Cinque sfide (e opportunità) di sicurezza informatica per le aziende di tecnologia spaziale

UNLe start-up di tecnologia spaziale italiana spesso acquistano componenti dall’estero, ad esempio le start-up che producono satelliti e nanosatelliti si rivolgono spesso a paesi non sovrani per i componenti. Questo deve essere gestito con attenzione con una supervisione completa, poiché i componenti all’estero rappresentano un rischio significativo della catena di approvvigionamento per le start-up ed è fondamentale garantire che le parti non siano compromesse. È importante garantire che i tuoi fornitori dispongano di solidi processi di sicurezza in atto e che tu li mantenga attivamente responsabili, inclusi controlli, revisioni e test di sicurezza regolari.

Sebbene l’Australia non abbia la capacità sovrana di produrre parti a livello locale, le società Space Tech dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di collaborare con un’azienda di sicurezza informatica che abbia la capacità, i processi stabiliti e la capacità di gestire il rischio della catena di approvvigionamento. Queste aziende possono condurre valutazioni del rischio indipendenti e impostare strutture di sicurezza dei fornitori.

Puoi quindi interagire con il tuo partner di sicurezza per eseguire simulazioni di attacchi e avversari per sfidare la tua organizzazione come farebbe un utente malintenzionato, test di penetrazione del software ed eseguire revisioni e analisi delle vulnerabilità sulle parti per assicurarti che siano pulite prima che vengano implementate.

La protezione della catena di approvvigionamento è una grande sfida informatica da affrontare e richiede tempo per essere corretta, ma eleverà la reputazione e la posizione della tua organizzazione, aumentando la fiducia e la fiducia degli investitori e del governo.

Proteggere e assicurare i tuoi carichi utili

Space Tech è un’industria incredibilmente eccitante e in rapida crescita. Il suo potenziale è immenso ed è per questo che sta attirando molto interesse da parte degli investitori. Ma spesso le start-up ottengono finanziamenti e poi si trovano sotto un’enorme pressione per aumentare e mostrare un ritorno su quell’investimento. Per consegnare rapidamente, possono lasciare che le cose che non considerano importanti, come la sicurezza informatica, vadano perse.

Tuttavia, quando le start-up considerano la sicurezza nella progettazione e costruzione della loro tecnologia (hardware o software) in modo più sicuro, le preparano in modo esponenzialmente migliore per il futuro. Un modo per farlo è arrivare alla fase in cui ha un prototipo funzionante, ad esempio un satellite, e poi chiedere a un’azienda di sicurezza di eseguire un test di penetrazione e una valutazione dei rischi e delle minacce. Un’azienda di sicurezza valuterà il dispositivo in modo olistico per vedere se può essere compromesso.

Con il software, di solito le vulnerabilità derivano dal modo in cui è stato implementato, ad esempio configurazione errata, mancanza di controllo degli accessi o impossibilità di aggiornare e mantenere il software. Ad esempio, se stai distribuendo software Microsoft, sai che è stato testato per la sicurezza e che ti stanno vendendo tale garanzia, ma possono sorgere problemi con il modo in cui viene implementato. Questo è il punto in cui devi essere sicuro che ciò che hai inserito nel dispositivo sia stato anche sottoposto a test di sicurezza, come il controllo degli accessi, il rilevamento degli endpoint e il software di risposta e il rilevamento e la prevenzione delle intrusioni. Inoltre, puoi implementare queste cose per renderlo più sicuro, ma ha anche bisogno di una valutazione approfondita per garantire che sia sicuro. Questo è il momento chiave per resistere alla pressione per fornire un prodotto più velocemente, tenendo presente le conseguenze potenzialmente disastrose di protezioni informatiche deboli prima del rilascio.

Perdere il contatto con il controllo a terra

Mentre la nostra ambizione sta girando verso il cielo mentre sviluppiamo la tecnologia spaziale, è anche fondamentale dare la priorità alla sicurezza fisica sul terreno. Le stazioni di terra vulnerabili rappresentano un grave rischio e le aziende di tecnologia spaziale dovrebbero applicare lo stesso livello di sofisticatezza in una strategia di sicurezza fisica di qualsiasi altra azienda che protegge risorse critiche o infrastrutture operative.

Poiché così tanto è ora archiviato nel cloud, le organizzazioni si affidano a Microsoft Azure, Amazon AWS e altri servizi basati sul cloud e rischiano di trascurare di integrare la sicurezza fisica nei loro requisiti come una volta. Ma poiché i satelliti sono ovviamente controllati dalle stazioni di terra, con i dati che si collegano ad essi dall’orbita, è fondamentale pianificare i rischi per la sicurezza a terra implementando appropriati controlli di sicurezza fisica, come monitoraggio, allerta, risposta agli incidenti e controllo di accesso appropriato .

Inoltre, se sono presenti dispositivi Internet of Things (IoT) nel tuo sistema Space Tech, ad esempio un contatore intelligente o altri strumenti di raccolta dati, è fondamentale anche mantenere la sicurezza al primo posto. I dispositivi IoT sono particolarmente vulnerabili agli attacchi informatici e dovrebbero essere attentamente monitorati. Ciò risale anche al rischio della catena di approvvigionamento.

Lancia una forte cultura informatica

Man mano che la tecnologia avanza più velocemente e diventa più intelligente, i criminali informatici sono al passo. A causa di vari requisiti e framework governativi, la maggior parte delle organizzazioni ha adottato una qualche forma di pratica di sicurezza informatica e si è occupata delle evidenti vulnerabilità nei propri ambienti. La tua stessa gente è ora uno dei tuoi maggiori rischi, anche se inavvertitamente. Se sei un criminale informatico che cerca di entrare in una start-up di Space Tech, uno dei posti migliori da cui iniziare sarebbe quello di inserirti nella catena di approvvigionamento di quell’azienda, ad esempio fingendo di essere un venditore e inviando fatture false con un collegamento pagare o impersonare un venditore legittimo.

Se i tuoi dipendenti non hanno seguito un corso di sensibilizzazione degli utenti appropriato per comprendere il rischio informatico e fanno clic sul collegamento del fornitore falso, possono esserci conseguenze devastanti. Questi possono includere la perdita di IP, ransomware che si impossessa di un sistema, perdite finanziarie e rischio reputazionale. Ecco perché è essenziale disporre di processi e governance informatica rigorosi.

Una forte cultura informatica deve iniziare dall’alto, con fondatori e decisori che danno l’esempio. Lo sviluppo di una forte cultura informatica è un investimento nelle persone e nei sistemi che potrebbe farti risparmiare somme significative.

Pianta una bandiera in Security by Design

La sicurezza informatica doveva essere imbullonata praticamente in ogni altro settore per proteggere operazioni vecchie di decenni e precedenti al rischio. Emerging Space Tech è un’opportunità per incorporare Security by Design. È un enorme vantaggio e perdere questa opportunità dovrebbe essere visto come un rischio.

All’inizio, quando stai progettando il tuo prodotto, prima ancora di ordinare qualsiasi componente, tanto meno costruirlo, puoi mettere la sicurezza al centro. Stai pensando alla sicurezza fin dal primo momento in cui hai l’idea per il tuo prodotto e ti chiedi: ‘Come lo garantiamo?’. Ciò plasmerà il modo in cui interagisci con i fornitori, come costruisci il prodotto e tutte le misure che metti in atto per proteggerlo.

Abbiamo raccolto così tante lezioni apprese da altri settori e tecnologie e conosciamo i punti deboli che gli aggressori hanno sfruttato in altri sistemi. Ora si tratta di utilizzare la nostra esperienza per prevedere come attaccheranno i sistemi Space Tech e implementare in modo proattivo misure testate per difenderli e proteggerli prima che gli aggressori ne abbiano la possibilità.

Security by Design è un approccio che incorpori nell’intero processo durante lo sviluppo, la progettazione e l’implementazione di nuove tecnologie, ed è un punto di svolta per la gestione del rischio informatico nel settore della tecnologia spaziale.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *