Dai video di danza alle sensazioni globali: cosa devi sapere sull’ascesa di TikTok | Tecnologia

TikTok nel 2022 è diventata l’app più scaricata al mondo, superando silenziosamente gli antenati di lunga data Instagram e Twitter. Entro la fine di quest’anno, supererà YouTube poiché gli utenti della piattaforma di social media trascorrono la maggior parte del tempo a guardare.

La rapida ascesa della piattaforma video ha sbalordito investitori ed esperti del settore. Mentre cresce a una velocità vertiginosa, una nuova serie del Guardian US indaga su alcune delle crescenti domande che circondano le sue operazioni: l’opacità del suo algoritmo, il suo effetto sul nostro cervello, i suoi legami con la Cina e il suo ruolo nella diffusione della disinformazione elettorale.

“TikTok è diventato una fonte di cultura, un rafforzamento della cultura e un calderone in cui si crea la cultura”, ha affermato Emily Dreyfuss, ricercatrice presso lo Shorenstein Center on Media, Politics and Public Policy di Harvard. “E’ ora di prenderla sul serio”.

Mentre approfondiamo l’app che ha rimodellato Internet in pochi anni, ecco cosa devi sapere sulla sua ascesa.

Da dove viene TikTok

Il logo ByteDance viene visualizzato su sfondo blu insieme ai loghi di TikTok e di altre piattaforme di proprietà di ByteDance durante un tour multimediale.
ByteDance ha acquisito Musical.ly nel 2017 portando i suoi 60 milioni di utenti globali nell’azienda. Fotografia: Firenze Lo/Reuters

TikTok come sappiamo è nato dall’unione di due piattaforme cinesi: l’app di sincronizzazione labiale Musical.ly e la piattaforma video Douyin.

Musical.ly è stata fondata nel 2014 a Shanghai ed è diventata molto popolare in pochi anni. Nel 2017, la piattaforma è stata acquisita dalla società cinese di tecnologia Internet ByteDance per 800 milioni di dollari, consentendo a ByteDance di attingere ai 60 milioni di utenti di Musical.ly in tutto il mondo.

Forte della base di utenti statunitensi di Musical.ly e delle sue funzionalità più popolari, ByteDance ora vanta una più ampia portata internazionale con il suo prodotto incentrato sulla Cina, Douyin e il prodotto rivolto a livello globale, TikTok.

Quanto velocemente è cresciuto

Lo sprint di TikTok verso il dominio mondiale è iniziato sul serio nel 2018, quando ha superato per la prima volta Facebook, Instagram, Snapchat e YouTube nei download. L’anno successivo, è diventata la quarta app non di gioco più scaricata al mondo.

Grafico a linee che confronta i download annuali di app di TikTok e Instagram

Nel 2020, la pandemia di Covid-19 ha versato benzina sulla crescita già esplosiva dell’app. Mentre miliardi di persone hanno lottato contro ripetuti blocchi, l’app ha accumulato download, registrando un aumento del 45% degli utenti attivi mensili tra luglio 2020 e luglio 2022.

Oggi, TikTok vanta oltre 1 miliardo di utenti attivi e si prevede che l’app supererà 1,8 miliardi di utenti entro la fine del 2022. Insieme, TikTok e Douyin costituiscono la terza piattaforma di social media più grande per utenti mensili, dietro Facebook e Instagram.

Grafico a barre che confronta la base di utenti attivi mensili per Facebook (2,1 miliardi di utenti attivi), Instagram (1,3 miliardi), TikTok (755 milioni), Snapchat (465 milioni) e Twitter (345 milioni).

Chi lo usa

Ad alimentare la popolarità di TikTok è la sua base di utenti relativamente giovane. Quasi la metà delle persone tra i 18 ei 30 anni negli Stati Uniti utilizza la piattaforma, ha mostrato un recente rapporto del Pew Research Center, e il 67% degli utenti di età compresa tra 13 e 18 anni utilizza l’app ogni giorno. Secondo quello studio, il 16% di tutti gli adolescenti usa TikTok “quasi costantemente”.

Ciò rende TikTok la seconda app più popolare tra i giovani, dopo YouTube, utilizzato dal 95% degli adolescenti. Instagram e Snapchat sono utilizzati da circa il 60% degli adolescenti e Facebook solo dal 32%.

Sei grafici a barre mostrano la distribuzione per età delle persone che usano TikTok, Facebook, Instagram, LinkedIn, Twitter e Reddit.

Il potente appello di TikTok ai giovani ha reso i suoi concorrenti desiderosi di imitare la sua ascesa. Aziende come Meta hanno lottato per arginare un esodo di massa di utenti di età inferiore ai 25 anni dalle loro piattaforme e documenti interni trapelati dall’informatrice di Meta Frances Haugen nel 2021 hanno mostrato che l’azienda aveva fatto del mantenimento dei giovani utenti su Instagram e Facebook una priorità assoluta. Meta negli ultimi anni ha investito miliardi in Reels, il suo clone di TikTok, ma ha faticato a monetizzarlo.

Crescenti preoccupazioni

L’algoritmo: L’algoritmo di TikTok, che offre agli utenti contenuti estremamente perfezionati, è un elemento chiave del suo successo. La piattaforma, secondo documenti interni trapelati nel 2021, ottimizza i contenuti per minuti e ore di visualizzazione, una differenza rispetto ai suoi concorrenti che storicamente davano priorità ai clic e al coinvolgimento. Quella differenza fondamentale e la straordinaria efficacia del suo algoritmo hanno destato allarme per l’impatto sulla salute mentale di un targeting così intenso.

Le preoccupazioni per le conseguenze dell’uso estensivo dei social media sono di vecchia data, con studi che suggeriscono che un uso eccessivo può esacerbare i problemi di salute mentale e contribuire all’ideazione suicidaria. Ma TikTok ha i suoi problemi, comprese le preoccupazioni che il suo feed basato su algoritmi possa rendere virali le tendenze malsane prima che possano essere controllate per la sicurezza.

I suoi legami con la Cina: Nel frattempo, i legislatori statunitensi sono sempre più preoccupati per i legami della piattaforma con la Cina. Nel 2020, il futuro di TikTok negli Stati Uniti è sembrato brevemente insicuro, quando l’amministrazione Trump ha minacciato di vietare la piattaforma a titolo definitivo o costringere ByteDance a venderla a un’azienda americana.

Sotto pressione, TikTok si è trasferito per archiviare ed elaborare i dati degli utenti statunitensi sui server della società Internet americana Oracle. A partire da giugno 2022, TikTok ha affermato che “il 100% del traffico degli utenti statunitensi viene instradato verso Oracle Cloud Infrastructure”.

Ma le domande sull’accesso cinese ai dati degli utenti statunitensi persistono. TikTok ha riconosciuto che alcuni backup dei dati degli utenti statunitensi continueranno a essere archiviati in Cina e Singapore. E i rapporti di Buzzfeed quest’anno hanno mostrato che i dipendenti di ByteDance in Cina hanno continuato ad accedere ai dati degli utenti statunitensi.

Secondo quanto riferito, TikTok è in trattative con il dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per un accordo per affrontare tali problemi di sicurezza nazionale che gli permetterebbero di continuare a operare negli Stati Uniti.

Disinformazione: Gli esperti mettono inoltre sempre più in guardia sulla proliferazione della disinformazione sulla piattaforma, anche durante la guerra in Ucraina. Uno studio recente sulle elezioni in Kenya ha rilevato che 130 video su TikTok visualizzati più di 4 milioni di volte presentavano disinformazione elettorale o incitamento all’odio relativi al voto.

Con l’avvicinarsi delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, tutti gli occhi sono puntati su TikTok per il suo più grande test di disinformazione mai visto: “Quest’anno sarà molto peggio mentre ci avviciniamo al medio termine”, ha detto Olivia Little, una ricercatrice che ha studiato la disinformazione su TikTok per il gruppo di ricerca Media Matters for America. “C’è stato un aumento esponenziale degli utenti, il che significa solo che ci sarà più disinformazione di cui TikTok ha bisogno per lavorare in modo proattivo per fermarsi o rischiamo di affrontare un’altra crisi”.

TikTok ha affermato di aver adottato diverse misure per supportare la salute mentale dei suoi utenti, inclusa l’introduzione di nuovi strumenti che “promuovere la gentilezza” sull’app come filtri che consentono agli utenti di filtrare più facilmente i commenti offensivi e un pop-up automatico che chiede agli utenti “riconsiderare” lasciando commenti che violano le linee guida.

La società ha affermato che le preoccupazioni per la sicurezza nazionale dei legislatori statunitensi sono esagerate, sostenendo che la piattaforma non condivide i dati degli utenti con il governo cinese e che utilizza “una combinazione di tecnologia e migliaia di professionisti della sicurezza” per identificare e rimuovere i video che violano le sue politiche , compresi i contenuti estremisti.

Per combattere la diffusione della disinformazione elettorale sulla sua piattaforma, la società ha affermato che fornisce informazioni elettorali accurate e collabora con agenzie indipendenti di verifica dei fatti per aiutare a indirizzare le sue politiche di moderazione dei contenuti intorno alle elezioni. Secondo i suoi rapporti sulla trasparenza, nella seconda metà del 2020 ha rimosso 350.000 video relativi alla disinformazione elettorale.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *