Come essere un fan dei videogiochi con OCD – Reader’s Feature

Uomo che gioca a Red Dead Redemption 2

I videogiochi possono essere un ottimo modo per allontanarsi da tutto (foto: Chesnot/Getty Images)

Un lettore spiega come il gioco lo abbia aiutato a far fronte al disturbo ossessivo compulsivo, ma anche come la malattia abbia interferito con il suo hobby preferito.

Fin dall’età di nove anni (ora ne ho 28) mi è stata diagnosticata una malattia mentale chiamata DOC, nota anche come disturbo ossessivo compulsivo. Fino ad oggi lotto duramente con il DOC, tanto che ha influenzato la mia vita a tal punto che ho ansia e depressione in più. Contrariamente alla sfortunata rappresentazione ingannevole del disturbo ossessivo compulsivo, non è così semplice come essere un “manifestazione ordinata” e ha molte forme diverse e modi complicati per influenzarti. Sinceramente non avrei spazio per elencare ogni singolo modo in cui il DOC si è manifestato per me nel corso degli anni ma, credetemi, non sono piacevoli.

Quindi… dopo tutti questi anni, dopo aver attraversato così tante diverse varianti del disturbo ossessivo compulsivo e l’ho fatto ancora oggi, come sono riuscito a mantenermi relativamente sano? Ebbene, uno dei fattori più importanti è stato il mio amore per i giochi!

Quando ero più giovane, ho avuto la fortuna di avere una PS1 seguita da PlayStation 2 e un Xbox, PlayStation 1 e 2 sono le console a cui ho giocato di più in quel momento. Crash Bandicoot, Speed ​​Freaks, FIFA, TimeSplitters e la serie di SmackDown! i giochi di wrestling sono tra i miei preferiti. Nonostante il mio divertimento nel giocare a questi giochi, insieme a molti altri, OCD era ancora lì indugiando e cercando di infiltrarsi nel rovinare le mie prime esperienze di gioco. Fortunatamente, allora non era così forte e, sebbene a volte dirompente, non era un grosso problema come si è evoluto alla fine.

Dopo di che è stato su Xbox 360, con cui mio padre ha sorpreso me e mio fratello quando ero quasi un adolescente. Ho bei ricordi di molti giochi, come l’immersione nell’universo e la storia di uno dei miei giochi preferiti in assoluto in Mass Effect 2; nascosto in una capanna con il mio amico, nella zona di Tall Trees, mentre veniva attaccato da uno sciame di puma in Red Dead Redemption; completare Halo: ODST su Legendary con un amico un giorno dopo essere stato “malato” a scuola; e il tentativo di migliorare il mio rapporto uccisioni/morte con gli amici sull’iconico Call Of Duty 4.

Più o meno verso la fine dell’era di Xbox 360 e all’inizio dell’era di Xbox One e PlayStation 4, tuttavia, è il momento in cui l’OCD ha davvero iniziato a entrare in gioco e ostacolare il mio tempo libero di gioco. Mi farebbe entrare e rientrare in giochi e app più e più volte, a volte ore e ore.

Mi ha fatto cambiare il mio gamertag Xbox più e più volte. Mi farebbe preoccupare dei giochi che potrei e non potrei giocare. E se i giochi avessero dei momenti di “attivazione”? (Momenti che si presterebbero al DOC che mi fanno sentire più ansioso). E se mi fossi “bloccato”? (Sentirsi intrappolati nel dover fare qualcosa per cancellarlo). E se qualcuno mi manda un messaggio offensivo? E se venissi hackerato? Cosa succede se la mia console smette di funzionare?

Non dico tutto questo per simpatia. Sto dicendo tutto questo per portare, si spera, un po’ di rispetto e attenzione necessari al DOC, alle malattie mentali in generale, e per mostrare quanto il gioco sia benefico per aiutare le persone. Voglio anche che le persone si rendano conto che se questo è qualcosa con cui hai difficoltà, non sei solo e può migliorare.

Ovviamente fa schifo che possa rovinare qualcosa che ami, come i videogiochi, ma allo stesso tempo, grazie al cielo, i giochi perché non so dove sarei senza di esso.

Dal lettore Tanis


Per il supporto con il Disturbo Ossessivo Compulsivo

Se hai bisogno di supporto con OCD, puoi contattare CALM allo 0800 58 58 58.

La funzione del lettore non rappresenta necessariamente le opinioni di GameCentral o Metro.

Puoi inviare la tua funzione di lettura da 500 a 600 parole in qualsiasi momento, che, se utilizzata, verrà pubblicata nello slot del fine settimana successivo appropriato. Basta contattarci all’indirizzo gamecentral@metro.co.uk o utilizzare la nostra pagina Invia contenuti e non sarà necessario inviare un’e-mail.

ALTRO: come si confronta il consumo di energia per PS5, Xbox Series X, Xbox Series S e Nintendo Switch e come posso risparmiare denaro?

ALTRO: Microsoft ha bisogno di annullare Xbox Series S per salvare questa generazione – Funzionalità del lettore

ALTRO: Perché Konami sta assumendo i peggiori sviluppatori possibili per Silent Hill? – Caratteristica del lettore

Segui Metro Gaming su Twitter e inviaci un’e-mail a gamecentral@metro.co.uk

Per inviare più facilmente le lettere della Posta in arrivo e le Funzioni del lettore, senza la necessità di inviare un’e-mail, utilizza la nostra pagina Invia contenuti qui.

Per altre storie come questa, controlla la nostra pagina sui giochi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *