I coraggiosi perdono Gara 4 NLDS, eliminati dai playoff del 2022

FILADELFIA — Il team Braves di quest’anno sembrava migliore di quello che ha vinto le World Series dell’anno scorso. Ma questo gruppo di talento sarà ora ricordato per sempre come l’ennesimo di quei grandi club di Atlanta che non sono all’altezza delle aspettative.

Il sogno dei Braves di vincere una seconda World Series consecutiva è svanito quando sono stati eliminati dalla postseason con una sconfitta per 8-3 contro i Phillies in Gara 4 della National League Division Series sabato pomeriggio al Citizens Bank Park. C’era molto da ricordare di questa stagione, ma al momento i pensieri sono concentrati sulle tante cose dimenticabili che sono emerse negli ultimi giorni.

“Non ti aspetteresti mai che la stagione finisca finché non sarai tu a festeggiare”, ha detto lo shortstop Dansby Swanson. “Abbiamo giocato con quella mentalità per tutta la stagione. Erano migliori in questa serie e ci hanno battuto. Gli do decisamente il berretto. Mi sento come se fossero gli aggressori di questa serie e ci hanno messo rapidamente dietro la palla otto.

“Ecco perché il baseball può essere così difficile. Giochi 162 partite per arrivare a questo punto e tutto può succedere a ottobre. Semplicemente non è divertente.

Non c’è dubbio che i Braves, dopo aver totalizzato 101 vittorie e conquistato il quinto titolo consecutivo della NL East, avessero il talento per vincere un’altra World Series. Ma la loro rotazione non è stata all’altezza durante questa serie al meglio delle cinque, e lo staff di lancio dei Phillies ha tenuto Swanson, Austin Riley e Michael Harris II a un combinato di 4 su 45 con un colpo di base extra.

Kyle Wright ha lanciato sei inning senza reti mercoledì sera in Gara 2. Ma gli altri titolari dei Braves – Max Fried, Spencer Strider e Charlie Morton – si sono combinati per consentire 14 run su soli 7 inning e 2/3. Tre di quelle corse sono arrivate a Morton nei suoi due inning di sabato.

“Potevano essere molte cose”, ha detto Riley. “Che si trattasse di colpire, lanciare, ci sono molte variabili che avrebbero potuto andare dalla nostra parte. Me stesso incluso. Ho avuto una serie terribile. Non mi sono fatto vivo quando era importante. Ho deluso i miei compagni di squadra e deluso i nostri fan. È davvero difficile da ingoiare”.

I Braves guidavano alla fine di soli quattro dei 36 inning giocati durante l’NLDS. Certamente non sembravano la squadra che aveva prodotto una percentuale di vittorie MLB-best .696 (78-34) dal 1 giugno fino alla fine della stagione regolare. Invece, questo club ha evocato ricordi del 1997, ’98, 2002 e ’03, quando i Braves vinsero anche 100 partite ma non raggiunsero le World Series.

In effetti, delle nove squadre Braves che hanno vinto 100 partite, solo una (1999) ha conquistato il gagliardetto NL. Le squadre del 2002 e del 2003 hanno subito la stessa sorte del club di quest’anno, una cacciata dall’NLDS. Anche Atlanta non si è ancora radunata per vincere una serie in cui è stata eliminata dal 1996.

Una differenza è che la squadra di quest’anno è stata rimbalzata da una squadra che ha terminato 14 partite davanti alla NL East. I Braves hanno vinto 11 delle 19 partite di regular season giocate contro i Phillies, di cui cinque delle otto a settembre.

“Non dai niente per scontato”, ha detto il ricevitore Travis d’Arnaud. “Puoi vincere e puoi perdere con qualsiasi squadra. Questo è il bello di questo sport. A questo punto, non è chi è la squadra migliore, si tratta di chi è la squadra più calda, e [the Phillies] erano calde in questa serie.

Ci sarà molto da discutere su cosa potrebbe essere andato storto. I cinque giorni di riposo ricevuti dai Braves dopo aver vinto la divisione non sono sembrati un vantaggio, soprattutto quando non hanno segnato dopo aver caricato le basi sia nel primo che nel terzo inning di Gara 1 martedì pomeriggio. Quel gioco era anche condannato da un’infezione delle vie respiratorie superiori e da un’influenza che aveva abbattuto il livello di energia di Fried.

La gemma di Wright in Gara 2 è l’unico momento clou per i Braves, che avrebbero potuto essere in forma migliore se Strider non avesse modificato il suo muscolo obliquo sinistro il 17 settembre. 18. Strider è stato forte durante i primi due inning del suo ritorno in gara 3, ma ha finito il gas nel terzo e il manager Brian Snitker è stato lento a tirare fuori il giovane talentuoso debuttante prima che le cose sfuggissero di mano.

Poi, la sfortuna ha colpito di nuovo Morton, che è uscito dalla sconfitta di sabato dopo essere stato colpito sopra il gomito destro con una rimonta di Alec Bohm per iniziare il secondo inning. La velocità di Morton è diminuita e ha cercato di superare il resto dell’inning con una vasta gamma di palle curve. Una di quelle curve pendeva abbastanza da permettere a Brandon Marsh di suscitare una folla chiassosa con un homer da tre punti.

Morton è stato revocato l’inning successivo e i raggi X erano negativi. Tornerà l’anno prossimo con una squadra di Braves che potrebbe sembrare essenzialmente la stessa della squadra di quest’anno, specialmente se Swanson firmerà di nuovo dopo aver colpito il mercato dei free agent. Ma come ha dimostrato questa serie, nulla è garantito nel baseball. Ecco perché la delusione va oltre la perdita di un’offerta per difendere un titolo.

“Non penso che sia difficile a causa di quanto siamo stati bravi o di quanto siamo arrivati”, ha detto Morton. “Riguarda più i ragazzi nella stanza. È difficile guardarli in faccia, ragazzi che potresti non vedere l’anno prossimo, ragazzi con cui potresti non giocare mai più. Questa è la cosa veramente difficile”.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *