Constellation Cup 2022, seconda partita, Australia v Nuova Zelanda, Diamonds, Silver Ferns, Sunday Aryang, infortunio, squadra, live blog, resoconto della partita, risultato

L’Australia ha perso solo uno dei quattro quarti nella seconda partita della Constellation Cup di domenica sera, ma torna a casa sulla scia di una seconda sconfitta dopo altri 15 minuti di dissolvenza.

I Diamonds hanno vinto sia il primo che l’ultimo mandato e hanno resistito per il secondo, ma uno spettacolo horror del terzo quarto è costato agli australiani ogni possibilità di vittoria poiché hanno segnato solo nove gol.

Come hanno fatto nella prima partita contro la Nuova Zelanda nel primo quarto, i Diamonds non sono riusciti a fermare lo slancio di Fern nel terzo periodo.

Guarda la più antica rivalità in Netball con gli Origin Australian Diamonds che affrontano la Nuova Zelanda nella Constellation Cup, oggi dalle 17:00 Live & Free su Kayo Freebies. Iscriviti ora e inizia subito lo streaming >

“Stiamo facendo quelle corse e non riusciamo a rompere quei tre o quattro gol in vantaggio”, ha detto il capitano Liz Watson.

“Quel secondo tempo è un problema ora. Era il primo tempo”.

Steph Wood e Cara Koenen hanno entrambe terminato con 21 gol: Koenen all’84% mentre Wood ha aumentato la sua precisione dalla prima partita al 91%. Sophie Dwyer ha avuto 6/7 al suo debutto in Diamonds.

Per i Ferns, Grace Nweke ha segnato 37 gol al 100% mentre Ameliananne Ekenasio ha segnato 15 gol al 79%.

L’Australia è stata in grado di consegnare tre giocatori: Maddy Proud, Sophie Dwyer e Ruby Bakewell-Doran al loro debutto nella stessa partita in scene straordinarie.

La serie ora si dirige in Australia con il trio kiwi Sulu Fitzpatrick, Peta Toeava e Mila Reuelu-Buchanan che non fanno il viaggio.

Elle Temu, Kimiora Poi e Maddy Gordon voleranno invece con la squadra.

A PARTIRE DAL SETTE:

Australia – GK Klau, GD Bruce, WD Parmenter, C Price, WA Watson, GA Wood, GS Koenen

Nuova Zelanda – GK Fitzpatrick, GD Karaka, WD Heffernan, C Souness, WA Toeava, GA Ekenasio, GS Nweke

RAPPORTO DELLA PARTITA

I Diamonds sono partiti alla grande quando il capitano dei Ferns Ameliananne Ekenasio è stato colto senza opzioni al primo passaggio centrale, poiché il tiro di Cara Koenen è caduto.

Ma è stato Koenen con le mani cattive che ha visto il primo centro break recuperato dalla Nuova Zelanda.

Dopo una partita sotto la media, Steph Wood ha trovato spazio nel cerchio per segnare il suo primo gol della notte. Ma Koenen ha tirato fuori un altro fatturato; fortunatamente, la seconda giocatrice Amy Parmenter ha tirato un furto dal bordo del cerchio per assicurarsi che l’Australia pareggiasse ancora una volta.

Parmenter ha nuovamente forzato un altro turnover, ma le pessime mani di Jamie-Lee Price hanno assicurato a Grace Nweke di mantenere il conteggio dei suoi obiettivi.

Un quarto guadagno di Parmenter non è stato completato da Wood, ma Courtney Bruce non è stata negata poiché ha tirato una palla enorme davanti a Nweke.

“Un inizio molto migliore dall’Australia: hanno imparato ciò che hanno appreso”, ha detto la commentatrice Anne Sergeant.

“La spinta di Jamie-Lee Price sta aggiungendo un po’ di velocità a metà campo.

“Quella fiducia è mancata nella prima partita”.

Kate Heffernan è andata in panchina alla fine del periodo di apertura quando Kayla Johnson ha ricevuto i suoi primi minuti della notte come difesa dell’ala.

Ed è stata coinvolta in un grosso giro d’affari ma è uscita zoppicando da uno scontro con Price.

Nel quarto tempo, era l’Australia in vantaggio 13-12.

L’allenatore della Nuova Zelanda Noeline Taurua si è rivolto a Kelly Jury per il secondo mandato, dopo essere stata trascurata a favore di Sulu Fitzpatrick con una mossa a sorpresa.

Ma la pressione difensiva dei Diamonds è stata immensa, poiché i Ferns sono stati costretti ad attraversare ripetutamente il campo incrociato per guadagnare terreno verso la porta.

Ekenasio non è riuscito a raccogliere un passaggio di rimbalzo spinto e una grande chiamata di palla trattenuta su Peta Toeava ha assicurato ai Diamonds di aprire il loro più grande margine della partita: quattro gol.

“Un po’ più di esitazione da parte dei Silver Ferns – questo è un grande segno di spunta per la difesa dei Diamonds”, ha detto il sergente.

Heffernan è tornato in campo come centro in un secondo cambio per la partita, dopo aver effettuato un solo cambio forzato nella prima partita a causa del sangue.

Ma un brillante drive da fondocampo non è stato portato a termine da Koenen, dato che i Ferns hanno fatto un’altra rimonta.

“Sappiamo che è il suo pane quotidiano – finirlo sarebbe stato bello per i Diamonds”, ha detto Bassett di Koenen.

Quando Wood ha provato a forzare un passaggio attraverso Phoenix Karaka, il difensore kiwi è stato all’altezza del compito, semplicemente raccogliendo la palla.

Una chiamata fuori palla su Sarah Klau ha assicurato alla Nuova Zelanda di colmare il divario, ma l’Australia ha avuto un momento per festeggiare pochi secondi dopo quando Maddy Proud è stata portata in campo per il suo debutto.

“Un momento fantastico, un po’ di velocità con le gambe fresche”, ha elogiato il sergente.

Wood ha trovato il suo raggio d’azione dalla distanza per segnare il suo 14esimo gol e nell’intervallo era l’Australia ancora in vantaggio di un gol.

Ma quel vantaggio è svanito pochi minuti nel terzo termine quando i rigori hanno iniziato a salire contro gli australiani.

Klau si è ripreso da una pesante caduta quando Liz Watson ha pizzicato una palla a terra di Johnson, ma una grande chiamata di contatto contro Koenen ha assicurato alla Nuova Zelanda di mantenere il vantaggio di due gol.

Quando la giuria ha messo le mani sopra il tentativo di tiro di Wood, il suo feed a Watson ha mancato il bersaglio e le Silver Ferns ne hanno approfittato appieno.

Solo un inseguimento di Watson ha assicurato all’Australia di rimanere entro tre gol dalla rivale quando Sophie Dwyer ha esordito a metà del terzo mandato.

Koenen ha tirato rimbalzi consecutivi dopo alcuni momenti nervosi sotto il palo quando Dwyer ha aggiunto il suo primo gol in assoluto per l’Australia.

Quando Bruce lo ha buttato via dal terzo centrale, i Silver Ferns hanno aperto il loro più grande vantaggio della partita: sei gol.

“Ora si sta allontanando un po’ – quell’unità difensiva sta perdendo la forma”, ha detto il sergente.

I Diamonds hanno consegnato a Ruby Bakewell-Doran il suo debutto alla fine del terzo quando è stata presentata alla difesa della porta, con Bruce respinto dal portiere.

“È crudo, è nuovo e hanno la possibilità di brillare”, ha detto Bassett.

Proprio come hanno fatto nella prima partita, gli australiani sono riusciti a gestire solo un quarto di nove gol mentre i Ferns sono andati avanti. Con tre quarti di tempo, era la Nuova Zelanda in vantaggio di cinque gol.

Kate Moloney ha ottenuto i suoi primi minuti della serata per iniziare l’ultimo periodo quando Price è tornato in campo come difesa laterale, ma è stata l’Australia a tirar fuori subito il possesso.

Bruce ha vinto un grande rimbalzo davanti a Ekenasio che è stato convertito da Koenen per ridurre il margine a soli sei a 10 minuti dalla fine.

Ed è stato un margine che l’Australia non è riuscita a colmare perché i Ferns hanno lavorato a loro favore.

Al fischio finale, sono stati i Ferns a vincere con quattro gol. La serie ora si dirige a Melbourne con l’Australia che ha bisogno di una vittoria se ha qualche speranza di rivendicare la Constellation Cup.

PRE-GIOCO: I DIAMANTI VANNO IN UN CORTO DI DEFENDER

È interessante notare che l’allenatore dei Diamonds Stacey Marinkovich ha sostenuto la sua coppia difensiva composta da Sarah Klau e Courtney Bruce, con il solo giovane Ruby Bakewell-Doran l’unico altro difensore nominato per la seconda partita.

Marinkovich ha deciso di aggiungere più armi al suo attacco finale, nonostante l’infortunio di Aryang.

Klau ha giocato solo il primo quarto della prima partita – in cui gli australiani sono scesi di 20 gol a nove – prima che Aryang venisse inserito.

La decisione di portare sia Dwyer che Proud tra i 12 è stata inizialmente richiesta dall’ex skipper dei Diamonds Kim Green dopo la sconvolgente sconfitta di otto gol nella prima partita di mercoledì.

Il dramma della sponsorizzazione di Diamonds si intensifica | 00:44

Un altro ex capitano australiano, Caitlin Bassett, afferma che la difesa dei Diamonds deve alzarsi per la seconda partita, dopo che l’unità difensiva della Nuova Zelanda è stata semplicemente “soffocante” nel primo scontro.

“È davvero difficile raccogliere la palla quando stai giocando contro una squadra che ha un tale slancio, specialmente andando all’attacco con un bersaglio come Grace Nweke”, ha detto Bassett.

“È come giocare contro un Fowler (la superstar Jhaniele): sai che non vincerai ogni singolo pallone, ma quando puoi provare a rallentarli, prendi una palla davanti, devi assicurarti stai quindi mettendo quel punteggio sul tabellone dalla tua parte.

Il midcourter Jamie-Lee Price è stato uno dei protagonisti della prima partita, dopo essere arrivato a metà del secondo mandato.

Green ha detto che le piacerebbe vedere la 26enne concessa più tempo in campo, mentre il grande netball Cath Cox ha detto che la performance ha messo Price “in prima linea” nella mente dell’allenatore Marinkovich.

Diamanti desiderosi di riconquistare la Coppa | 04:53

“Era amaramente delusa (per aver perso la selezione dei Giochi del Commonwealth a luglio)… Ho pensato che fosse fantastica e un ottimo inizio per lei. Spero di vederla iniziare”, ha detto Green.

Squadra di Diamanti:

Ruby Bakewell-Doran, Courtney Bruce, Sophie Dwyer, Sophie Garbin, Cara Koenen, Sarah Klau, Kate Moloney, Amy Parmenter, Jamie-Lee Price, Maddy Proud, Liz Watson (c), Steph Wood (vc)

BLOG IN DIRETTA

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *