Battaglia di Bramall Lane: scene caotiche in cui il Blackpool di nove uomini ha negato la straordinaria vittoria dello Sheffield United

Leggi di più

Leggi di più

Perché i problemi di infortunio del Blackpool potrebbero cambiare il modo in cui il club recluta i giocatori i…

La squadra di Michael Appleton sembrava dirigersi verso la seconda vittoria consecutiva dopo essere arrivata da due gol in meno per 3-2.

Sono sopravvissuti anche a un rigore nel finale quando il calcio di rigore di Rhian Brewster è rimbalzato sul palo.

Jerry Yates ha segnato due gol per la seconda partita consecutiva

Ma dopo che Marvin Ekpiteta e Dom Thompson sono stati entrambi espulsi per due gialli, i Seasiders sono stati costretti a giocare gli ultimi 10 minuti – più OTTO di recupero – con due uomini in svantaggio.

Oliver Norwood ha poi spezzato i cuori di Blackpool al 98′ quando ha segnato un pareggio nel finale per i padroni di casa.

Il dramma non è finito qui, però, con i due set di giocatori che si sono eliminati dopo il fischio finale con l’arbitro David Webb che ha perso a lungo il controllo del gioco.

Wes Foderingham è stato mostrato un rosso dritto per i Blades, mentre Shayne Lavery è stato anche brandito un rosso nonostante sembrasse solo essere lottato a terra.

Mentre ci fermiamo per riprendere fiato, è ancora un punto eccellente per gli uomini di Appleton, ma probabilmente meritavano di più per una prestazione superba dall’inizio alla fine.

Il centrocampista è stato premiato per il suo impressionante cameo dalla panchina durante la vittoria per 3-1 della scorsa settimana contro il Watford.

Bridcutt è raggiunto a centrocampo dal ritorno di Kenny Dougall, che è tornato a disposizione dopo aver scontato una squalifica per una partita.

Significa che Sonny Carey e Callum Wright abbandonano la formazione di Michael Appleton.

Altrove, Shayne Lavery sostituisce Theo Corbeanu mentre i Seasiders nominano tutti e tre gli attaccanti della loro squadra per la seconda volta in tre partite, dopo aver adottato lo stesso approccio per il recente pareggio a reti inviolate contro il Sunderland.

Rhys Williams (stinco), Jordan Gabriel (ginocchio), James Husband (polpaccio), Kevin Stewart (polpaccio e piede fratturato), Lewis Fiorini (bicipite femorale), Keshi Anderson (quadricipite) e Jake Beesley (piede fratturato) restano tutti fuori gioco per infortunio .

La squadra di casa, che ha iniziato la partita in testa alla classifica nonostante abbia perso due degli ultimi tre incontri, ha avuto la palla in rete nel giro di due minuti.

Ma il “gol” da distanza ravvicinata di Tommy Doyle è stato giustamente escluso per fuorigioco poiché i Seasiders avevano giudicato la loro linea alta alla perfezione.

Il Blackpool ha mostrato ottime intenzioni all’inizio, con un sacco di morso al loro pressing che stava sconvolgendo i loro avversari ad alta quota.

Ma quel buon lavoro iniziale è stato annullato in una frazione di secondo quando l’errore di Dom Thompson ha portato a un gol di Blades.

Il terzino sinistro ha dato via la palla senza una vera pressione, permettendo ai padroni di casa di lanciare un pericoloso cross dalla destra che Billy Sharp ha rimandato all’impetuoso James McAtee.

Il centrocampista ha preso un paio di tentativi per segnare, ma alla fine ha portato a casa il pallone nonostante i migliori tentativi dei difensori del Blackpool.

Nonostante la battuta d’arresto, gli ospiti hanno mantenuto il loro brillante inizio iniziale e sono andati vicino all’ex Blade Gary Madine, che ha tirato al volo di poco su cross di destra di Shayne Lavery.

I Seasiders hanno continuato a causare problemi durante la transizione, con Jerry Yates che si è piegato grazie all’aiuto di una leggera deviazione dopo essere stato tirato su da Kenny Dougall.

La squadra di casa, come avrebbe sempre fatto a un certo punto, ha goduto di un periodo di pressione quando ha iniziato a mettersi spesso dietro la sinistra del Blackpool in modo preoccupante.

C’era solo così tanto tempo in cui i Seasiders potevano resistere poiché i Blades prevedibilmente hanno aggiunto un secondo a metà del primo periodo, poiché Iliman Ndiaye ha annuito a casa da distanza ravvicinata.

È stato un altro gol morbido e morbido da subire dal punto di vista di Blackpool, poiché Oliver Norwood è stato autorizzato a correre lungo la destra praticamente incontrastato per sferrare un potente cross basso che Maxwell ha potuto solo palmo dritto a Ndiaye, che non poteva sbagliare da tutti i due o tre metri.

Nonostante le frustrazioni, il piano di gioco di Blackpool funzionava ancora in gran parte, causando ansia tra i tifosi di casa che erano sorprendentemente silenziosi nonostante il loro vantaggio di due gol.

Quel vantaggio è stato meritatamente ridotto a uno solo alla mezz’ora quando Yates si è messo di nuovo a referto.

È stato un gol così intelligente anche dall’attaccante che torna indietro, riuscendo in qualche modo ad allungare il collo per tornare indietro attraverso la porta e nell’angolo più lontano della rete dopo essere stato individuato dall’abile cross di Kenny Dougall.

L’unica grande debolezza del primo tempo di Blackpool è stata nelle aree larghe, poiché i Blades hanno continuato a entrare dietro entrambi i terzini in modo allarmante.

Maxwell ha realizzato una meravigliosa parata per mantenere i punteggi sul 2-1 per negare il tiro in aumento di Doyle, riuscendo in qualche modo a ribaltare il potente sforzo sopra la traversa.

Il Blackpool è andato di nuovo vicino cinque minuti prima dell’intervallo, Marvin Ekpiteta ha inviato un colpo di testa avvolgente e avvolgente verso l’angolo superiore su punizione solo per la palla che si è abbassata di poco.

La fine della trasferta è stata mandata in visibilio tre minuti prima dell’intervallo, quando il Blackpool si è meritatamente riportato a livello – e indovina chi l’ha ottenuto?

Sì, è stato ancora una volta quell’uomo Yates, che ha segnato per la quarta volta in soli 51 minuti di calcio con una copia carbone del suo primo gol contro il Watford, solo dall’altra parte.

Shayne Lavery merita anche un enorme merito per la sua tenacia nell’accumulo prima di mostrare i mezzi per scegliere lo Yates non contrassegnato sul palo posteriore per schierare l’uomo in modo empatico.

I Blades sono andati vicini al ripristino del vantaggio allo scadere dell’intervallo quando Ben Osborn ha fischiato un rasoterra appena oltre il palo.

Poi, nel primo tempo di recupero, i tifosi di casa hanno pensato che la loro squadra avrebbe dovuto ricevere un rigore quando McAtee sembrava essere stato inciampato in area da Jordan Thorniley.

Ma l’arbitro David Webb non era d’accordo, dando invece una punizione al Blackpool e brandendo un giallo a McAtee, con grande frustrazione dei tifosi dei Blades che erano già frustrati dall’esibizione della loro squadra così com’era.

Cinque minuti dopo l’inizio del secondo tempo, la straordinaria inversione di tendenza di Blackpool era completa.

Charlie Patino è balzato al centro del parco dopo aver preso un meraviglioso primo tocco, ma il suo passaggio è stato bloccato.

Un po’ casualmente, la palla è stata deviata direttamente sulla traiettoria di Kenny Dougall che ha mostrato compostezza per infilare la palla oltre il portiere Wes Foderingham.

Da questo momento in poi tutto è diventato un po’ frenetico, con i padroni di casa che impegnano sempre più attaccanti e causano ogni sorta di problemi dalle ampie aree.

Ma quello che ha fatto è stato creare aperture e spazio per il Blackpool in contropiede, con Patino che ha sparato un tiro di poco a lato dopo essere stato giocato da Yates.

La prestazione del Blackpool è stata riassunta dall’instancabile corsa di Shayne Lavery, che ha scattato per tutta la lunghezza del campo per fare un colpo di testa difensivo cruciale mentre la squadra di casa cercava di entrare sul palo di fondo.

Il gioco è stato temporaneamente interrotto a metà del secondo periodo, quando l’arbitro David Webb ha stranamente permesso che il gioco continuasse nonostante Liam Bridcutt fosse rimasto a terra in area per un infortunio alla testa.

La squadra di fisioterapia e il medico si sono occupati di Bridcutt per un periodo di tempo considerevole, anche se il centrocampista è stato in grado di tornare alla fine.

Con appena 10 minuti rimanenti, il Blackpool ha perso completamente la testa – ha mostrato due cartellini rossi in rapida successione per essere ridotti a nove uomini.

Marvin Ekpiteta è stato il primo ad andare, falciando Rhian Brewster per essere mostrato un secondo cartellino giallo.

Appena un minuto dopo, anche a Thompson è stato mostrato un secondo giallo dopo aver stupidamente calciato via la palla dopo aver subito un angolo.

A quattro minuti dalla fine, dopo un prevedibile periodo di pressione da parte dei padroni di casa, i Blades hanno ricevuto un rigore quando Yates è stato condannato per aver tirato una maglietta nell’area.

Brewster è stato l’uomo a farsi avanti e ha battuto Maxwell, che si è tuffato nel modo giusto, ma il suo calcio di rigore è rimbalzato sul palo e in salvo.

Con un minuto di tempo normale rimanente, Maxwell in qualche modo ha prodotto una parata magica per ribaltare il colpo di testa di Oli McBurnie lontano dal pericolo.

Due minuti dopo gli otto minuti di recupero, il subentrato Anel Ahmdedhodzic ha costretto la palla a tornare a casa per i padroni di casa, solo per girarsi e vedere la bandierina del guardalinee alzata per fuorigioco.

Dopo una serie di corner nel finale, i Blades hanno finalmente pareggiato all’ottavo minuto di recupero, Norwood costringendo la palla a casa dal limite dell’area.

Contro ogni previsione, i Seasiders hanno quasi vinto la partita con il calcio finale della partita quando CJ Hamilton è entrato in svantaggio, solo per essere affollati nel momento più importante.

Il dramma è continuato dopo il fischio finale, tuttavia, con i giocatori che si sono riuniti prima che entrambe le squadre ricevessero cartellini rossi: Wes Foderingham per Sheffield United e Lavery per Blackpool dopo che quest’ultimo era stato costretto a terra.

Ha segnato la fine di un pomeriggio completamente caotico nel South Yorkshire.

Sheffield United: Foderingham, Norrington-Davies, Baldock (Khadra), Egan, Basham, Norwood, Doyle, Osborn (McBurnie), McAtee (Ahmedhodzic), Ndiaye, Sharp (Brewster)

Sub non utilizzati: Davies, Robinson, Arblaster

Blackpool: Maxwell, Connolly, Ekpiteta, Thorniley, Thompson, Bridcutt (Wright), Dougall, Patino, Lavery (Williams), Yates, Madine (Hamilton)

Sub non utilizzati: Grimshaw, Carey, Corbeaunu, Poveda

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *