Cosa fare con i tuoi vecchi telefoni, gadget e altri rifiuti elettronici

CNN – Negli ultimi due mesi, Apple, Google e Samsung hanno presentato tutti i loro nuovi smartphone e altri dispositivi con l’obiettivo di convincere i consumatori ad aggiornare prima delle vacanze. Ma nel processo, queste e altre aziende potrebbero anche aggiungersi a un problema crescente: i rifiuti elettronici.

La durata limitata di molti gadget tecnologici, combinata con poche opzioni per riparare i dispositivi più vecchi, ha causato l’aumento del problema dei rifiuti elettronici nel corso degli anni. I dati delle Nazioni Unite indicano che il mondo ha generato l’incredibile cifra di 53,6 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici nel 2019, di cui solo il 17,4% è stato riciclato.

Il venerdì segna la Giornata internazionale dei rifiuti elettronici, un’opportunità annuale per riflettere sull’impatto dei rifiuti elettronici e fare di più per ripararli o riciclarli. Il Forum sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (WEE), un’organizzazione no profit con sede a Bruxelles che guida l’occasione dal 2018, ha affermato che l’obiettivo di quest’anno è agire con i piccoli frammenti di rifiuti elettronici che molte persone potrebbero accumulare involontariamente, incluso il tuo vecchio cellulare, cuffie, telecomandi e mouse per computer.

“Le persone tendono a non rendersi conto che tutti questi elementi apparentemente insignificanti hanno molto valore e insieme a livello globale rappresentano volumi enormi”, ha affermato in una nota Pascal Leroy, direttore generale del WEEE Forum.

Il problema dei rifiuti elettronici riguarda molto di più che ripulire lo spazio nei cassetti della spazzatura.

L’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti afferma che grandi quantità di rifiuti elettronici vengono spedite verso paesi in via di sviluppo che non hanno la capacità di rifiutare queste importazioni o le infrastrutture per riciclarli in sicurezza. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche avvertito che i bambini, con le loro mani più piccole, sono spesso usati per trattare montagne di rifiuti elettronici nei paesi in via di sviluppo alla ricerca di elementi preziosi come rame, argento, palladio e altro ancora. L’OMS ha affermato che oltre 18 milioni di bambini sono esposti a una serie di impatti negativi sulla salute mentre si impegnano in questo settore informale di trattamento dei rifiuti elettronici.

Ecco alcuni passaggi che puoi eseguire con i telefoni, i laptop e i caricabatterie che hai nascosto in casa per alleviare il carico di rifiuti elettronici.

Se vivi in ​​una zona che offre servizi di smaltimento dei rifiuti elettronici (tramite date di ritiro specifiche o in un luogo di consegna), gli esperti affermano che è uno dei modi più semplici e intuitivi per ripulire i vecchi gadget.

Negli ultimi anni sono emerse varie coalizioni per offrire ai consumatori la possibilità di smaltire i dispositivi in ​​modo responsabile. Il gruppo e-Stewards e Sustainable Electronics Recycling International offrono ciascuno strumenti online per trovare centri di riciclaggio certificati.

L’impatto collettivo del riciclaggio dei rifiuti elettronici può essere sbalorditivo. Per ogni milione di telefoni cellulari riciclati, l’EPA afferma che è possibile recuperare 35.000 libbre di rame, 772 libbre di argento, 75 libbre di oro e 33 libbre di palladio.

Ma non tutti i comuni negli Stati Uniti offrono infrastrutture per il riciclaggio dei rifiuti elettronici.

Se non riesci a trovare un centro di riciclaggio nelle vicinanze, un elenco crescente di importanti rivenditori, tra cui Staples e Best Buy, ha anche programmi che consentono ai clienti di portare i rifiuti elettronici per il riciclaggio. E molti produttori, tra cui Apple (AAPL), hanno programmi che offrono crediti o riciclaggio gratuito in cambio della permuta di gadget usati. Google (GOOG), ad esempio, offre un’opzione per richiedere un’etichetta di spedizione gratuita per spedire alcuni gadget ed elettronica usati per il riciclaggio.

I sostenitori dell’ambiente affermano che il passo più importante per affrontare il crescente problema dei rifiuti elettronici è semplicemente provare a utilizzare l’elettronica il più a lungo possibile. In un certo senso, sta diventando più facile che mai.

Mentre i produttori di tecnologia sono stati presi di mira per le tattiche volte a farti aggiornare, i responsabili politici hanno recentemente emanato modifiche per spingere le aziende a rendere più facile per i clienti riparare l’elettronica di consumo e sostenere l’ascesa del movimento Right-to-Repair.

All’inizio di quest’anno, Apple e Samsung hanno lanciato i loro negozi di riparazioni self-service, offrendo parti per gli utenti che cercano soluzioni fai-da-te per i loro smartphone. Allo stesso modo, Google ha annunciato che quest’anno avrebbe offerto parti Pixel originali per i fai-da-te in un negozio online.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *