ByteDance di TikTok vs. Il Meta di Facebook è la prima grande battaglia in VR

Pochi mesi dopo che il chief technology officer di Meta, Andrew Bosworth, ha presentato in anteprima di nascosto il prossimo visore per realtà virtuale (VR) dell’azienda in un poiché cancellato tweet, sono emersi maggiori dettagli sul dispositivo. Il codice nell’app iOS di Meta sembra rivelare il nome ufficiale del dispositivo in arrivo: Meta Quest Pro.

Il nome, rivelato in a rapporto da Bloomberg questa settimana, conferma i precedenti rapporti secondo cui il prossimo visore VR Meta’a sarebbe un prodotto di fascia alta rivolto a utenti professionali e aziendali, con funzionalità aggiuntive e un prezzo più elevato da abbinare. Ai tempi in cui sono state mostrate le prime immagini del nuovo dispositivo, è stato trovato un altro ficcanaso del codice video tutorial che corrispondeva alle immagini condivise da Bosworth. Poi, a giugno, il CEO di Meta Mark Zuckerberg ha dato al mondo qualcosa in più sguardo dettagliato al nuovo visore, confermandone l’aspetto grafico e discutendone le funzionalità avanzate.

Società di analisi di mercato International Data Corporation (IDC) cari che Meta ha venduto circa 15 milioni di unità del suo visore più recente, il Quest 2, dal suo lancio alla fine del 2020. Finora, è il visore VR di maggior successo sul mercato, ma non ha ancora la scala di miliardi di utenti presenti sulle piattaforme Facebook, WhatsApp e Instagram di Meta.

Meta può vedere lo sviluppo del panorama competitivo e si sta spostando per affrontare la sfida

A parte la novità della VR come piattaforma, l’altra parte della curva di crescita relativamente modesta di Quest potrebbe avere a che fare con il storia a scacchi che lo ha reso impopolare con alcuni utenti.

Dopo l’acquisizione di Oculus VR da parte di Facebook nel 2014, il fondatore dell’azienda, Palmer Luckey, ha assicurato ai primi utenti appassionati di Oculus che non avrebbero mai avuto bisogno di un account Facebook per accedere al servizio. Anni dopo, nel 2020, molti membri della comunità VR si sono lamentati quando l’azienda ha infranto quella promessa e annunciato che avrebbero effettivamente bisogno di un account Facebook per accedere.

In risposta ai reclami degli utenti sulla politica di accesso, Meta ha recentemente deciso di invertire la rotta. Giovedì, in un post su Facebook, Zuckerberg ha mantenuto la sua promessa durante l’evento Facebook Connect dello scorso anno che gli utenti avrebbero fatto non è più necessario un account Facebook per accedere alla piattaforma Meta Quest VR. “Non avrai bisogno di un account Facebook per accedere a Quest a partire dal mese prossimo”, ha scritto Zuckerberg sul suo account Facebook. “Stiamo lanciando nuovi account Meta che puoi invece utilizzare con i nostri visori VR. Questo darà a tutti più scelta su come presentarti nel metaverso.

Gli utenti di TikTok migreranno alla realtà virtuale? ByteDance intende scoprirlo

Per Meta, disaccoppiare la community di Quest VR da Facebook, a quanto pare, vale la pena di perdere la potenziale conversione dei quasi 3 miliardi di utenti di Facebook alla sua piattaforma VR. Ma perché adesso? La risposta, come sempre, è la concorrenza.

Tra le crescenti chiacchiere attorno a un possibile dispositivo VR in arrivo da Mela, alcuni hanno trascurato l’altro colosso tecnologico che sta entrando nello spazio: ByteDance, la società madre della popolare app di social media TikTok. ByteDance acquisiti Produttore cinese di cuffie VR Pico interattivo per una somma non rivelata nell’agosto 2021. Pico è una delle poche aziende che produce un visore VR all-in-one che non richiede un PC esterno per funzionare. Per molti versi, l’ultimo dispositivo di Pico, il Pico Neo3, è identico al Quest 2.

Dall’acquisizione, ByteDance ha agito rapidamente per portare il dispositivo nelle mani degli utenti in Europauna mossa che ha alimentato la speculazione secondo cui la società potrebbe puntare a entrare nel mercato statunitense e sfidare Meta’s Quest 2. Questi sospetti sono stati recentemente confermati quando un lungo elenco di annunci di lavoro ha iniziato ad apparire per ruoli presso Pico Studios a Seattle, Washington, e Mountain View, California, per posizioni che coinvolgono lo sviluppo di software, la gestione dell’ecosistema dei contenuti, il marketing e le vendite.

Gli utenti di realtà virtuale negli Stati Uniti potrebbero dover affrontare una scelta “Coca-Cola o Pepsi” nel metaverso

Accanto a Instagram di Meta, che conta 1,2 miliardi di utenti, una delle app di social media più popolari tra Gen Z e Millennials è quella di ByteDance Tic toc, che ora conta 1 miliardo di utenti. E sebbene non vi sia alcuna garanzia che la base utenti installata di cui ByteDance gode sul suo prodotto TikTok sarà immediatamente trasferibile alla sua piattaforma Pico VR, è difficile ignorare i parallelismi tra ciò che Meta ha fatto e i nuovi sforzi di ByteDance.

Anche se Zuckerberg ha contribuito a prendere l’idea del metaverso mainstream sia per Wall Street che per i consumatori, il rebranding dell’azienda come Meta non ha del tutto rimosso i dubbi sulla cultura e la direzione dell’azienda. Quei dubbi, prevedibilmente, hanno in qualche modo colorato il profilo generale del metaverso e la sua fattibilità agli occhi degli scettici. Allo stesso modo, le preoccupazioni negli Stati Uniti che infastidiscono TikTok e i suoi potenziali collegamenti al governo cinese può anche influenzare il modo in cui vengono ricevute le offerte VR di Pico.

Tuttavia, ora che Meta’s Quest ha un vero rivale con una scala competitiva e simili miliardi da spendere, la corsa per monetizzare la realtà virtuale è pronta a diventare molto più controversa.

.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *