Che aspetto hanno i mostri famosi dei libri, secondo AI

L’IA aperta ha ora reso DALL-E, un generatore di immagini di intelligenza artificiale, disponibile per l’uso da parte di tutti, senza la lista d’attesa.

Con l’arrivo di Halloween, il Deseret News ha usato DALL-E per vedere come l’IA avrebbe immaginato mostri famosi dalla letteratura, usando solo le descrizioni fornite nei libri.

In alcuni casi, come Dracula, le descrizioni fornite dagli autori sono troppo lunghe per essere utilizzate come prompt DALL-E, quindi le descrizioni sono state accorciate e consolidate.

Dracula

Nel capitolo 2 di “Dracula” di Bram Stoker, pubblicato nel 1897, Jonathan Harker descrive il conte come un “vecchio alto, ben rasato a parte i lunghi baffi bianchi, e vestito di nero dalla testa ai piedi, senza una macchia di colore su di lui ovunque. Continua descrivendolo come dotato di “denti bianchi affilati” e orecchie “estremamente appuntite”.

Il risultato? La versione di DALL-E del Conte Dracula sembra proprio un vecchio.

“Un vecchio alto con lunghi baffi bianchi, vestito di nero, con denti bianchi aguzzi e orecchie a punta, realistico.”

Immagine generata con DALL-E, 2022

Il mostro di Frankenstein

Mary Shelley fornisce poco in termini di descrizioni fisiche del mostro di Frankenstein. La descrizione più vivida del mostro, tuttavia, è nel capitolo 5 di “Frankenstein”, quando Victor Frankenstein descrive la sua creatura con orrore:

La sua pelle gialla copriva a malapena il lavoro dei muscoli e delle arterie sottostanti; i suoi capelli erano di un nero lucente e fluenti; i suoi denti di un candore perlaceo; ma queste lussuria formavano solo un contrasto più orribile con i suoi occhi acquosi, che sembravano quasi dello stesso colore delle orbite bianco-bruna in cui erano fissati, la sua carnagione raggrinzita e le labbra nere e dritte.

“Un uomo rianimato alto 8 piedi con la pelle gialla, occhi bianchi che lacrimano e labbra nere dritte, realistico.”

Immagine generata con DALL-E, 2022

ESSO

Sebbene IT nel romanzo horror di Stephen King “IT” prenda spesso la forma di Pennywise il clown danzante, la vera forma del mostro è descritta come una “creatura pelosa e strisciante senza fine” fatta di luce arancione.

Il risultato generato dall’IA è decisamente meno spaventoso di quanto descritto.

“Una creatura pelosa infinita e strisciante fatta di luce arancione, arte digitale.”

Immagine generata con DALL-E, 2022

Cthulhu

Cthulhu appare per la prima volta nel 1928 nel racconto di HP Lovecraft “The Call of Cthulhu”, in cui la creatura è descritta come “un mostro dai contorni vagamente antropoidi, ma con una testa simile a un polpo il cui viso era un ammasso di antenne, una squamosa, corpo dall’aspetto gommoso, artigli prodigiosi sui piedi posteriori e anteriori e ali lunghe e strette dietro.

“Un mostro dai contorni vagamente antropoidi, ma con una testa simile a un polpo il cui viso era un ammasso di antenne, un corpo squamoso dall’aspetto gommoso, artigli prodigiosi sui piedi posteriori e anteriori e ali lunghe e strette dietro, arte digitale.”

Immagine generata con DALL-E, 2022

Il Balrog

Il Balrog di Moria che Gandalf affronta in “Il Signore degli Anelli” di JRR Tolkien è descritto come “come una grande ombra, nel mezzo della quale c’era una forma oscura, forse a forma di uomo, ma più grande”.

Le fiamme ruggirono per salutarlo e si avvinghiarono ad esso; e un fumo nero turbinava nell’aria. La sua criniera fluente si accese e ardeva dietro di essa. Nella sua mano destra c’era una lama come una lingua di fuoco lancinante; alla sua sinistra teneva una frusta di molte cinghie.

Come sottolinea Juliette Harrisson di Den of Geek, non è chiaro se la creatura abbia le ali. Tolkien scrive che “l’ombra che lo circondava si estendeva come due vaste ali”, ma scrive anche che “le sue ali erano distese da una parete all’altra”.

Per quel che vale, DALL-E ha interpretato il Balrog come dotato di ali.

“Una grande ombra con una forma scura, a forma di uomo nel mezzo, avvolta dalle fiamme, con una lama come una lingua di fuoco lancinante nella sua mano destra e una frusta di fuoco nella sua mano sinistra, e l’ombra intorno si protese come due vaste ali, arte digitale”.

Immagine generata con DALL-E, 2022

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *