Gli ucraini si preparano al blackout, inverno duro dopo che la Russia ha preso a pugni la rete elettrica Di Reuters

3/3

© Reuters. FILE PHOTO: I passeggeri sono visti all’interno di un autobus pubblico nel centro della città senza elettricità dopo che le infrastrutture civili critiche sono state colpite da un attacco missilistico russo a Leopoli, Ucraina, 11 ottobre 2022. REUTERS/Pavlo Palamarchuk/file Photo

2/3

Di Stefaniia Bern e Max Hunder

KIEV (Reuters) – Liubov Palii era seduta al suo computer quando le luci si sono spente nel suo appartamento con una camera da letto dopo che gli attacchi russi hanno colpito la rete energetica dell’Ucraina.

Ha iniziato a giocare con il suo bambino di quattro mesi, Vova, alla luce del suo cellulare.

“Quando succede, giochiamo insieme a letto, ci sdraiamo insieme, accendo le candele e la torcia nel mio telefono”, ha detto.

“Non potevo fare la doccia o fare il bagno al mio bambino, perché è difficile farlo al buio. Non ha influenzato la sua alimentazione, perché una luce è sufficiente. Almeno abbiamo ancora acqua quando le luci si spengono”.

Famiglie come Palii si stanno preparando per un rigido inverno dopo che missili e droni russi sono piovuti sulle città di tutta l’Ucraina questa settimana, colpendo centrali elettriche e centrali elettriche e danneggiando circa il 30% delle infrastrutture energetiche del paese.

Mentre era incinta, la famiglia di Palii era già fuggita dall’avanzata occupazione russa nella regione meridionale di Kherson e si era trasferita a Kiev ad aprile. Tra le lacrime, ha spiegato che mentre nessuna parte del paese era sicura, era stato meno spaventoso nella capitale che nel territorio controllato da Mosca.

“Prima di lunedì sapevo che sarebbero potuti accadere i bombardamenti. Ho cercato di mantenere la calma, anche se eravamo spaventati e abbiamo pianto un po’. Mio marito non mi ha lasciato prendere dal panico. Se vado nel panico, si diffonderà su mio figlio. Ha bisogno di calma genitori”, ha detto.

ARMA INVERNO

Il governo del presidente Volodymyr Zelenskiy ha affermato che il potere è stato ripristinato a milioni di persone, ma ha avvertito gli ucraini di prepararsi a ulteriori blackout e ha chiesto alle persone di ridurre il consumo di elettricità ove possibile.

“È importante capire che i terroristi russi cercheranno di usare il freddo come arma”, ha detto mercoledì il primo ministro Denys Shmyhal.

“Nella loro malata immaginazione, gli ucraini seduti per diverse ore senza elettricità sono una vittoria. Pensano che in questo modo ci costringeranno ad arrendersi. Questo non accadrà”.

Missili e droni russi hanno colpito obiettivi ucraini 128 volte in tre giorni questa settimana, colpendo 28 installazioni energetiche, ha affermato il governo ucraino. Mosca ha negato di prendere di mira i civili.

Il consigliere di Zelenskiy Mykhailo Podolyak ha detto a Reuters che il governo si era preparato per scioperi alle infrastrutture critiche ed è riuscito a prevenire il sovraccarico della rete elettrica, grazie anche a un appello alle persone affinché riducano il consumo di elettricità.

“La Russia ha capito che l’Ucraina ha un potente sistema energetico, e quindi … ha attaccato le sottostazioni di distribuzione, che collegavano (diverse) regioni”, ha detto Podolyak.

“Grazie all’approccio responsabile degli ucraini, che ne hanno limitato i consumi nelle ore serali, il sistema è riuscito”, ha affermato in un commento scritto.

Ha anche escluso attacchi di rappresaglia alle infrastrutture energetiche russe. “L’Ucraina sta conducendo una guerra difensiva”.

Dopo gli scioperi, l’energia è stata ripristinata in più di 4.000 città e villaggi, ha detto Shmyhal, ma ha avvertito di tempi difficili.

Il governo sta esortando i cittadini a fare scorta di vestiti caldi, candele, torce elettriche e batterie mentre chiede alle persone di limitare l’uso di elettrodomestici ad alto consumo di energia come forni, lavatrici o bollitori durante i periodi di picco di consumo.

“Non si tratta di stare seduti al buio. È solo necessario ridurre l’uso dei dispositivi a più alta intensità energetica”, ha detto Shmyhal.

Ha anche chiesto alle aziende di disattivare la pubblicità esterna e ha affermato che le case dovrebbero essere riscaldate solo fino a un massimo di 18 gradi Celsius (64,4 ° F) nei prossimi mesi.

Finora quel motivo ha avuto un certo impatto – Shmyhal ha affermato che il consumo è diminuito del 10% tra martedì e mercoledì, senza fornire cifre specifiche.

LUME DI CANDELA

“(In inverno) potremmo accendere i fornelli per scaldarci, altrimenti non so come riscalderemo l’appartamento. Ci vestiremo calorosamente e ci nasconderemo sotto molte coperte”, ha detto Palii, 23 anni- vecchia manicure.

Le autorità hanno anche in programma di installare stazioni di riscaldamento mobili nelle strade nel caso in cui le persone subiscano interruzioni del riscaldamento a casa e hanno sviluppato piani di evacuazione nel caso in cui vengano colpiti impianti energetici critici.

Nella regione di Kharkiv, vicino alla linea del fronte orientale, le autorità distribuiscono gratuitamente legna da ardere.

Alcuni residenti di Kiev come Sonik Markosian erano già preparati quando le luci si sono spente.

La 27enne, che vive nel distretto di Solomianskyi di Kiev, ha recentemente avviato un’attività di produzione di candele nella piccola cucina dell’appartamento che condivide con il suo ragazzo, e aveva alcuni dei suoi prodotti a portata di mano.

“Avevamo alcune candele in tutta la casa. Quindi siamo stati abbastanza fortunati da essere preparati per il blackout”, ha detto riferendosi alle interruzioni di corrente che hanno colpito la sua zona nei due giorni precedenti.

“Stiamo progettando di produrre più candele e ordinare più materiali a causa di questi blackout”, ha affermato.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *