Forniscono dati per aiutare i consumatori a raggiungere gli obiettivi dietetici, ma non sarà comunque facile

pedometro

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Ho provato un tipo speciale di stupore, poi panico, vedendo i miei livelli di glucosio salire alle stelle per la prima volta dopo aver gustato una birra fresca in una soffocante sera d’estate. Era una notifica push biologica dal fluido appena sotto la mia pelle che la bevanda ricca di carboidrati stava interferendo con gli sforzi per mantenere la mia salute e il mio peso.

Per anni, le persone con diabete di tipo 1 hanno indossato monitor continui della glicemia, o CGM, per monitorare i picchi di zucchero nel sangue e assicurarsi che assumano abbastanza insulina. I CGM sono piccoli cerotti con minuscoli aghi per sensori che pungono la pelle e sono generalmente indossati sullo stomaco o sulla parte posteriore del braccio.

Ora, un’ondata di aziende tecnologiche sta vendendo CGM al pubblico. Questo mi ha incuriosito: funzionerebbe per me? Cosa imparerei?

I dispositivi, collegati ad app con analisi personalizzate e consigli sulla pianificazione dei pasti, vengono pubblicizzati come un percorso che cambia il comportamento verso una migliore salute e prestazioni atletiche, un’energia costante e il superamento del temuto ciclo di perdita di peso-aumento di peso una volta per tutte.

Per le persone senza diabete, il monitoraggio della risposta glicemica ai pasti può individuare quali alimenti aumentano significativamente la glicemia, portando a un successivo calo della glicemia e quindi a letargia. L’eccesso di insulina e glucosio nel flusso sanguigno può anche segnalare al corpo di immagazzinare lo zucchero in eccesso, causando un aumento di peso.

L’ecosistema new age di monitoraggio della salute si estende ben oltre i CGM, lasciando i tradizionali contapassi nella polvere. Un tracker sotto forma di un elegante anello in titanio realizzato da Ultrahuman monitora i movimenti e il sonno e può essere abbinato a un cerotto per il monitoraggio del glucosio. La tecnologia indossabile di Whoop, che tiene traccia della frequenza respiratoria, dell’ossigeno nel sangue e di altri parametri di salute, può essere incorporata in un reggiseno sportivo. Un altro dispositivo, il Lumen, analizza il respiro per determinare se l’utente sta bruciando carboidrati o grassi.

Il mercato per questa tecnologia è enorme, dagli atleti olimpici agli impiegati che cercano di evitare la tregua post-pranzo. La nazione è stata a lungo in preda a quella che viene spesso definita un’epidemia di obesità. Dal 2017 al 2021, il 26% degli americani, in media, ha dichiarato di “cercare seriamente di perdere peso” e più della metà ha affermato che lo vorrebbe, secondo i sondaggi Gallup. E circa 96 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno il prediabete, aumentando il rischio di sviluppare malattie croniche come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Il prediabete colpisce le persone che sono sia magre che in sovrappeso, sebbene l’obesità aumenti il ​​rischio di diabete.

Gli investitori ne prendono atto. Secondo un’analisi del fondo di rischio Rock Health per KHN, quasi 3,5 miliardi di dollari sono stati versati nelle startup di salute digitale per la perdita di peso negli Stati Uniti dal 2020 fino alla prima metà del 2022. Le startup CGM Levels, NutriSense, Signos e January hanno raccolto collettivamente oltre 140 milioni di dollari di finanziamenti, secondo il database di finanziamento dell’azienda Crunchbase.

C’è molto clamore su tutti i dati che forniscono.

Gli annunci online e nei podcast spesso presentano ventenni attivi. Promettono approfondimenti unici su come i singoli corpi reagiscono al cibo, all’esercizio fisico e al sonno in tempo reale concentrandosi sulla salute metabolica e su come gli utenti tengono sotto controllo i livelli di glucosio. “Stiamo affrontando la perdita di peso dando a ogni corpo una voce”, afferma la società Signos con sede a CGM. Una promozione per Lumen condivide: “Hai nei polmoni il segreto per una perdita di peso sostenibile”.

Ma anche se le persone nel campo hanno visto risultati “significativi” dall’incorporazione di questi strumenti nei programmi di perdita di peso, riconoscono che nessun approccio unico sembra in grado di fare tutto. Ad esempio, Eric Kusher, un dottore in chiropratica che gestisce un programma intensivo di perdita di peso presso Compass Fat Loss, ha affermato di fare ancora affidamento anche sull’elemento umano, rifacendosi ai consigli dietetici del suo staff, non alle indicazioni sui pasti fornite dalle app.

Anche lo strato di realtà è importante, ha affermato il dott. Nirav Shah, ricercatore senior presso il Clinical Excellence Research Center della Stanford University. “Se sei una madre tormentata che cerca di prendersi cura di tre bambini e mantenere un lavoro, non avrai il tempo di monitorare e creare il perfetto frullato verde”, ha detto. “Comprerai il pasto in dollari perché è più facile ed economico per i tuoi figli, e poi mangerai quello che loro non mangiano”.

Per la perdita di peso e le riacutizzazioni dell’infiammazione, Sarah Schacht, una consulente per l’innovazione governativa di 42 anni di Seattle, ha provato tutti i tipi di tecnologia sanitaria, inclusi Levels e Lumen. Il generalizzato “mangia di meno, muoviti di più” – consigli imperfetti per molti – non funzionava per lei. L’app Livelli consente all’utente di registrare pasti, esercizi e altri eventi importanti; combina le informazioni con i dati CGM; e poi offre approfondimenti e consigli su come gli utenti possono favorire curve glicemiche più delicate. Da quando ha iniziato i livelli un anno e mezzo fa, ha perso 5 libbre, il suo peso si è stabilizzato e le risposte infiammatorie sono diminuite. Ma il suo corpo non è cambiato radicalmente, ha detto.

“Ho la sensazione che le poche storie di successo che ho visto, persone che hanno cambiato radicalmente il proprio corpo, trascorrano molto tempo sulla loro strategia alimentare”, ha detto Schacht. “Non tutti hanno quella capacità mentale, tempo o budget.”

Questi dispositivi non sono coperti da assicurazione, quindi, con i relativi abbonamenti per i dati, i costi possono essere centinaia di dollari all’anno. Ci sono anche scarse ricerche sull’efficacia dei CGM nel migliorare la salute delle persone senza diabete, per non parlare della perdita di peso. Senza risultati fermi, molti operatori sanitari sono scettici. Alcuni esperti temono anche che il flusso costante di dati possa indurre un’alimentazione disordinata.

Dott. Caroline Apovian, co-direttore del Center for Weight Management and Wellness presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston, ha affermato di non vedere l’uso di un costoso CGM per qualcuno che non ha il diabete, soprattutto con nuovi farmaci dimagranti a portata di mano . Quei farmaci, ovviamente, avranno anche un prezzo elevato.

“È un duro lavoro perdere 10 libbre”, ha detto Apovian. “Il CGM cancellerà i tuoi soldi, quindi non puoi iscriverti in palestra”.

La maggior parte delle persone che hanno insulino-resistenza e malattie metaboliche tendono ad avere un reddito più basso e minoranze che non possono permettersi CGM, ha affermato Logan Delgado, co-proprietario di BioCoach. BioCoach ha l’autorizzazione della FDA per il suo misuratore di glucosio e chetoni, che controlla i livelli di glucosio e testa i chetoni nel sangue, un segno che il corpo sta bruciando i grassi per produrre energia. La sua tecnologia di puntura del dito più tradizionale mantiene il prezzo dell’abbonamento fino a $ 30 al mese, consentendo comunque alle persone senza diabete di conoscere la propria salute metabolica, anche se non con dati continui. L’azienda ha accumulato un ampio seguito su TikTok, dove Delgado e altri aumentano la consapevolezza sui cibi zuccherati e sul diabete.

Le startup CGM generalmente offrono uno dei due CGM: FreeStyle Libre di Abbott, che è più economico e richiede una scansione manuale del sensore da parte di uno smartphone, o il Dexcom G6 connesso tramite Bluetooth, che si aggiorna automaticamente su uno smartphone. I monitor vengono forniti alle persone senza diabete attraverso prescrizioni “off-label” perché la FDA non ha ancora approvato gli strumenti per la popolazione generale.

I CGM sono disponibili da banco in Europa, quindi le aziende scommettono che la FDA li approverà per essere disponibili sugli scaffali delle farmacie negli Stati Uniti. Ciò dovrebbe far scendere i prezzi dei sensori, che possono costare centinaia di dollari.

Ma già gennaio afferma di poter utilizzare l’intelligenza artificiale per prevedere i livelli di glucosio di una persona dopo che un utente indossa un CGM per due settimane. L’algoritmo, supportato da ricerche pubblicate e da una libreria di dati sulla nutrizione alimentare, può quindi prevedere la risposta glicemica della persona a migliaia di alimenti prima che l’utente decida cosa mangiare, non dopo. Ciò riduce i costi, essenzialmente creando un CGM virtuale, ha affermato Noosheen Hashemi, CEO di gennaio. La società sta lanciando una nuova versione della sua app questo autunno.

Su tutta la linea, le startup stanno in gran parte lavorando attraverso i nodi, alcune stanno ancora conducendo la ricerca per supportare le loro affermazioni commercializzate e adottando approcci diversi all’utilizzo della tecnologia. Un tema comune per le startup, tuttavia, è andare direttamente al consumatore prima, puntando a persone che possono permettersi il concetto, prima di cercare infine la copertura dagli assicuratori, ha affermato Bill Evans, fondatore e partner generale di Rock Health Capital.

Le aziende stanno anche cercando di aggiungere nuovi colpi di scena al modo in cui le loro app utilizzano i dati per raggiungere obiettivi di salute e perdita di peso, ciascuno con librerie di blog informativi, lezioni e attività. Il costo varia da centinaia di dollari all’anno a più di mille, con addebiti che coprono il prezzo dell’hardware, l’abbonamento per servizi avvolgenti e, in alcuni casi, il supporto del nutrizionista. Le aziende puntano sull’idea che i clienti firmeranno a lungo termine.

Adottando un approccio più avvolgente, NutriSense si è fortemente impegnata nella creazione di un team nutrizionale di 80 persone che lavora a stretto contatto con i clienti, secondo Kara Collier, vicepresidente della salute dell’azienda.

Signos, che si concentra sulla perdita di peso, utilizza l’intelligenza artificiale per impostare un “intervallo di perdita di peso” per i clienti in base ai loro intervalli generali di glucosio e al livello di forma fisica.

Per curiosità, questa giornalista si è fissata un CGM sul retro del braccio per 10 giorni e si è iscritta all’app Levels. All’inizio, le metriche erano stridenti. Come persona senza diabete, non avevo mai fatto i conti con i miei livelli di glucosio prima.

Poi ho iniziato a riconoscere schemi sensati: bere birra aumentava sempre la mia glicemia, ma un bagel dopo una lunga passeggiata mattutina manteneva il mio livello di zucchero nel sangue relativamente stabile. Tuttavia, i toast all’avocado o le uova per colazione erano alternative migliori. E un’insalata con ceci, pomodori e tacchino a pranzo ha ottenuto il massimo dei voti.

Digerire i dati insieme a ogni pasto mi ha sicuramente fatto pensare di più a cosa ho mangiato e quando mi sono esercitato. Ma sembrava anche un sacco di compiti in più.


L’ultimo farmaco per il diabete di tipo 2 aiuta i pazienti a raggiungere più rapidamente gli obiettivi di zucchero nel sangue e peso


©2022 Kaiser Health News.

Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.

Citazione: Gadget per la perdita di peso: forniscono dati per aiutare i consumatori a raggiungere gli obiettivi dietetici, ma non sarà comunque facile (2022, 21 ottobre) recuperati il ​​22 ottobre 2022 da https://medicalxpress.com/news/2022-10-weight- perdita-gadgets-consumers-dieta.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *