I cinque: tutto da sapere per la settimana 2

Dai un’occhiata alle migliori 10 giocate della settimana 1 in NBA!

Ogni lunedì, ti diciamo tutto ciò che devi sapere sulla prossima settimana nella NBA e ripercorriamo anche la settimana che è stata.


1. Il club dei 40 punti è aperto

Non ci è voluto molto perché i giocatori iniziassero a perdere 40 pezzi in questa stagione poiché i primi sei giorni di gioco hanno già prodotto sette partite da 40+ punti, tra cui un paio di partite da 41 punti di Damian Lillard e un’esplosiva gemma da 49 punti da Ja Morant mentre flirtava con la prima partita da 50 punti della stagione.

Ja Morant ha stabilito un record di franchigia per il maggior numero di punti nelle prime 2 partite della stagione con 83, battendo il suo stesso record.

  • Sì Moro: 49 punti a Houston (21 ottobre)
  • Giannis Antetokounmpo: 44 punti contro Houston (22 ottobre)
  • Damian Lillard: 41 punti contro Fenice (21 ottobre)
  • Damian Lillard: 41 punti a Los Angeles (23 ottobre)
  • Gioele Embiid: 40 punti contro San Antonio (22 ottobre)
  • Jayson Tatum: 40 punti a Orlando (22 ottobre)
  • Paolo Giorgio: 40 punti a Sacramento (22 ottobre)

Con solo 43 partite totali giocate nella settimana 1 del 2022-23, ciò significa che c’è stata una prestazione di oltre 40 punti nel 16,27% di tutte le partite giocate. Questo è ben al di sopra del ritmo che abbiamo visto nelle stagioni passate. Ciascuna delle ultime due stagioni ha visto 119 prestazioni da 40+ punti, che equivalgono al 9,67% di tutte le partite nel 2021-22 (programma di 82 partite) e all’11% nel 2020-21 (programma di 72 partite).

Durante la settimana 1, le squadre hanno una media di 113,5 punti a partita, che sarebbe la media di punteggio più alta in tutto il campionato in oltre 50 stagioni (116,7 ppg nel 1969-70). Anche se è probabile che la media dei punteggi regredirà un po’ con il progredire della stagione, ecco uno sguardo all’ultimo decennio, che illustra il boom offensivo in cui si trova attualmente il campionato.

  • 2022-23: 113,6 punti a partita
  • 2021-22: 110,6 punti a partita
  • 2020-21: 112,1 punti a partita
  • 2019-20: 111,8 punti a partita
  • 2018-19: 111,2 punti a partita
  • 2017-18: 106,3 punti a partita
  • 2016-17: 105,6 punti a partita
  • 2015-16: 102,7 punti a partita
  • 2014-15: 100,0 punti a partita
  • 2013-14: 101,0 punti a partita
  • 2012-13: 98,1 punti a partita

2. Inizia la stagione calda e fredda

Chi aveva gli Utah Jazz come una delle quattro squadre rimaste imbattute dopo la settimana 1? Questa offseason ha visto i Jazz scambiare due All-Stars (Donovan Mitchell e Rudy Gobert), due titolari (Bojan Bogdanovic e Royce O’Neale) e sostituire l’allenatore di lunga data Quinn Snyder con l’allenatore per la prima volta Will Hardy.

I Jazz sono 3-0 dopo la vittoria OT contro i Pelicans domenica sera.

Sebbene tutti i segnali possano aver indicato una ricostruzione completa e una caduta nella classifica della Western Conference per lo Utah, i giocatori rimasti nel roster Jazz avevano altre idee quando hanno aperto la stagione con una vittoria casalinga per 123-102 contro Denver, seguita da una coppia di vittorie straordinarie in trasferta contro Minnesota (e Gobert) e New Orleans (su uno scoop vincente di Kelly Olynyk).

Il Jazz può continuare così? Hanno aperto la settimana con un casalingo con Houston prima di una rivincita notturna di apertura con Denver venerdì e una visita di Morant e dei Grizzlies sabato.

Il resto delle squadre imbattute è un po’ meno sorprendente con Boston (3-0) e Milwaukee (2-0) in cima all’est e Portland (3-0) al fianco dello Utah (3-0) nell’ovest.

Imbattibilità dopo la prima settimana

  • Boston: 3-0
  • Milwaukee: 2-0
  • Portland: 3-0
  • Utah: 3-0

Senza vittorie nella settimana 1

  • Houston: 0-3
  • Los Angeles: 0-3
  • Oklahoma City: 0-3
  • Orlando: 0-3
  • Filadelfia: 0-3
  • Sacramento: 0-3

Sebbene siano rimaste solo quattro squadre imbattute, ce ne sono sei che sono ancora alla ricerca della prima vittoria della stagione dopo aver aperto la stagione con tre sconfitte consecutive.

Le due squadre che saltano fuori da quella lista sono i Philadelphia 76ers ei Los Angeles Lakers. I Sixers sono stati proiettati come uno dei primi tre contendenti alla vittoria della Eastern Conference insieme a Boston e Milwaukee. Tuttavia, hanno già subito una sconfitta contro entrambe le squadre (una sconfitta per 126-117 a Boston il 18 ottobre e una sconfitta per 90-88 contro Milwaukee il 20 ottobre). Joel Embiid ha segnato 40 punti sabato contro il San Antonio, ma non è stato abbastanza perché gli Spurs hanno portato i Sixers al loro primo inizio 0-3 dalla stagione 2016-17, quando Philadelphia ha iniziato 0-7 e ha terminato 28-54. Lunedì, i 76ers faranno un altro tentativo per ottenere la vittoria n. 1 mentre ospitano Indiana (19:00 ET, NBA League Pass).

La tendenza di inizio stagione dei Lakers di errori da 3 punti è continuata domenica contro Portland. Come può LA raddrizzarsi in quest’area cruciale?

I Lakers sono nel bel mezzo del loro primo inizio 0-3 dal 2018-19 (che hanno chiuso 37-45). Sebbene i Lakers non fossero proiettati in alto come i Sixers, ogni volta che una squadra con LeBron James inizia lentamente, farà notizia.

I Lakers hanno aperto la stagione con una sconfitta in trasferta contro i Warriors, campione in carica, prima di subire sconfitte casalinghe contro Clippers (l’ottava consecutiva nelle serie intraurbane) e Portland poiché i Lakers non sono stati in grado di proteggere un vantaggio di sette punti in gli ultimi due minuti. I Lakers sono fuori fino a mercoledì, quando visiteranno l’MVP in carica di Kia Nikola Jokic e i Nuggets su ESPN (22:00 ET).


3. Orologio pietra miliare: triplo doppio

Nikola Jokic ha la possibilità di superare Wilt Chamberlain nella lista delle triple doppie di tutti i tempi della NBA.

Parlando di Jokic, ha pubblicato due delle tre triple doppie del campionato che sono state registrate finora in questa stagione. Questo lo porta a 78 nella sua carriera, che lega Wilt Chamberlain per la maggior parte di sempre di un centro e lega Chamberlain per il n. Anche 6 di tutti i tempi.

Leader tripla doppia in carriera

  1. Russell Westbrook*: 194
  2. Oscar Robertson: 181
  3. Magia Johnson: 138
  4. Jason Kidd: 107
  5. LeBron James*: 105
  6. Nikola Jokic*: 78
  7. Wilt Chamberlain: 78
  8. James Harden*: 69
  9. Larry Bird: 59
  10. Luca Doncic*: 46

(* = giocatore attivo)

La metà dei giocatori tra i primi 10 leader delle triple doppie di tutti i tempi sono giocatori attivi, guidati da Russell Westbrook (194 triple doppie in carriera). James ha bisogno solo di altri tre per superare Jason Kidd ed entrare tra i primi quattro. C’è un ampio divario tra James al quinto e Jokic e Chamberlain al sesto, ma considerando che Jokic è solo alla sua ottava stagione e ha aumentato le sue triple doppie in ogni stagione della sua carriera (ha avuto un miglior record in carriera e un 19 ultimo in campionato stagione), “The Joker” potrebbe sfidare James nelle stagioni a venire.

Mentre Jokic punta a una pietra miliare, un’altra è stata superata nella settimana 1 da Chris Paul diventando il terzo giocatore nella storia della NBA con 11.000 assist in carriera. Anche se non raggiungerà Kidd per il secondo posto nella lista degli assist in questa stagione, è a breve distanza da Michael Jordan nelle palle rubate in carriera (2.514), dietro a Jordan di 53 dopo aver segnato otto palle rubate nella settimana 1. Se supera Jordan nelle palle rubate , i primi tre sia nelle palle rubate che negli assist leggeranno gli stessi tre nomi in ordine: John Stockton, Kidd e Paul.


4. Incontri tendone: partite della TV nazionale

Martedì

Golden State a Phoenix (10 ET, TNT)

È un incontro tra la squadra che ha guidato la Western Conference per tutta la stagione regolare 2021-22 (Phoenix) e la squadra che ha rappresentato la Western Conference nelle finali NBA e ha vinto il suo quarto titolo in otto stagioni (Golden State) martedì sera. Le squadre hanno diviso i loro quattro incontri di regular season la scorsa stagione e si sono incontrati per la prima volta nel 2022-23.

Mercoledì

Brooklyn a Milwaukee (7:30 ET, ESPN)

Ogni volta che i Bucks e i Nets si incontrano, riporta immediatamente alla mente i ricordi della loro classica serie di sette partite nelle semifinali della Eastern Conference 2021, in cui i Bucks hanno vinto ai tempi supplementari dopo che il saltatore di Kevin Durant alla fine del regolamento era a un alluce dall’essere un vincitore del gioco. I Bucks hanno vinto la serie stagionale 3-1 nel 2021-22, ma gli ultimi due incontri sono stati entrambi decisi con tre punti o meno.

venerdì

Indiana a Washington (7:30 ET, ESPN)

Chi è il capocannoniere tra i debuttanti nella prima settimana del 2022-23? Bennedict Mathurin dell’Indiana, che sta segnando 24 punti di media con il 52,1% dal campo e il 52,4% da 3 punti. Ad oggi sono 33 i giocatori che hanno tentato almeno 20 triple, eppure Matthurin li guida tutti. Riuscirà a continuare quella sparatoria quando i Pacers visitano Washington?


5. Partite League Pass da guardare

Lunedi

Brooklyn a Memphis (20:00 ET)

Avviso spoiler! Quando si tratta di partite da guardare, Morant e i Grizzlies saranno sempre presenti in qualche modo, sia sulla televisione nazionale che qui su League Pass. Kyrie Irving vs. L’incontro tra playmaker Morant è un affare “prepara i popcorn” per iniziare la settimana.

Mercoledì

Filadelfia a Toronto (7:30 ET)

Questa è una rivincita della serie del primo turno del 2022, che Philadelphia ha vinto in sei partite. La scorsa stagione, Toronto ha vinto la serie di stagione regolare 3-1, ma è stata un po’ a corto di soldi nei playoff con Kia Rookie of the Year Scottie Barnes e All-Star Fred VanVleet ciascuno che ha saltato due partite. Entrambe le squadre hanno iniziato a rallentare nel 2022-23 e Barnes potrebbe essere un po’ cauto se gioca in questo dopo aver subito una distorsione alla caviglia contro. Miami la scorsa settimana.

venerdì

Cleveland a Boston (7:30 ET)

Il campione in carica della Eastern Conference Celtics ha aperto il 2022-23 con un perfetto 3-0, mentre Cleveland è 2-1 nonostante abbia perso Darius Garland per una lacerazione agli occhi a 13 minuti dall’inizio della stagione. Garland punta a questo gioco per il suo ritorno e il suo compagno di difesa, Donovan Mitchell, ha segnato una media di 33,3 ppg nelle sue prime tre partite a Cleveland, che è al quinto posto nella NBA dopo la settimana 1.

Domenica

Orlando a Dallas (7:30 ET)

L’attaccante esordiente Paolo Banchero ha preso d’assalto il campionato con oltre 20 punti nelle sue prime 3 partite con i Magic.

No. 1 scelta assoluta Paolo Banchero ha avuto una prestazione sbalorditiva al suo debutto in NBA, segnando 27 punti, nove rimbalzi e cinque assist in una sconfitta contro Detroit lo scorso mercoledì. Banchero ha segnato almeno 20 punti in ciascuna delle sue prime tre partite, ma è ancora alla ricerca della sua prima vittoria NBA. I Magic affrontano New York, Cleveland e Charlotte per aprire la settimana prima di dirigersi a Dallas per affrontare Luka Doncic e i Mavericks.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *