizzato un sondaggio online per chiedere ai giocatori cosa ne pensavano dell’annuncio e in che modo ha influenzato la loro esperienza di gioco. Centinaia di giocatori hanno risposto. La maggior parte degli intervistati erano uomini (83,77%) e provenienti dal Nord America (49,4%) e dall’Europa (39,5%). La maggioranza aveva sentito parlare di Soldier: 76 era gay ma non gli importava. Hanno riferito che cambiare la sessualità di un personaggio non ha avuto alcuna influenza sul gioco. Una grande minoranza, tuttavia, si è sentita a disagio e che altri giocatori li hanno discriminati quando hanno giocato come Soldato: 76 dopo l’annuncio. Si sono stancati degli insulti omofobici e delle continue molestie e sono passati temporaneamente ad altri personaggi per evitarlo.

Inoltre, molti giocatori hanno affermato che la comunità di gioco fa un’importante distinzione tra gli unici due personaggi LGBTQ nel gioco. Mentre Soldier: 76 è un uomo, Tracer è una donna. Alcuni giocatori hanno riferito nel sondaggio di ritenere che altri giocatori considerino le lesbiche attraenti e interessanti, ma che gli stessi giocatori esprimono disgusto nei confronti degli uomini gay.

Rilevare la discriminazione è importante e fa luce su un problema. Il passo successivo, tuttavia, è trovare un modo per ridurre la discriminazione. In un altro progetto di ricerca, la mia squadra ha lavorato con una federazione calcistica cercando di ridurre la discriminazione. In uno studio randomizzato, abbiamo scoperto che un’e-mail agli allenatori su come lo sport può promuovere l’inclusività e ridurre il razzismo ha contribuito a sensibilizzare l’opinione pubblica. Speriamo di fare lo stesso negli e-sport collaborando con persone del settore che vogliono migliorare l’equità e l’inclusività della comunità.

Ad alcune persone piace immaginare che i videogiochi offrano versioni idealizzate della realtà e insegnino valori che sembrano mancare nel mondo reale, come combattere per una causa comune o lavorare insieme come una squadra. Ma i nostri risultati mostrano che il mondo dei videogiochi ha gli stessi pregiudizi e discriminazioni che troviamo nella nostra vita quotidiana e che i giochi possono essere molto più accoglienti per alcuni rispetto ad altri. I videogiochi innovano sempre, spingono l’arte e la tecnologia in avanti per creare nuove esperienze per i giocatori. In passato, giocatori e fan si sono adattati a questo ambiente in rapida evoluzione. La comunità del gioco online deve abbracciare i suoi diversi giocatori e fare i conti con i suoi pregiudizi. I giocatori dovrebbero superare se stessi e accettare tutti i personaggi e i giocatori che li scelgono.

Questo è un articolo di opinione e analisi e le opinioni espresse dall’autore o dagli autori non sono necessariamente quelle di Scientifico americano.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *