Google sull’uso degli archivi fotografici

Due Googler hanno discusso dell’uso della fotografia stock in un recente podcast Search Off the Record, in cui hanno esplorato i relativi vantaggi e svantaggi della pratica.

Ci sono molte opinioni a favore e contro l’uso della fotografia stock. Forse un punto di accordo è che potrebbe essere inappropriato in determinati contesti come le pagine del “nostro team” in cui un utente potrebbe aspettarsi immagini di utenti reali.

Ma come si sentono le persone che curano i documenti di supporto di Google?

I googler condividono le stesse preoccupazioni di chiunque altro pubblichi contenuti.

Svantaggi delle fotografie d’archivio?

Lizzi Sassman, che cura la documentazione di Google Search Central, inizia la discussione sulla fotografia stock chiedendo prima se ci sono considerazioni contro il suo utilizzo.

“Lizzi Sassman:

Beh, potrebbe essere per divertimento. A volte abbiamo tipo “Oh, vogliamo un’immagine cosmetica divertente per un post sul blog o qualcosa del genere”.

John Mueller:
Intendo…

Lizzy Sassman:
Diresti anche “Va bene?”

John Mueller:
sicuro

Lizzy Sassman:
O ci sarebbero degli svantaggi nell’usare la fotografia stock?

John Mueller:
Penso che se volessi usarli come elemento decorativo su una pagina, va benissimo.

Aggiunge un po’ di sapore, un po’ più di colore al post o a qualsiasi contenuto che abbiamo lì.

Quindi, se è un, non so, un articolo a tema Halloween, quindi aggiungendo… non so… fotografia stock di un ragno…

Immagino ragno, non vorresti averli troppo realistici.

Questo potrebbe essere scatenante per alcune persone.

Ma alcune fotografie stock a tema Halloween e non troppo spaventose per il nostro sito, immagino… andrebbero benissimo.

Mueller conferma che la fotografia stock va bene da usare nel contesto di vivere un contesto testuale e implica anche che l’immagine dovrebbe essere appropriata per il pubblico, come ad esempio non utilizzare immagini eccessivamente spaventose nel contesto della documentazione di Google Search Central, anche se il contesto è Halloween.

Il buon senso, vero?

Archivi fotografici e ricerca di immagini

I Googler si rivolgono quindi alla discussione sulla fotografia stock nel contesto della ricerca di immagini.

Un promemoria, tieni presente che Mueller sta discutendo di immagini di stock nell’ipotetico contesto di Search Central utilizzando immagini di stock.

“John Mueller:
Ma penso che l’aspetto sia la fotografia stock.

E se le persone cercano foto di Halloween, è improbabile che ci presentiamo nei risultati di ricerca per quello.

Avremmo quell’immagine, ma probabilmente, non lo so, altri 20, 30 siti hanno la stessa immagine e hanno tutti una licenza per essa, e mostrarla va bene.

E forse anche il sito di fotografia stock originale ha quell’immagine nei risultati di ricerca.

E se stai cercando qualcosa come un’immagine di Halloween, probabilmente vorrai andare con il sito originale.

Non è che la documentazione di Google dovrebbe classificarsi per quella query.

Immagino che anche l’altro aspetto sia che non ti classificheresti per questo in Ricerca immagini, ma non conta nemmeno.

Quindi hai altre buone immagini sulla stessa pagina o sul sito… o se stai parlando di Ricerca Web, questo non danneggerà il tuo sito.

È di più, è come, beh, è ​​decorativo, ma non è ciò di cui tratta il tuo sito.

Pertanto, non ti classificherai per quella fotografia stock specifica.

Ma tutto il resto andrà bene.

Non è che diciamo: “Oh, questo è un sito generico. Non dovremmo mostrarlo in Cerca.

Fotografia d’archivio – Pro e contro

Il podcast Search Off the Record chiarisce diversi punti sulla fotografia stock.

La fotografia d’archivio non avrà un’influenza negativa sulle prestazioni di ricerca sul Web per una pagina Web, il che dovrebbe alleviare l’ansia provata da coloro che la utilizzano o la stanno contemplando.

D’altra parte, non aspettarti che la fotografia stock si classifichi nella ricerca di immagini.

Ci sono alcuni che credono che la fotografia stock possa distrarre i visitatori del sito o proiettare una mancanza di autenticità.

Ma questo è solo il caso se la fotografia stock si trova in un contesto che richiede autenticità, come in una pagina web “chi siamo” o “il nostro team”.

John Mueller ha sottolineato la fotografia d’archivio e l’autenticità in un ritrovo Office-Hours del 2020 quando ha detto:

“Per la ricerca di immagini, se è la stessa immagine utilizzata in molti posti, sarà più difficile.

C’è anche il potenziale impatto sugli utenti, dopo la ricerca, ad esempio: influisce sulle conversioni se la foto della tua squadra è ovvia?

Qualcosa che non è stato menzionato è che esiste un valore nell’utilizzo di dati strutturati per le immagini sulla pagina web.

Quindi, anche se l’immagine in primo piano è un’immagine stock, potrebbe comunque essere utile per Google sapere che questa è l’immagine in primo piano attraverso i dati strutturati.

Le immagini nei dati strutturati si qualificano per l’inclusione in qualsiasi risultato multimediale.

Secondo la documentazione di Google:

“Se includi dati strutturati, Google Immagini può visualizzare le tue immagini come risultati multimediali, incluso un badge in evidenza, che fornisce agli utenti informazioni pertinenti sulla tua pagina e può indirizzare un traffico più mirato al tuo sito”.


Citazione

Ascolta questa parte del podcast Search Off the Record al minuto 4:21

Immagine in primo piano di Shutterstock/Asier Romero

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *