Creare opportunità uno studente alla volta

Cisco Networking Academy, fondata nel 1997, ha festeggiato i suoi 25 annith anniversario il 18 ottobre 2022. Il programma opera nell’ambito di Cisco Corporate Affairs e attiva lo scopo dell’azienda di alimentare un futuro inclusivo per tutti a vantaggio dei dipendenti, delle comunità e del pianeta. Cisco Networking Academy opera in collaborazione con Accademie designate che includono scuole superiori, organizzazioni non profit, community college e altre organizzazioni accademiche. Gli istruttori nelle accademie sono abilitati con un ampio supporto e corsi tramite una piattaforma educativa che ospita programmi e risorse. Gli studenti della Networking Academy hanno accesso gratuito a programmi di sviluppo della carriera e di abbinamento di lavoro.

Il programma ha avuto un impatto impressionante con oltre 17,5 milioni di studenti partecipanti dall’inizio della Networking Academy. L’ultimo Scopo Report di Cisco afferma che il novantacinque percento degli studenti che seguono i corsi di certificazione Cisco ha affermato che li ha aiutati a trovare un lavoro successivo o opportunità educative. Nello stesso rapporto Cisco ha annunciato che i contributi in natura annuali tramite la Networking Academy ammontavano a 367 milioni di dollari. Il programma continua a concentrarsi sulle minoranze sottoservite e sottorappresentate che altrimenti potrebbero non avere accesso a percorsi educativi di alta qualità.

Cisco Networking Academy in azione

All’età di 11 anni, Edna Felix voleva seguire un corso di informatica a Ricardo de Albuquerque, un sobborgo di Rio de Janeiro. Sua madre guadagnava solo 90 real al mese (circa 17 USD) e il corso costava 45 real, ma era disposta a fare l’investimento per aiutare sua figlia. A sua volta, Edna ha risparmiato per frequentare un college locale che offre gratuitamente i corsi 1 e 2 di Cisco Certified Networking Associate (CCNA), in modo che le persone potessero acquisire le competenze tecniche necessarie per lavorare ai Giochi Olimpici del 2016. Edna ha completato con successo i corsi e il suo supervisore alle Olimpiadi in seguito è diventata il suo primo manager presso Cisco, dove attualmente lavora come Technical Manager.

I disordini politici e le turbolenze economiche hanno costretto Hamid Hajar a lasciare il Sudan per il Libano. Come rifugiato, ha trovato lavoro come addetto alle pulizie presso il dipartimento IT del Business and Computer University College di Beirut. Grazie a un manager percettivo che ha individuato il potenziale di Hamid, è stato incoraggiato a partecipare al programma della Networking Academy dell’università dove ha conseguito il suo primo certificato CCNA, aprendo un nuovo mondo di opportunità. Lungo la strada, è stato aiutato dal direttore del corso, dal personale e dai compagni di studio a perseverare nello studio e nel lavoro allo stesso tempo.

Maria Gaffney ha scoperto per la prima volta la sua passione per la tecnologia al liceo. Dopo essersi iscritta al programma di Informatica presso l’Università del Distretto di Columbia, Maria ha scoperto la Cisco Networking Academy. Ha approfondito switch, router, metodi di routing dei dati e il funzionamento interno di Internet. La sua carriera l’ha portata dal lavoro federale ad Amazon Web Services per diventare un tecnico di successo per i clienti presso Vortex Managed IT Solutions. Maria è una delle 4,6 milioni di studentesse di Cisco Networking Academy che hanno partecipato al programma fino ad oggi.

Una conversazione con Laura Quintana, leader presso Cisco Networking Academy

Ho parlato con Laura Quintana, Vice President e General Manager di Cisco Networking Academy, per ascoltare le sue riflessioni sul valore del programma e su dove l’organizzazione sta investendo per il futuro.

Michele Artù: Per celebrare i 25 anni della Networking Academyth compleanno, di cosa sei più orgoglioso?

Laura Quintana: Sono molto orgoglioso delle vite che abbiamo toccato e che abbiamo aiutato a trasformare. Ciò significa che sono orgoglioso della nostra capacità di incontrare gli studenti dove si trovano, aiutarli ad apprendere nuove competenze e fornire loro un percorso che cambia la vita verso lavori ben retribuiti.

Michele Artù: In che modo il programma si allinea con lo scopo di Cisco?

Laura Quintana: Il nostro scopo in Cisco è dare vita a un futuro inclusivo per tutti e assicurarci di avvantaggiare le persone, la società e il pianeta. Il nostro lavoro presso Cisco Networking Academy supporta questo scopo. Miriamo a trasformare la vita di studenti, educatori e comunità attraverso il potere della tecnologia, dell’istruzione e delle opportunità di carriera per creare un futuro inclusivo per tutti. Lo facciamo attraverso il nostro impareggiabile ecosistema di partenariati pubblico-privato e la nostra capacità di connettere individui di ogni ceto sociale alle opportunità di lavoro.

Artù: Sembra che ti consideri dei pionieri?

Quintana: Noi siamo! Abbiamo iniziato nel 1997 durante i primi giorni di Internet. Abbiamo sviluppato un sistema di gestione dell’apprendimento prima che diventasse una pratica standard. Eravamo e siamo leader nel fornire apprendimento gratuito e nel coinvolgere direttamente le persone con le nostre offerte. Sento spesso parlare di istituzioni accademiche e governi con cui abbiamo lavorato negli ultimi 25 anni e ci dicono che siamo pionieri.

Di recente sono stato a New York per visitare la Chelsea High School, dove c’è un istruttore della Cisco Networking Academy con 20 anni di esperienza. Insiste sul fatto che siamo sempre stati in prima linea nell’istruzione. Mi ha detto: “Sei sempre stato almeno cinque anni avanti rispetto ad altre pratiche istruttori”.

Artù: Come sta cambiando il tuo mercato?

Quintana: Ci sono 97 milioni di nuovi posti di lavoro tecnologici che devono essere occupati a causa della natura mutevole dell’industria. Le aziende hanno bisogno di individui con competenze digitali. Sappiamo che la digitalizzazione ha trasformato economie, nazioni, città, grandi aziende e piccole imprese. Se non sei digitalizzato, è davvero difficile partecipare all’economia digitale. Hai bisogno di talento per raggiungere questo obiettivo. Vorrei sottolineare che quello che stiamo facendo è positivo per la società. È un bene per le persone le cui vite trasformiamo, ed è anche un bene per gli affari.

Artù: Supportare i tuoi istruttori è al centro del tuo approccio?

Quintana: Ci avviciniamo all’intero spettro di apprendimento dalla piattaforma all’istruttore fino allo sviluppo professionale. Creiamo valore reale attraverso il nostro ecosistema di partner e istituzioni accademiche in tutto il mondo. Siamo estremamente orgogliosi delle partnership globali che abbiamo costruito in 25 anni. Abbiamo stabilito solide relazioni con i ministeri dell’istruzione, i ministeri della giustizia e gli istituti di istruzione e abbiamo costruito un alto livello di fiducia lungo il percorso. Abbiamo 800 Networking Academy Partner che forniscono supporto per l’onboarding e formazione per istruttori alle nostre accademie che forniscono i nostri corsi e servizi. Forniamo anche uno sviluppo professionale continuo degli istruttori.

Artù: Ci sono Networking Academy Partner e ci sono Academy, giusto?

Quintana: Sì. Lavoriamo con una rete di 800 Partner. A loro volta, supportano 11.800 accademie che offrono i nostri corsi agli studenti. Le nostre accademie sono scuole superiori, community college e università. Possono anche essere trovati presso centri stabiliti dal governo, come centri comunitari o agenzie di riqualificazione, o presso biblioteche o organizzazioni no profit. Sono stato personalmente coinvolto in un’organizzazione no-profit chiamata Love Never Fails che sostiene i sopravvissuti alla tratta di esseri umani. Offrono i nostri corsi insieme ad altri servizi come alloggio e consulenza.

A luglio 2021, abbiamo lanciato Skills For All, consentendoci di raggiungere direttamente gli studenti. Lo abbiamo fatto per espandere il programma ed essere più inclusivi. Riconosciamo che non tutti gli individui hanno accesso a una delle nostre accademie. Un’Accademia potrebbe non essere fisicamente nelle vicinanze o il programma dei suoi corsi potrebbe non funzionare per loro. Skills for All amplia la nostra portata e consente alle persone di connettersi ai corsi tramite i loro smartphone. Incontriamo gli studenti dove si trovano, sempre e ovunque. Nel primo anno, Skills for All ha raggiunto quasi 800.000 partecipanti.

Artù: Mi piace quello che sento, ma puoi dire di più sul curriculum generale?

Quintana: Abbiamo un portfolio completo e lavoriamo costantemente per garantire che gli studenti non acquisiscano solo conoscenze, ma vere abilità che portino a posti di lavoro. Vogliamo assicurarci di formarci per lavori di livello base e, in particolare, lavori nel networking, nella sicurezza informatica e nello sviluppo di software. Il nostro portafoglio completo è composto da 34 corsi, tradotti in un massimo di 27 lingue, a partire dai nostri corsi esplorativi molto introduttivi ai corsi pronti per la carriera allineati ai lavori più richiesti. Aiutiamo a collegare gli studenti alle opportunità di lavoro attraverso il nostro motore di abbinamento Talent Bridge, uno strumento che oltre 1.000 Cisco Channel Partner utilizzano per reclutare i nostri studenti.

Artù: I sostenitori della diversità, dell’equità e dell’inclusione potrebbero voler sapere cosa stai facendo nel loro spazio.

Quintana: Siamo orgogliosi del nostro impatto equo e inclusivo. Cisco Networking Academy supporta l’intero spettro della diversità. Sappiamo che investire in una forza lavoro diversificata genera una forza lavoro diversificata. I nostri corsi raggiungono persone di ogni provenienza. Misuriamo il nostro impatto e ci sforziamo di fare di più. A livello globale, oltre 4,6 milioni di donne hanno partecipato alla Cisco Networking Academy e lavoriamo attivamente per attirare le donne nel nostro Donne Rock IT programma. Investiamo in partnership con istituzioni per attrarre talenti diversi.

Negli Stati Uniti, il 38% dei nostri studenti sono minoranze sottorappresentate, di cui il 20% neri o afroamericani, il 17% ispanici o latini e l’1% indiani d’America/nativi dell’Alaska. Siamo orgogliosi di collaborare con 48 dei 107 college e università storicamente neri negli Stati Uniti.

Abbiamo anche collaborato con istituzioni come la Curtin University in Australia che ha fondato la Cisco Academy for the Vision Impaired – CAVI – che ha formato oltre 2.000 persone con disabilità visive. Dal 2019, il nostro programma ha servito oltre 150.000 studenti di tutto il mondo che si sono identificati come affetti da disabilità.

Artù: Quali sono le tue speranze per Cisco Networking Academy per i prossimi 25 anni?

Quintana: Costruiremo sulla nostra ricca eredità e raddoppieremo la nostra eredità per continuare a innovare e raggiungere le persone in tutto il mondo, in particolare le persone svantaggiate e sottorappresentate. Come parte del nostro 25th celebrazione dell’anniversario, stiamo annunciando un nuovo obiettivo per raggiungere 25 milioni di nuovi studenti nei prossimi dieci anni. Ciò significherà estendere la portata del programma oltre le classi tradizionali e incontrare nuovi studenti ovunque si trovino nel loro viaggio di vita. Continueremo a essere all’avanguardia nello sviluppo del curriculum e nelle esperienze di apprendimento per aiutare le persone di tutti i ceti sociali ad acquisire le competenze di cui hanno bisogno per partecipare all’economia digitale. Siamo arrivati ​​al nostro anniversario d’argento grazie alla nostra incessante co-innovazione e co-investimento con organizzazioni che la pensano allo stesso modo, che garantiranno che insieme continueremo a fornire servizi completi di cui le persone hanno bisogno per avere successo.

Artù: Ben detto, grazie.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *