Analisi delle prestazioni del PC della collezione Legacy of Thieves

Sony ha finalmente rilasciato UNCHARTED: Legacy of Thieves Collection su PC. Alimentato dal motore interno di Naughty Dog, è giunto il momento di confrontarlo e vedere come si comporta su PC.

Per questa analisi delle prestazioni del PC, abbiamo utilizzato un Intel i9 9900K con 16 GB di DDR4 a 3800 Mhz, Radeon RX580, RX Vega 64, RX 6900XT di AMD, GTX980Ti, RTX 2080Ti, RTX 3080 e RTX 4090 di NVIDIA. Abbiamo anche utilizzato Windows 10 a 64 bit , i driver GeForce 522.25 e Radeon Software Adrenalin 2020 Edition 22.10.2.

Ridimensionamento della CPU inesplorato

Iron Galaxy, il team che ha gestito la versione PC, ha aggiunto alcune impostazioni grafiche da modificare. I giocatori su PC possono regolare la qualità di trame, modelli, ombre, riflessi e occlusione ambientale. Il gioco supporta anche NVIDIA DLSS 2 e AMD FSR 2.0. Sfortunatamente, però, e similmente a God of War, non presenta una modalità esclusiva a schermo intero. Pertanto, il downsampling da una risoluzione più alta (rispetto a quella nativa) può essere un rompicoglioni. Per fare ciò, dovrai impostare il desktop sulla risoluzione che desideri e quindi avviare il gioco.

Impostazioni grafiche di Uncharted Legacy of Thieves Collection-1Impostazioni grafiche di Uncharted Legacy of Thieves Collection-2

UNCHARTED: Legacy of Thieves Collection non include alcuno strumento di benchmark integrato. Pertanto, sia per i nostri benchmark CPU che GPU, abbiamo utilizzato la prima area aperta che incontri dopo essere scappato di prigione.

UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-12

Per scoprire come il gioco si adatta a più thread della CPU, abbiamo simulato una CPU dual-core, una quad-core e una hexa-core. E, analogamente a Call of Duty: Modern Warfare 2, UNCHARTED vede enormi vantaggi dall’Hyper-Threading.

Le prime cose però. Il gioco era completamente ingiocabile sul nostro sistema dual-core simulato, quindi non preoccuparti di eseguirlo su tali sistemi PC. I giocatori PC avranno almeno bisogno di una moderna CPU quad-core.

UNCHARTED benchmark CPU Legacy of Thieves Collection

Come puoi vedere, l’Hyper-Threading ha potenziato le nostre prestazioni complessive (a 1080p/Ultra Settings) sia sui nostri sistemi octa-core che su quelli simulati hexa-core. Grazie alle straordinarie capacità multi-threading del gioco, il nostro i9 9900K è stato in grado di spingere framerate incredibilmente alti.

UNCHARTED: Legacy of Thieves Collection non richiede anche una GPU di fascia alta per i giochi a 1080p/Ultra. La nostra NVIDIA GTX980Ti è stata in grado di offrire un’esperienza di gioco fluida. D’altra parte, la nostra AMD Radeon RX Vega 64 è stata in grado di flettere i muscoli, offrendo prestazioni superiori del 40%. Questo è un altro gioco che predilige le GPU di AMD rispetto alle GPU di NVIDIA.

benchmark GPU UNCHARTED Legacy of Thieves Collection-1

Con impostazioni 1440p/Ultra, i nostri primi quattro sono stati in grado di fornire un’esperienza di gioco fluida. E per quanto riguarda il 4K/Ultra, le uniche GPU in grado di offrire un’esperienza costante a 60 fps sono state AMD RX 6900XT e NVIDIA RTX4090.

benchmark GPU UNCHARTED Legacy of Thieves Collection-2

Dal punto di vista grafico, UNCHARTED: Legacy of Thieves Collection ha un bell’aspetto. Questa raccolta presenta versioni rimasterizzate di Uncharted 4 e Uncharted: The Lost Legacy, originariamente uscito su PS4. Quindi stiamo fondamentalmente guardando i giochi di vecchia generazione. Tuttavia, entrambi questi giochi sembrano ancora fantastici. Entrambi hanno anche una vegetazione pieghevole e c’è una grande attenzione ai dettagli. Naughty Dog ha anche preparato l’illuminazione in modo tale da rendere entrambi questi giochi incredibili, anche a questa data. La mia unica lamentela, dal punto di vista grafico, riguarda le animazioni di Drake poiché a volte possono sembrare strane (e meno fluide di quelle che si trovano nei giochi di ultima generazione).

Purtroppo, la raccolta su PC soffre di terribili controlli del mouse. Iron Galaxy ha incasinato le sensibilità degli assi “x” e “y”, risultando in alcuni movimenti del mouse davvero imbarazzanti. La buona notizia è che gli sviluppatori stanno esaminando questi problemi con il mouse. Quindi, speriamo che li affrontino prima piuttosto che dopo.

Tutto sommato, UNCHARTED: Legacy of Thieves Collection funziona incredibilmente bene su PC. La raccolta non richiede GPU di fascia alta per i giochi a risoluzioni Full HD e funziona al meglio sull’hardware AMD. Supporta anche NVIDIA DLSS 2 e AMD FSR 2.0 in modo che i giocatori su PC possano aumentare ulteriormente le prestazioni complessive. Sfortunatamente, però, i giochi attualmente hanno controlli del mouse terribili. Non solo, ma mancano anche di una modalità a schermo intero esclusiva e, secondo i rapporti, il loro LOD a volte può essere peggiore di quello utilizzato in PS5. Quindi spero che Iron Galaxy risolva questi problemi tramite aggiornamenti post-lancio.

Divertiti!

UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-1UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-2UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-3 UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-4UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-5UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-6 UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-7UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-8UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-9 UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-10UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-11UNCHARTED: screenshot per PC della collezione Legacy of Thieves-12

AGGIORNARE:

Per i nostri benchmark abbiamo utilizzato Uncharted 4. Dai test iniziali, The Lost Legacy sembra essere meno ottimizzato. Non solo richiede più potenza di CPU e GPU, ma abbiamo anche avuto dei balbettii durante il panning della fotocamera durante il prologo.

Giovanni Papadopoulos

John è il fondatore e caporedattore di DSOGaming. È un fan dei giochi per PC e supporta fortemente le comunità di modding e indie. Prima di creare DSOGaming, John ha lavorato su numerosi siti web di giochi. Sebbene sia un giocatore PC irriducibile, le sue radici di gioco possono essere trovate su console. John amava – e ama ancora – le console a 16 bit e considera SNES una delle migliori console. Tuttavia, la piattaforma PC lo ha conquistato sulle console. Ciò era dovuto principalmente a 3DFX e alla sua iconica scheda grafica dedicata all’acceleratore 3D, Voodoo 2. John ha anche scritto una tesi di laurea su “L’evoluzione delle schede grafiche per PC”.
Contatto email

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *