Attenendosi alla sua formula vincente GOTY

Le mosse di Kratos sembrano più pesanti grazie in parte all’aspetto del controller della PS5

Sony ha fornito una copia del gioco per questo articolo e per la prossima recensione.

Il tanto atteso Dio della guerra Continuazione Dio della guerra Ragnarok verrà lanciato il 9 novembre e se sei indeciso sull’opportunità di ottenere il gioco, forse questa recensione delle prime impressioni può aiutarti a decidere.

Per motivi di trasparenza, questo articolo discuterà solo delle prime 4-6 ore di gioco, quindi molto potrebbe cambiare e essere aggiunto quando uscirà la recensione completa. Detto questo, se fossi un fan del precedente Dio della guerra gioco, scoprirai che molte delle cose che ti sono piaciute dal titolo fanno il loro ritorno in questo. Chiaramente, lo studio di Santa Monica ha deciso di attenersi alla loro formula vincente GOTY (gioco dell’anno) e cercare di migliorarla.

E a seconda di chi sei, potrebbe essere sufficiente per darti un’esperienza soddisfacente. È stato per me finora. Dio della guerra Ragnarok conserva molte delle sue parti migliori: gli splendidi ambienti, il sistema di combattimento fluido, le battute padre-figlio e la sua intrigante grande narrativa. Ma i primi momenti del gioco mostrano già alcuni cambiamenti notevoli: impostazioni di accessibilità più perfezionate, nuovi segnali visivi per l’avventura e il combattimento, un’interfaccia utente del menu selvaggiamente diversa (ti ci abituerai), nuovi modi di attraversare e altro ancora.

Mentre ti immergi nelle prime ore noterai che Kratos non ha perso il suo tocco. Le sue mosse sembrano più pesanti, in parte grazie all’effetto tattile del controller Dual Sense della PS5. Lui e Atreus lavorano meglio insieme fin dall’inizio. E ha modi più creativi per mostrare la sua tipica violenza nei confronti di nuovi nemici in nuovi ambienti. Anche l’IA sembra essere più intelligente, a scapito di questo giocatore troppo impaziente. Non puoi raggiungere la vittoria con la stessa facilità di prima e avrai bisogno di pazienza e tempismo per un’esperienza più soddisfacente.

Kratos si è assicurato che il suo paesaggista aggiungesse una piscina nel cortile sul retro

Senza dimenticare Atreus, sarà interessante vedere come si svilupperà durante il gioco. Senza rovinare troppo, il legame di Atreus con Kratos è esattamente quello che ti aspetteresti da un adolescente confuso e da un padre con problemi di comunicazione. I momenti pesanti e leggeri nelle prime ore di gioco promettono una narrazione coinvolgente e sincera che si spera continui fino alla fine.

I puzzle ambientali sono diventati un po’ più complessi, ma Kratos e Atreus possono risolverli più velocemente. Oltre ad alcune nuove meccaniche, sembra che ci siano indicazioni più proattive da parte di Atreus e Mimir per aiutarti se ti perdi. Per fortuna, non è al punto di tenerti la mano e ripetere i segnali più e più volte (guardandoti, Aloy).

Ti permettono di prenderti il ​​tempo per immergerti negli ostacoli e sembrano parlare solo se fai diversi tentativi falliti. Almeno, dalla mia esperienza finora. Sarei un po’ pignolo qui, ma sarebbe fantastico se dessero a Kratos un po’ più di libertà nella mobilità. Sarebbe bello vedere Kratos saltare le pile di rocce e muri, ovviamente facili, o hulk distruggere una barriera di legno debolmente costruita.

Una nota per chi non lo sapesse Dio della guerra, il gioco ha un riepilogo che ti darà i pezzi necessari per capire la storia più grande. Molti dei principali eventi del gioco precedente sono citati anche nel gioco attuale, quindi non ti sentirai perso. Detto questo, ti consiglio di giocare ancora al gioco del 2018 per provare la meraviglia e goderti le interazioni e le relazioni tra tutti i personaggi coinvolti. Ne vale la pena, soprattutto se dai la priorità alla storia.

Infine, per coloro che hanno dubbi sulle prestazioni e sulla qualità dell’immagine: su PS5, c’è una netta differenza tra favorire le prestazioni e favorire la risoluzione nelle impostazioni. Favorire le prestazioni ti dà 60 fps di cui potresti aver bisogno durante il combattimento (movimenti più veloci e fluidi), ma favorire la risoluzione ti dà un’esperienza visiva più soddisfacente che attraversa i nove regni (migliore illuminazione, più dettagli, ecc.).

Sarebbe preferibile se ci fosse un modo per ridurre la differenza visiva tra modalità prestazioni e modalità risoluzione. Detto questo, Sony ha menzionato una patch in arrivo all’inizio di novembre che include la risoluzione di problemi di prestazioni e un’ulteriore messa a punto.

Tutto sommato, sono entusiasta di continuare a giocare Dio della guerra Ragnarok. Ogni ora che passa è stata un’esperienza soddisfacente che mi ha lasciato desiderare di più. Di questo passo, non sono preoccupato Dio della guerra Ragnarok’successo e lo consiglierei soprattutto se ti è piaciuto il gioco precedente. – Rappler.com

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *